SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CANTONI Carlo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/20/1840
Luogo di nascita:GROPELLO LOMELLINO - oggi GROPELLO CAIROLI (Pavia)
Data del decesso:11/09/1906
Luogo di decesso:GROPELLO CAIROLI (Pavia)
Padre:Giovanni
Madre:MAGNAGHI Giuditta
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:MAGENTA Cristina
Figli: Non risultano figli
Titoli di studio:Laurea in lettere e filosofia
Presso:Università di Torino
Professione:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore ordinario di Filosofia teoretica all'Accademia scientifico-letteraria di Milano (19 ottobre 1877)
Professore ordinario di Filosofia teoretica all'Università di Pavia (27 settembre 1878-11 settembre 1906)
Preside della Facoltà di lettere e filosofia all’Università di Pavia (1880-1883)
Rettore dell'Università di Pavia (1882-1884) (1891-1893)
Cariche governative:

Cariche e titoli: Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (12 maggio 1881-20 maggio 1883) (1° maggio 1888-30 aprile 1892) (1° giugno 1897-31 maggio 1901)
Membro della Giunta del Consiglio superiore della pubblica istruzione (21 giugno 1881-20 maggio 1883) (1° maggio 1888-30 aprile 1892)
Membro del Consiglio d'amministrazione del Collegio Ghislieri, rappresentante l'Università di Pavia (1899-1900) (1903-1904)
Consigliere del Consorzio universitario lombardo, delegato del Collegio Ghislieri (1901-1902) (1905-1906)
Membro corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (25 gennaio 1872)
Membro effettivo dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (3 aprile 1879)
Membro effettivo pensionato dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (19 marzo 1891)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei di Roma (12 agosto 1885)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (7 settembre 1888)
Socio corrispondente dell'Accademia delle scienze di Torino (15 marzo 1896)
Membro della Società pavese di storia patria

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/17/1898
Categoria:19 I membri ordinari del Consiglio superiore di istruzione pubblica
dopo sette anni di esercizio
Relatore:Luigi Cremona
Convalida:09/12/1898
Giuramento:16/12/1898

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 1875
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 1884
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 1890
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 giugno 1881
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 giugno 1892


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tancredi Canonico, Presidente

      Signori senatori! [...]
      Il senatore Carlo Cantoni moriva l'11 settembre scorso in Groppello (Pavia) ov'era nato il 20 novembre 1840. Amico di Benedetto Cairoli, che altamente lo stimava, Carlo Cantoni fu in questa generazione uno dei più forti ed illustri cultori delle scienze speculative.
      Laureato nel 1862 a Torino, e perfezionati gli studi a Pisa, a Firenze, a Berlino, insegnò dapprima nel liceo di Torino, poi nel liceo Parini e nell'accademia scientifico-letteraria di Milano: donde passò a professare filosofia teoretica nella Università di Pavia, in cui fu preside della facoltà e poi rettore dell'Ateneo.
      La vasta sua dottrina e l'altezza del suo retto criterio gli valsero la nomina al Consiglio superiore di pubblica istruzione, all'Istituto lombardo, all'Accademia de' Lincei ed, il 17 novembre 1898, a senatore del Regno.
      In tutte queste cariche era mirabile la profondità del suo ingegno, la lucidezza della sua parola, il dono di far penetrare chiaramente la verità, da lui chiaramente sentita, nell'animo degli ascoltatori: dote preziosa ed essenziale in chi deve insegnare.
      Egli pubblicò parecchi pregiati lavori, fra i quali, le Letture sull'intelligenza umana, Psicologia percettiva e logica, il libro monumentale sulla Filosofia di Kant, che gli meritò l'insigne onorificenza di dottore dell'Università di Gottinga nel centenario dell'illustre filosofo di Koenigsberga: sul Sentimento, - su G.B. Vico, - sulla Riforma universitaria, - sulla Libertà nell'istruzione superiore, - sull'Insegnamento filosofico e sulle classi dirigenti.
      Di questa estesa cultura egli ha recato un prezioso contributo nei lavori del Senato, il quale perde in lui uno dei membri più competenti nelle materie da esso professate.
      Amatissimo dagli scolari, di cui era padre ed amico, - modesto quanto valoroso, - di cuore eccellente, egli lascia in quanti lo conobbero un ricordo carissimo, che è il più bello (e non caduco) tra i fiori onde il superstite affetto circonda la lagrimata sua tomba.
      Al diletto e illustre collega, che sarà sempre vivo nei nostri cuori, il saluto del cuore: alla mesta famiglia, le vive e sentite nostre condoglianze. (Benissimo). [...]
      TITTONI, ministro degli affari esteri. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      TITTONI, ministro degli affari esteri. Rinnovando all'illustre Presidente l'espressione di dolorosa simpatia per l'immensa sventura che l'ha colpito, io mi associo a nome del Governo alle nobili parole che egli ha pronunciato per commemorare i senatori Chinaglia, Serafini, Longo, Arrigossi, Fusco, Cantoni, Frisari e Di San Giuseppe. [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Vischi.
      VISCHI. Anche oggi possiamo dire che il lutto del Senato è lutto della patria. Gli uomini eminenti, che commemoriamo, ebbero tanta parte nel risorgimento italiano o tante altre benemerenze da poter dire che la loro dipartita fu sentita e sarà sempre deplorata, come da noi, da tutta l’Italia nostra. [...]
      Come non ricordare in quest’ora che proprio qui, vicino a me sedeva l’illustre Cantoni, di cui giustamente il Presidente ha ricordato le benemerenze?
      [...]
      Ed è per lui [Frisari], come per tutti gli altri, che proporrei fosse inviata alle famiglie derelitte ed ai paesi che ebbero l’alto onore di dar loro i natali, l’espressione di condoglianza da parte del Senato. (Bene).
      PRESIDENTE. La Presidenza ha già così provveduto prevenendo il desiderio dell’onorevole Vischi.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 27 novembre 1906.

Ringraziamenti:Sindaco del Comune di Gropello Cairoli
Assessore del Comune di Gropello Cairoli Dott. Giuseppe Gualtieri
- Accademia delle Scienze di Torino


Attività 0425_Cantoni_Carlo_IndiciAP.pdf