SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CANTANI Arnaldo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/14/1837
Luogo di nascita:HAINSBACH (Germania)
Data del decesso:30/04/1893
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Vincenzo
Madre:JAROSCHKOWA Adelina
Figli: Arnaldo
Adele, che spos˛ Patrizio SANSEVERINO, figlio di Carlo SANSEVERINO, senatore, (vedi scheda) ed era madre di Fiorenza, Carlo e Arnaldo
Titoli di studio:Laurea in medicina e chirurgia
Presso:UniversitÓ di Praga
Professione:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore di Clinica medica all'Ospedale maggiore di Milano (1868)
Professore ordinario di Clinica medica all'UniversitÓ di Napoli (1868)
Cariche e titoli: Direttore della Prima clinica medica dell'UniversitÓ di Napoli (1888)
Membro del Consiglio superiore di pubblica istruzione (10 maggio 1883-20 maggio 1886)
Membro del Consiglio superiore di sanitÓ del Ministero dell'interno (1887)
Membro del Consiglio sanitario provinciale di Napoli
Membro corrispondente della SocietÓ reale di Napoli (25 giugno 1911)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/26/1889
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Tommaso Celesia
Convalida:01/03/1889
Giuramento:18/03/1889

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 28 maggio 1868
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 27 gennaio 1890
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Marco Tabarrini, Vicepresidente

      Signori senatori! Anche il breve periodo di tempo che trascorse dall'ultima adunanza del Senato, fu contristato dalla perdita dolorosa di quattro nostri colleghi: il commendatore Tommaso Martini, il conte Enrico Fossombroni, il prof. Arnaldo Cantani, il prof. Antonio Ciccone. [...]
      Col professore Arnaldo Cantani si spense una delle glorie scientifiche pi¨ incontestate del nostro paese, uno degli ingegni eletti che nello insegnamento sanno rimettere la scienza nella via della veritÓ.
      Il Cantani era nato a Kainspach nella Provincia di Praga da padre italiano il 14 di febbraio del 1837. Fece gli studi nell'UniversitÓ di Praga, e ne uscý dottore in medicina e chirurgia nell'anno 1860. I suoi primi lavori gli diedero nome di ricercatore diligente ed originale dei segreti della natura, e l'amore che egli mostrava per il suo paese d'origine, del quale scriveva la lingua con forma elettissima, lo additarono al Governo italiano, come un insegnante che le scuole mediche italiane avrebbe ringiovanito con le dottrine sperimentali della scuola germanica.
      Ed infatti, nel 1864, ebbe la Cattedra di materia medica nell'UniversitÓ di Pavia; nel 1867 fu nominato professore di clinica medica nello spedale Maggiore di Milano; e nel 1868 and˛ professore e direttore della clinica medica di Napoli. Dire del nuovo indirizzo da lui dato agli studi medici, dell'efficacia del suo insegnamento, delle molte sue opere scientifiche, non sarebbe nÚ da me, nÚ da questo luogo.
      Fra noi sono uomini versatissimi nelle scienze mediche, i quali potranno aggiungere quello che hanno di manchevole le mie parole. In me che non posso dimenticare di parlare in una Assemblea politica, come sarebbe colpevole il silenzio, cosý sarebbe senza autoritÓ la lode.
      Di uno degli ultimi lavori del Cantani, consentite che vi parli, perchÚ non mi pare che ecceda la comune competenza. Questo Ŕ il volume pubblicato a Torino col titolo: Elementi di economia naturale basati sul rimboscamento.
      In questo libro il tema della conservazione dei boschi Ŕ svolto in tutte le sue attinenze all'economia, all'igiene ed all'agricoltura; ed il consiglio agli italiani di volgersi alla terra come alla fonte principale della loro naturale ricchezza, non poteva essere dato con maggiore autoritÓ, nÚ sussidiato da maggiore apparato di ragioni. Questo libro a mio avviso, costituisce una delle benemerenze, e non l'ultima, del suo autore verso la patria.
      Nel 1888 il Cantani ottenne per legge la naturalizzazione italiana, e col decreto del 26 gennaio 1889 fu nominato senatore. Rare volte lo vedemmo tra noi; ma il Senato pago del lustro che gli dava il nome del Cantani, non gli chiese mai di sottrarre agli studi il tempo che avrebbe dovuto impiegare nei nostri lavori.
      Morý a Napoli il 30 di aprile ultimo, e la sua morte fu lutto per la scienza e per l'Italia. (Vive approvazioni). [...]
      LACAVA, ministro di agricoltura, industria e commercio. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare.
      LACAVA, ministro di agricoltura, industria e commercio. Il Governo si associa a quanto testÚ dicevano l’onorevole Presidente e gli altri senatori, per la morte dei compianti senatori Enrico Fossombroni, Tommaso Martini, Arnaldo Cantani e Antonio Ciccone. [...]
      Che dire del Cantani? La sua scomparsa Ŕ lutto della scienza, come ha detto l’illustre Presidente.
      Nell’ultima sua opera, che io ritengo una della pi¨ importanti e che sotto la modesta forma di un libro intitolato: Pro sylvis, dedicato al Senato ed alla Camera dei deputati, egli ha cercato di richiamare all’attenzione degli italiani sul rimboschimento, sotto il punto di vista climatico, economico ed igienico; libro che io vorrei fosse letto da tutti gli agricoltori italiani. [...]
      PRESIDENTE. Il signor senatore Sprovieri ha proposto che siano inviate le condoglianze del Senato alle famiglie dei senatori defunti.
      Chi approva questa proposta Ŕ pregato di alzarsi.
      (╚ approvata).
      Le condoglianze saranno inviate alle famiglie quanto prima.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 6 maggio 1893.

Note:Naturalizzato cittadino italiano con decreto dell'8 maggio 1887.
Secondo altra fonte risulta nato il 15 febbraio 1837.


AttivitÓ 0422_Cantani_IndiciAP.pdf