SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CADORNA Luigi

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/04/1850
Luogo di nascita:PALLANZA (Novara) - oggi VERBANIA (Verbano-Cusio-Ossola)
Data del decesso:21/12/1928
Luogo di decesso:BORDIGHERA (Imperia)
Padre:Raffaele, senatore (vedi scheda)
Madre:ZOPPI [o ZOPPIS] Clementina
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte, titolo concesso nel 1875
Nobile fiorentino, titolo concesso nel 1860
Nobile romano, titolo concesso nel 1870
Nobile, titolo riconosciuto nel 1907
Coniuge:BALBI Maria Giovanna, marchesa
Figli: Maria
Clementina (Clea)
Carla
Raffaele, padre di Giovanna, Lucia, Maria Luisa, Luigi, che sposò Nicky Holland, Carlo, Maria Paola nipoti
Fratelli:Maria
Parenti:CADORNA Luigi, avo paterno
CADORNA BOSSI Virginia, ava paterna
CADORNA Carlo, Giovanni Battista, Laura, Antonietta, Maria Galeazza, zii, fratelli del padre
ZOPPI Giovanni Antonio, avo materno
ZOPPI CALCAMUGGI DE FERUFFINI Matilde, ava materna
ZOPPI Vittorio, zio, fratello della madre, senatore (vedi scheda)
Luogo di residenza:PALLANZA (Novara) - oggi (Verbano-Cusio-Ossola)
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Accademia militare di Torino (30 ottobre 1865)
Scuola di guerra
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Colonnello (12 giugno 1892)
Maggiore generale (10 agosto 1898)
Tenente generale (19 gennaio 1905-2 settembre 1919. Data del collocamento a riposo)
Cariche e titoli: Comandante di corpo d'armata (20 marzo 1910)
Capo di Stato maggiore dell'esercito (10 luglio 1914-8 novembre 1917)
Membro del Consiglio superiore interalleato di Versailles (14 novembre 1917-16 febbraio 1918)
Maresciallo d'Italia (3 novembre 1924)
Socio della Società geografica italiana (1925)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/16/1913
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Fiorenzo Bava Beccaris
Convalida:04/12/1913
Giuramento:09/12/1913
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 31 dicembre 1885
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 27 dicembre 1894
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 2 gennaio 1898
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 28 dicembre 1902
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 29 dicembre 1910
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 maggio 1889
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 marzo 1898
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 maggio 1907
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 7 luglio 1910
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 gennaio 1915
Gran cordone dell'Ordine militare di Savoia 28 dicembre 1916

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1915-1918 prima guerra mondiale
Arma:Esercito
Decorazioni:Croce d'oro per anzianità di servizio


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
                              Tommaso Tittoni, Presidente

                              Onorevoli colleghi. Abbiamo appena composto nella solennità della tomba Armando Diaz, ed il triste destino ci chiama a piangere la scomparsa, avvenuta ieri in Bordighera, di colui che fu il primo condottiero dell'esercito italiano nella grande guerra: di Luigi Cadorna.
                              Nato il 4 settembre 1850 in Pallanza, da Raffaele, l'illustre generale che nel 1866 condusse le truppe italiane fino all'Isonzo sulla via di Trieste e nel 1870 alla liberazione di Roma, volle seguire le tradizioni paterne, e, intrapresa la carriera delle armi, salì presto ai più alti gradi. Ufficiale coltissimo e studioso, conoscitore profondo dei nostri confini, fu nel 1914 nominato Capo di Stato maggiore dell'esercito e nei brevi mesi della nostra neutralità dette opera intensa alla nostra preparazione bellica. Scoppiata la guerra egli portò d'un balzo la lotta nel territorio nemico. Undici battaglie, nelle quali rifulse altissimo il valore italiano, avevano stremato l'esercito austriaco ed avrebbero dato a noi il diritto alla vittoria finale: questa fu ritardata dalla fulminea immeritata parentesi di Caporetto, che prima che sconfitta militare fu crisi spirituale. essa trova riscontro nella storia in uguali e numerosi parziali insuccessi attraverso cui sono passati tutti gli eserciti vittoriosi delle Nazioni più guerriere, e ad ogni modo fu cancellata dalla mirabile difesa del Grappa e del Piave e dal trionfo finale di Vittorio Veneto.
                              Compiuta la difficilissima ritirata, portato in salvo l'esercito, organizzate le prime difese, Luigi Cadorna cede il comando supremo per poi ritirarsi a vita privata.
                              Nessun migliore elogio potrebbe a lui tributarsi che ripetendo le parole da lui proferite a Padova, allorché, nel giugno 1925 [sic], gli furono con solenne cerimonia conferite le insegne di Maresciallo: “Mi basta di sentire, di sapere che coi miei compagni d'arme ho fatto tutto ciò che era in mio potere per obbedire al comando della patria, per tener alto l'onore dell'esercito, per non piegare nelle ore buie che in ogni guerra sono fatali, per difendere con l'inflessibile volontà questo sacro suolo, assumendo responsabilità terribili di fronte al giudizio degli uomini e al giudizio di Dio”.
                              Il Senato del Regno, che dal 16 ottobre 1913 lo annoverava fra i suoi membri più illustri, ne piange amaramente la dipartita e porge alla desolata famiglia l'espressione del proprio vivo dolore. (Vive approvazioni).
                              MUSSOLINI, capo del Governo. Domando di parlare.
                              PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
                              MUSSOLINI. Capo del Governo. Non aggiungerò, in nome del Governo, molte parole a quelle austere e commosse pronunciate dal Presidente dell'Assemblea.
                              Il Grande Condottiero d'eserciti, che ricordiamo ed onoriamo, non amava i discorsi e prima di morire ripetè questa sua volontà. Rispettiamola!
                              Mi sia tuttavia consentito dire che oggi l'esercito italiano ha abbrunato le sue gloriose bandiere e che la memoria del maresciallo Cadorna rimarrà viva nel cuore dei fanti che fecero la guerra e nel cuore del popolo italiano”. (Vive approvazioni).

                              Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 22 dicembre 1928.

Note:Il nome completo risulta essere: "Luigi Giovanni Antonio Carlo Giuseppe".
Secondo altra fonte il cognome della madre risulta essere: "Zoppis".

Ringraziamenti:Ministero della difesa:
Capo ufficio affari generali e relazioni esterne Amm. Div. Claudio Gaudiosi
Capo del primo ufficio AGRE Capitano di vascello Francesco Carlo Rizzo di Grado e di Premuda
Capitano Vincenzo Fiorillo
Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana


Attività 0373_Cadorna_Luigi_IndiciAP.pdf