SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CANZI Luigi

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/29/1839
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:19/11/1922
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Canzio
Madre:PECCHIO OGGERO Margherita
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:ANTONGINI Maria
Figli: Mario
Fratelli:CANZI Angela in BATTAGLIA
Luogo di residenza:MILANO
Indirizzo:Via S. Orsola 6
Professione:Industriale-agricoltore
Altre professioni:Possidente
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Gerenzano
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Milano per Saronno (1879-1888)
Cariche e titoli: Membro del Consiglio d'amministrazione della Banca commerciale italiana (29 novembre 1894-19 novembre 1922)
Vicepresidente della Banca commerciale italiana (1°giugno 1912-28 aprile 1916)
Presidente della Banca commerciale italiana (28 aprile 1916-18 luglio 1919)
Membro del Consiglio d'amministrazione della Società generale italiana "Edison" di elettricità (Milano) (1896-19 novembre 1922)
Membro del Consiglio d'amministrazione della Società italiana per le strade ferrate del Mediterraneo
Fondatore della Società di esplorazione commerciale in Africa
Socio annuale della Società geografica italiana

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/26/1910
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Luigi Rossi
Convalida:25/02/1910
Giuramento:09/03/1910


    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIII
Cuggiono
5-11-1876*
Sinistra costituzionale
Ballottaggio il 12 novembre 1876
XIV
Cuggiono
16-5-1880
Sinistra costituzionale
XV
Milano II (Busto Arsizio)
29-10-1882
Sinistra costituzionale
XVI
Milano II (Busto Arsizio)
23-5-1886**
Sinistra costituzionale
Dimissioni il 26 aprile 1888. Rieletto il 27 maggio 1888
XVIII
Busto Arsizio
6-11-1892
Sinistra costituzionale
XIX
Busto Arsizio
26-5-1895
Sinistra costituzionale


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Tommaso Tittoni, Presidente

        Onorevoli colleghi. Un nuovo lutto ho il dolore di annunziarvi. Il senatore Luigi Canzi si è spento ieri in Milano dove era nato il 29 settembre 1839.
        Appartenente a ricca famiglia di patrioti ed educato ai più nobili sensi di italianità, nel 1866 con giovanile entusiasmo indossò la camicia garibaldina e partecipò da valoroso alla campagna per l'unità nazionale.
        Di animo nobilissimo e nutrito di severi studi, ad una vita comoda preferì una esistenza di lavoro e si consacrò interamente all'incremento dell'agricoltura e delle industrie. Viaggiò lungamente, specie nell'estremo Oriente, e dall'esperienza fatta nei suoi viaggi fu non poco avvantaggiata in Lombardia l'industria della seta.
        D'ingegno vivacissimo e molto competente nelle questioni industriali e commerciali, egli non poteva rimanere estraneo alla vita pubblica e, mentre fece parte di varie amministrazioni comunali milanesi e fu consigliere provinciale di Milano, fin dal 1876 fu inviato alla Camera dei deputati quale rappresentante del collegio di Cuggiono. E, convinto liberale, in Parlamento si affermò subito nella energica e intelligente difesa dei più vitali interessi del paese, suscitando le più vive simpatie dei colleghi per la prontezza e profondità delle sue vedute, per l'equilibrio dei suoi giudizi, per la modestia e mitezza del suo carattere.
        Fece parte di molte ed importanti commissioni e innumerevoli sono i suoi discorsi nell'interesse sopra tutto dell'agricoltura e del commercio, sia nel Regno che nelle Colonie, come alle discussioni dei bilanci e di materia finanziaria raramente mancò la sua preziosa partecipazione.
        Nella Camera dei deputati sedette lungo tempo: rappresentante di Cuggiono fino al 1882, dopo l'allargamento dei collegi elettorali per la sostituzione dello scrutinio di lista a quello uninominale, egli fu per la XV e XVI legislatura fra i rappresentanti del collegio di Milano.
        E nel 1888, quando dubitò di non godere più la fiducia dei suoi elettori per dissensi sorti circa la questione del protezionismo, obbedendo ad uno squisito senso di correttezza politica, egli non tardò a dimettersi; ma, poco dopo, veniva rieletto a grande maggioranza per il collegio di Busto Arsizio e come tale restò alla Camera per la XVIII e la XIX legislatura.
        Il 26 gennaio 1910 fu nominato senatore ed anche in Senato, fino a quando glielo permise la tarda età, prestò opera assidua, prendendo parte a varie discussioni in materia di finanza.
        Con Luigi Canzi scompare una fervida ed operosa esistenza, animata da un sincero amore per il paese e da una fiducia incrollabile nelle fortune di esso.
        Con sentimento di vivo dolore mandiamo alla memoria del caro estinto un reverente saluto e alla famiglia le espressioni del nostro cordoglio. (Benissimo).
        DE CAPITANI, ministro dell'agricoltura. Domando di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
        DE CAPITANI, ministro dell'agricoltura. Il Governo si associa alle parole del'illustre Presidente in commemorazione del senatore Luigi Canzi.
        Mi si permetta che, come milanese, io mandi un tributo di reverenza al concittadino che illustrò Milano e l'Italia. Le doti di Luigi Canzi che patriota, come amministratore, come uomo politico furono già lucidamente riassunte. Io potrò dire che Milano lo amava come uno dei suoi più preclari figli. Alla sua venerata memoria va l'ossequio nostro imperituro.

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 20 novembre 1922.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 17 settembre 1839.
Ringraziamenti:Dott.ssa Letizia Moratti Sindaco di Milano
Ing. Nicola Marra - Servizi al cittadino del Comune di Milano


Attività 0429_Canzi_IndiciAP.pdf