SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


VARISCO Bernardino

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/20/1850
Luogo di nascita:CHIARI (Brescia)
Data del decesso:21/10/1933
Luogo di decesso:CHIARI (Brescia)
Padre:Carlo
Madre:BONATELLI Giulia
Figli: Giulia
Luogo di residenza:ROMA
Titoli di studio:Laurea in matematica
Conseguiti nel:1873
Presso:UniversitÓ di Pavia
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Filosofo
Carriera:Professore ordinario di Filosofia teoretica alla UniversitÓ di Roma (20 giugno 1909)
Professore incaricato di Pedagogia alla UniversitÓ di Roma (15 giugno 1911) (15 novembre 1912)
Professore incaricato di Filosofia morale alla UniversitÓ di Roma (29 luglio 1914-6 giugno 1925)
Cariche e titoli: Direttore del Museo pedagogico alla UniversitÓ di Roma (15 novembre 1912)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei (2 luglio 1914)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei (28 febbraio 1926)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/22/1928
Categoria:20 Coloro che con servizi o meriti eminenti avranno illustrata la Patria
Convalida:17/05/1929
Giuramento:18/05/1929
Annotazioni:Convalidato in Comitato segreto

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 9 giugno 1910
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 10 giugno 1917
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 23 novembre 1922
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 26 giugno 1925



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, presidente
      "PRESIDENTE. Numerose e gravi perdite hanno dolorosamente colpito il Senato durante l'interruzione delle nostre sedute. Uomini di alto prestigio intellettuale, fra i pi¨ eminenti nella vita culturale della Nazione, antichi e insigni parlamentari, nei quali l'autoritÓ era eguale alla esperienza, benemeriti servitori dello Stato, patrioti di incorrotta esemplare fedeltÓ agli ideali, donde l'Italia nuova ha tratto le energie per la propria rigenerazione, hanno lasciato in quest'aula ricordi e rimpianti che oggi incombono su noi con tanto pi¨ accorata mestizia per l'impossibilitÓ di una degna rievocazione. [...]
      E non vedremo pi¨ tra noi la veneranda figura anacoretica di Bernardino Varisco, meglio che veterano, profeta del Fascismo, quale illustre compagno di Enrico Corradini nella lontana vigilia di predicazione. Al Varisco, chiamato nel 1929 a far parte di questo Consesso, il Senato riconobbe solennemente il possesso del titolo alla nomina per la 20a categoria statutaria, in ragione del suo apostolato nazionale e della sua opera di pensatore. In lui infatti, il filosofo giunto dalle discipline matematiche alla speculazione metafisica non era inferiore all'ardente e poderoso propagandista della rinascita italiana; e, come costruttore originale di un nuovo idealismo critico, ch'egli illustr˛ mirabilmente col suo insegnamento di filosofia teoretica nell'UniversitÓ di Roma, Bernardino Varisco ebbe e serberÓ un posto a sŔ, importante e autonomo, nella storia della nostra cultura contemporanea. [...]
      MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Il Governo si associa alle nobili parole del Presidente e al cordoglio dell'Assemblea".

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1933.