SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CANTELLI Girolamo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/22/1815
Luogo di nascita:PARMA
Data del decesso:07/12/1884
Luogo di decesso:PARMA
Padre:Ludovico
Madre:RIZZINI Luigia
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariNobile dei conti di Rubbiano, titolo riconosciuto nel 1897
Coniuge:STOCCHI Teresa
Figli: Antonio, sposò Rosa BACIGALUPO, era padre di Gerolamo;
Giacomo, padre di Giovanni Maria e Isabella;
Alberto
Marco, ufficiale
Fratelli:Giacomo
Parenti:CANTELLI Giacomo, avo paterno
MONTANARI Marianna, ava paterna
STOCCHI Marco, suocero
TARASCONI Domenica, suocera
Luogo di residenza:PARMA
Indirizzo:Via Cantelli, 13
Professione:Possidente
Altre professioni:Funzionario amministrativo
Carriera:Prefetto di Firenze (7 settembre 1864-3 novembre 1867)
Consigliere di Stato (12 novembre 1872-8 aprile 1876)
Cariche politico - amministrative:Podestà di Parma (Ducato di Parma)
Membro della reggenza del Ducato di Parma (20-29 marzo 1848),
Presidente del Governo provvisorio del Ducato di Parma (11 aprile-18 agosto 1848)
Presidente della Commissione di Governo di Parma (9-17 giugno 1848)
Membro dell'Assemblea dei rappresentanti del popolo (Parma) (4 settembre 1859) (25 marzo 1860)
Presidente dell'Assemblea dei rappresentanti del popolo (Parma) (1859)
Presidente del Consiglio provinciale di Parma (1860-1884)
Cariche amministrative:Assessore comunale di Parma
Cariche e titoli: Ministro plenipotenziario per la Lega politico militare fra la Toscana, Modena, Bologna e Parma (1860)
Commissario civile sardo nelle Province napoletane (14 luglio 1861)
Presidente della Commissione d'inchiesta sull'istruzione secondaria maschile e femminile (29 settembre 1872)
Fondatore della Banca parmense (1856), poi fusa con la Banca sarda

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/08/1865
Categoria:02
03
21
Il Presidente della Camera dei deputati
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Lorenzo Ginori Lisci
Convalida:04/12/1865
Giuramento:18/11/1865
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 maggio 1869
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia (1868)

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1859 seconda guerra di indipendenza
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Parma II
25-3- 1860
Destra
VIII
Parma II
27-2- 1861*
Destra
Cessazione per nomina a prefetto
Note:
Cariche:Questore (9 marzo 1861-21 maggio 1863)
Vicepresidente (26 maggio 1863-7 settembre 1865)


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Vicepresidente (11 gennaio 1873-19 ottobre 1873)
Commissioni:Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge sui provvedimenti relativi all'esercito (9 giugno 1870)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro dei lavori pubblici (27 ottobre 1867-5 gennaio 1868) (5 gennaio-23 ottobre 1868)
Ministro dell'interno (ad interim, 10 settembre-23 ottobre 1868) (effettivo, 23 ottobre 1868-7 maggio 1869) (10 luglio 1873-25 marzo 1876)
Ministro della pubblica istruzione (ad interim) (6 febbraio-27 settembre 1874)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giacomo Durando, Presidente

      Anche oggi mi incombe il triste compito di annunziarvi la morte di due fra i nostri colleghi. [...]
      Il conte Girolamo Cantelli cessava di vivere improvvisamente ieri l'altro a Parma, sua patria, nella ancor non grave età di 69 anni.
      Liberale di antica data, caldo patriotta, cittadino virtuosissimo, prese parte ai rivolgimenti politici della patria nostra dal 1848 in poi.
      Coperse con fama di amministratore valente ed integerrimo la carica di prefetto di Firenze, dopo di aver abbandonato il collegio che rappresentò per alcune legislature alla Camera dei deputati. Fece parte del Consiglio della Corona come ministro dei Lavori Pubblici, e due volte col portafoglio dell'Interno.
      Era senatore del Regno dall'8 di ottobre 1865, e prese parte attiva ai lavori del Senato sempre quando non era distolto da altri importanti uffici pubblici; coprì la carica di Vicepresidente nel 1873. Lascia di sé memoria imperitura per integrità di carattere, per le qualità sue eminenti, e per l'amore con cui dedicò l'opera sua a servizio della patria.
      COPPINO, ministro dell’istruzione pubblica. Domando la parola.
      FINALI. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha la parola il signor ministro dell’istruzione pubblica.
      COPPINO, ministro dell’istruzione pubblica. Sento il dolore del Senato nello associarmi a nome del Governo alle parole di compianto e di meritata lode che l’illustre Presidente di questa Assemblea ha tributato ai due illustri [...] ed il conte Cantelli, i quali mancarono a noi lasciando sempre più largo quel vuoto che va via via facendo la morte nelle file di coloro che la patria amarono, col sacrificio delle cose loro; nelle file di quelli i quali le forze loro consacrarono ed aiutarono col pensiero e con le opere la ricostituzione della patria nostra.
      Voglia il Senato accettare questa testimonianza del Governo e voglia la nazione sentire il dovere che essa ha di surrogare uomini degni, a quelli che noi andiamo a mano a mano compiangendo, perché spariscono di mezzo a noi.
      (Benissimo).
      FINALI. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha la parola.
      FINALI. Alle parole così nobili e degne pronunziate dall’onorevolissimo nostro Presidente e dall’onorevole ministro della Pubblica istruzione, intorno ad uno dei due colleghi che abbiamo perduto, sia permesso a me, meno per giungere cosa alcuna alle lodi che si sono udite che per esprimere un sentimento di particolare compianto, sia a me permesso di far seguito commemorando il conte Cantelli.
      Ed a questo ufficio mi muove principalmente la memoria di tre anni passati insieme a lui nell’Amministrazione della cosa pubblica; e lo faccio io perché non veggo qui, fra tanti amici di lui, presente alcuno di coloro, che in quel periodo di tempo o in altro sedettero insieme a lui nei Consigli della Corona.
      Girolamo Cantelli in tutta la sua vita è stato sempre fedele allo stesso concetto politico, al concetto politico pratico e positivo, che ha condotto l’Italia ai presenti destini; non mutandosi mai, ma seguendo lo svolgimento del pensiero e del programma nazionale nelle sue fasi successive. Egli fu un integerrimo, un alto carattere, che alla patria si è consacrato costantemente, anche con sacrificio degli affetti e degli interessi privati.
      Qualche volta egli, in mezzo al difficile compito di reggere il Ministero dell'interno, in tempi come i nostri, che dal 1859 in qua non furono mai perfettamente calmi, fu accusato di soverchio rigore. Ma questo che pareva ad altri soverchio rigore, non era altro in lui, che la coscienza di adempiere ad un profondo imprescindibil dovere.
      Egli che aveva fortemente impressi nell’animo gli ammaestramenti della prudenza e della esperienza del passato, che i giovani non hanno e non ponno avere, teneva così a cuore, e reputava così sacra la conservazione della libertà, dell’indipendenza e dell’unità della patria, conseguite con tanti sforzi e con tanti sacrifici e delle quali egli credeva base necessaria lo Statuto costituzionale e la Dinastia, che egli non poteva tollerare si tentasse di scuoterla; e temeva, che quei supremi beni potessero essere compromessi da improntitudini e da intemperanze. Da questo sentimento soltanto veniva quella sua severa condotta, la quale a taluni poteva parere rigori.
      L’onorevolissimo nostro Presidente, l’onorevole ministro della Pubblica Istruzione, dicendo del conte Cantelli, hanno notato la costanza del patriottismo, la fermezza dei propositi, la dignità del carattere. Sono questi pregi così grandi, e così rari, che io mi auguro che al mio ultimo giorno, qualcheduno possa ripetere di me la stessa lode. (Segni di approvazione).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 9 dicembre 1884.

Note:Il nome completo risulta essere: "Girolamo Giuseppe Maria Gaspare".
Ringraziamenti:- Avv. Mario Egidio Schinaia Presidente del Consiglio di Stato
-Sindaco del Comune di Parma
-Assessore del Comune di Parma Costantino Monteverdi


Attività 0424_Cantelli_IndiciAP.pdf