SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno di Sardegna » Scheda Senatore  


TORELLI Luigi

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/09/1810
Luogo di nascita:Villa di Tirano, Sondrio
Data del decesso:14/11/1887
Luogo di decesso:Tirano, Sondrio
Padre:Bernardino
Madre:GUICCIARDI Luigia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariNobile, titolo conferito al padre nel 1816
Conte, titolo conferito con sovrano motuproprio del 3 agosto 1874
Nobiltà di servizio
Coniuge:Branduardi Baldoni Marietta
Figli: Luigia
Maria
Bernardo
Domenico
Fratelli:Francesco
Parenti:Luigi, nipote, figlio del fratello Francesco
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia
Professione:Prefetto
Si
Carriera:Governatore, poi prefetto di Sondrio (1859-9 ottobre 1861)
Prefetto di Bergamo (9 ottobre 1861-1° febbraio 1862)
Prefetto di Palermo (1° febbraio-6 aprile 1862) (15 aprile-13 ottobre 1866)
Prefetto di Pisa (6 aprile 1862-29 settembre 1864)
Prefetto di Venezia (5 maggio 1867-28 luglio 1872)
Luogotenente di fanteria nella campagna del 1848
Capitano effettivo di Stato maggiore
Capo di Stato maggiore di brigata
Cariche politico - amministrative:Membro della Commissione per la legge elettorale per la convocazione dell'Assemblea nazionale (Milano) (1848)
Cariche e titoli: Socio dell'Accademia d'agricoltura di Torino (5 gennaio 1853)
Membro onorario della Società di agricoltura, industria e commercio di Torino (23 maggio 1865)
Socio fondatore della Società di economia politica di Torino (1852-1866)
Vicepresidente dell'Associazione agraria subalpina di Torino
Socio onorario del Museo industriale italiano di Torino
Membro corrispondente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (21 luglio 1867)
Membro effettivo dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (10 aprile 1868)
Socio della Società geografica italiana (1867)
Socio del Club alpino italiano CAI, sezione di Firenze

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/29/1860
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Luigi Cibrario
Convalida:18/07/1861
Giuramento:18/02/1861
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d'inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 febbraio 1856
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 agosto 1859
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° giugno 1862
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1865
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 12 giugno 1856
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 23 gennaio 1870
Gran cordone dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Ufficiale dell'Ordine dell'Osmaniè (Impero ottomano) 1857
Gran Croce di Francesco Giuseppe I (Austria) 1871
Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) 1877

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
Decorazioni:Medaglia d'argento al valore militare ; Medaglia commemorativa delle guerre d'indipendenza ; Medaglia a ricordo dell'Unità d'Italia ; Medaglia d'oro al valore militare ; Medaglia d'oro al valore civile

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
III
Arona
16 settembre 1849
Ballottaggio il 17 settembre 1849
IV
Arona
9 dicembre 1849
V
Arona
8 dicembre 1853
Ballottaggio l’11 dicembre 1853
VI
Intra
18 febbraio 1858


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (23 novembre 1876-23 gennaio 1878) (11 marzo 1878-1° febbraio 1880) (19 febbraio-2 maggio 1880) (29 maggio 1880-14 giugno 1881, dimissionario)

    .:: Governo ::.

Regno di Sardegna post 04 Marzo 1848 - Regno d'Italia:Ministro dell'agricoltura (27 ottobre-16 dicembre 1848)
Governo:Ministro dell'agricoltura, industria e commercio (29 settembre 1864-23 dicembre 1865)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

      Mi tocca, signori senatori, il pietoso ufficio di commemorare quegli onorandissimi colleghi nostri che morte rapiva durante la sospensione delle nostre sedute: i senatori […] Luigi Torelli.
      Il conte Luigi Torelli, morto il 14 corrente in Tirano, dove era nato nel 1810, ebbe molta parte in tutte le vicende dell’italiano risorgimento.
      Patriota caldissimo, fu di coloro che prepararono efficacemente coll’opera e cogli scritti la insurrezione lombarda dell’anno 1848.
      E questa vittoriosa, egli, l’Anonimo Lombardo, posata la penna si fe’ soldato, per assicurare la indipendenza, supremo bene cogli scritti raccomandato.
      Il segno de’ forti, che sul suo petto brillava, lo attestò soldato valoroso.
      Rotte a Novara le armi italiane, il Torelli, emigrato in Piemonte, fu deputato al Parlamento subalpino durante quattro legislature, segnalandosi per operosità ed ingegno non comuni nella schiera di coloro che alla politica del conte di Cavour diedero aiuto e favore. Sul principio del 1860 fu noverato fra i senatori del Regno.
      Versatissimo nelle economiche discipline ed in tutte le attinenti ai traffici, all’agricoltura ed alle industrie, due volte fu ministro di agricoltura e commercio, nel 1848 e nel 1864.
      Prefetto di Palermo, nel 1866, con coraggio invitto tenne testa alla plebe sollevata.
      L’operosità sua, che pareva crescere colla età, quasi temesse gli mancasse il tempo a tradurre in atto ciò che la mente volgeva ed il cuore suggeriva a beneficio della patria diletta, si parve largamente in quest’Assemblea ai cui lavori alacremente partecipò finché le forze non gli vennero meno. Ne fanno fede i suoi progetti per combattere la malaria nei luoghi palustri, i suoi discorsi, i suoi scritti su svariati argomenti.
      Ne fa fede infine quel monumento della pietà e del patriottismo, l’ossario dei valorosi caduti alla battaglia di San Martino, che egli ideò e promosse, ed alla cui attuazione intese con giovanile entusiasmo; arrestando quasi, colla ferrea volontà, la gravità del male che da lunghi anni lo travagliava e che lo trasse al sepolcro, in mezzo al compianto di quanti pregiano una vita fortemente spesa per la patria e per i puri ideali che essa proseguì, con costante proposito, dall'alba al tramonto. (Vive approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 18 novembre 1887.
Note:Fondatore e promotore della Società per l'apertura del Canale di Suez.
Ringraziamenti:Alessandra Ravelli - Biblioteca nazionale CAI
Margherita Martelli - Società geografica italiana
Bruno Ciapponi Landi - Vice presidente della Società Storica Valtellinese


Attività 2218_Torelli_IndiciAP.pdf