SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MASSABĎ Vincenzo

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/06/1840
Luogo di nascita:PORTO MAURIZIO - oggi IMPERIA
Data del decesso:20/06/1915
Luogo di decesso:PORTO MAURIZIO - oggi IMPERIA
Padre:Gerolamo
Madre:MASSABĎ Marietta
Coniuge:CANEPA Maria Marina Giuseppina Anna
Figli: Gerolamo
Bartolomeo
Parenti:Vincenzo, negoziante, avo paterno
Gerolamo, suocero
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Giulia, 102
Altra residenza:PORTO MAURIZIO - oggi IMPERIA
Indirizzo:Via Genova, 43
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Porto Maurizio (21 luglio 1895-7 ottobre 1902)
Presidente del Consiglio provinciale di Porto Maurizio
Presidente della Deputazione provinciale di Porto Maurizio (?-1914)
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Porto Maurizio (1869-[1915])
Membro della Deputazione provinciale di Porto Maurizio
Cariche e titoli: Redattore del giornale "La Provincia" (1881)
Socio benemerito della SocietÓ operaia di mutuo soccorso di S. Stefano al mare
Presidente del Comitato per la strada ferrata Ormea-Oneglia
Membro del Consiglio provinciale scolastico di Porto Maurizio
Membro del Consiglio sanitario provinciale di Porto Maurizio

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/17/1898
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:24/11/1898
Giuramento:09/12/1898

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XV
Porto Maurizio
29-10-1882
Sinistra
XVI
Porto Maurizio
23-5-1886
Sinistra
XVII
Porto Maurizio
23-11-1890
Sinistra


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Proroga dei termini assegnati nella legge 14 luglio 1887 N. 4727 (serie terza) per la commutazione delle prestazioni fondiarie perpetue" (19 dicembre 1903)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Nel tempo, in cui sono state chiuse le nostre sedute, abbiamo perduto i senatori Fergola, D'Alý, Grenet, Masi, Calvi, Massab˛, Villa Tommaso, Campo, Balestra, Tournon, San Donnino, Di Martino, Florena, Salvarezza Cesare. [...]
      Pur uomo politico, preminente nel foro, fu il senatore Vincenzo Massab˛, mancato il 20 giugno in Porto Maurizio, ove nato era il 6 novembre 1840. Presa laurea in legge giovanissimo, dopo breve servizio nel Ministero della guerra, imprese nella cittÓ nativa l'esercizio dell'avvocatura, ben presto acquistandovi nome nel civile, non senza coglier palma nelle difese penali. Giunse ad essere de' pi¨ consultati nella Liguria; ed in tanto onore nel collegio degli avvocati, da essere eletto e lungamente tenuto presidente dell'Ordine. Vita di studio e di lavoro egli condusse in semplicitÓ e bontÓ dell'animo. L'opera diede con amore al bene della cittÓ e della provincia, lo spirito pure operoso alla patria. All'amministrazione comunale ed alla provinciale partecip˛ alacremente. Entrato al Consiglio provinciale nel 1869, vi rimase di continuo quasi cinquant'anni; appartenne alla Deputazione, della quale ebbe la presidenza fino al 1914; e fu presidente del Consiglio. Sindaco di Porto Maurizio, merit˛, stando in carica, la nomina di senatore, che ebbe dal decreto del 17 novembre 1898. Gli Ŕ di molto riconoscente la cittÓ; con il collegio convitto complet˛ gli istituti scolastici. Altri incarichi pubblici ed importanti uffici adempý il cittadino illuminato e coscienzioso. Fu molto benemerita la sua opera al soccorso nel terremoto, che devast˛ la provincia ligure occidentale nell'inverno del 1887. La vita pubblica lo port˛ alla candidatura politica nel collegio di Porto Maurizio, del quale dal 1882 fu deputato di seguito per tre legislature. Alla Camera acquist˛ reputazione il giurista e l'oratore. Nella Giunta delle elezioni diede ad apprezzare la sua rettitudine; in tutta la vita parlamentare l'acume delle vedute, la franchezza e lealtÓ del giudizio. Il suo maggior sapere mostr˛ nelle discussioni giuridiche. Degno di menzione il suo discorso sull'abolizione dei tribunali di commercio, documento di dottrina e di storia dell'istituto. Al Senato, meno frequente a tanta distanza e nel gravar degli anni, pur lo condusse lo zelo suo, e vi fu utile, nei pi¨ importanti lavori legislativi: onde la sua memoria rimane onoranda. [...]
      DE CESARE. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      DE CESARE. La laboriosa vita del senatore Vincenzo Massab˛, che fu deputato e poi nostro collega per sedici anni, Ŕ stata nobilmente riassunta dal nostro illustre Presidente. Io riferir˛ pochi ricordi personali essendo stato suo amico e compagno nella nobile e feconda lotta a favore dell'olivicoltura nazionale.
      Il senatore Massab˛ era presidente del Consiglio provinciale di Porto Maurizio, quando nell'aprile del 1911, la SocietÓ nazionale degli olivicultori tenne in quella cittÓ il suo quinto congresso. Il senatore Massab˛ vi prese parte, inaugurandolo. ╚ da ricordare che in questa occasione fu scoperto a Porto Maurizio un monumento a Giuseppe Biancheri, ed egli pronunzi˛ un nobile discorso. Il Massab˛ fu amico e compagno di fede del Biancheri. In quel discorso egli enumer˛ felicemente le molte benemerenze del Biancheri verso l'Italia e quelle verso la sua regione nativa.
      Due mesi dopo, nel giugno, discutendosi in Senato il bilancio di agricoltura, fu fatta una larga discussione su tutto il problema oleario nazionale, ed il Massab˛ pronunzi˛ un notevole discorso, rivelando le condizioni miserrime della Liguria rispetto all’industria olearia, e portando in quest'Aula il grido di dolore di quella regione.
      Parl˛ fra l'attenzione pi¨ benevola del Senato e present˛ un ordine del giorno che fu accettato dal Governo ed approvato dal Senato: ordine del giorno che, come generalmente accade, lasci˛ il tempo che aveva trovato.
      Alla buona signora, che fu la compagna concorde e affettuosa di Vincenzo Massab˛, e all’unico figliuolo vada una parola di conforto da parte del Senato; al quale, ripeto, il Massab˛ appartenne per oltre sedici anni, lasciandovi ricordi indelebili e simpatici di bonarietÓ, di probitÓ professionale, di sapienza giuridica e di una modestia, che pareva perfino eccessiva: qualitÓ morali, che egli ebbe in comune col suo grande amico Giuseppe Biancheri.
      Il nostro egregio collega, ammiraglio Viale, mi fa sapere che egli si associa a queste mie parole, dolente di non trovarsi in mezzo a noi per ragioni di salute, e pi¨ dolente di non poter mandare l'ultimo saluto alla memoria del suo compianto amico e concittadino. (Approvazioni). [...]
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Domando di parlare.
      PRESIDENTE, Ne ha facoltÓ,
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Assolvo il compito altrettanto onorevole quanto doloroso di esprimere a nome del Governo tutta la simpatia riverente, che esso prova innanzi ai gravi lutti, che quest'alto consesso ha subiti; e in questa simpatia si contiene il pieno consenso al tributo di riconoscenza e di lode, che le inspirate parole del Presidente illustre e degli altri senatori hanno apprestato alla memoria degl'insigni uomini, di cui piangiamo la perdita.
      Ascoltando quelle parole, la mia mente quasi astraeva dalle persone singole, e al di sopra degli uomini commemorati, io vedevo passare innanzi ai miei occhi tutta una serie di vite nobilmente spese nei campi pi¨ diversi: dall'esercito all'amministrazione civile, dal Parlamento alle amministrazioni locali, dalle aule della giustizia alla cattedra della scuola e cosý via via - forme di attivitÓ diverse, ma congiunte tra loro da quest' unica idea e da quest'unica fede: il servizio reso alla patria (Bene! Bravo!).
      E pensavo a quanti tesori di sapienza e di patriottismo in quest'Aula nobilissima si racchiudono. NÚ io nulla aggiungerei a quanto cosý egregiamente Ŕ stato detto; ma concederÓ il Senato che trovi qui un'eco la vibrazione di talune note particolari, che o per ragioni personali o per ragioni di ufficio pi¨ vivamente palpitano nell'animo mio, a proposito, della dipartita di alcuni valentuomini.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1915.

Note:Il nome completo risulta essere: " Vincenzo Maurizio Nicol˛".
Ringraziamenti:Sindaco del Comune di Imperia
Isa Gastaldi e Ugo Braccesi - Biblioteca civica "Leonardo Lagorio" di Imperia
Ufficio di stato civile di Imperia, sig.ra Wilma Semeria
Dott. Marco Castiglia Direttore ad interim dell'Archivio di Stato d'Imperia


AttivitÓ 1412_Massab˛_IndiciAP.pdf