SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno di Sardegna » Scheda Senatore  


MOSSOTTI Ottaviano Fabrizio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/18/1791
Luogo di nascita:Novara
Data del decesso:20/03/1863
Luogo di decesso:Pisa
Camposanto Monumentale di Pisa
Padre:Giovanni
Madre:GOLA Rosa
Nobile al momento della nomina:No
Coniuge:Sutter Anna
Fratelli:Antonino
Parenti:Vincenzo, zio e tutore,
Giuseppe, avvocato, nonno paterno
Titoli di studio:Laurea in fisica e matematica
Presso:Università di Pavia
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Ingegnere
Carriera:Allievo all'Osservatorio di Brera (18 giugno 1813-1823)
Ingegnere astronomo e primo consigliere presso il Dipartimento topografico di Buenos Aires con l'incarico della direzione della Scuola pratica di topografia (7 dicembre 1827)
Primo ingegnere del Dipartimento topografico di Buenos Aires (1834)
Professore di Fisica sperimentale all'Università di Buenos Aires (1834)
Professore di Calcolo differenziale, integrale e meccanico all'Università di Corfù (novembre 1836)
Professore di Matematica all'Università di Corfù (1837)
Professore di Fisica matematica, meccanica celeste e geodesia all'Università di Pisa (24 ottobre 1840)
Cariche politico - amministrative:Membro del Senato (Toscana) (1848-1849)
Cariche e titoli: Cofondatore della rivista "Il Cimento" (1843)
Membro della Consulta di Stato (Toscana) (1859)
Socio corrispondente della Società borbonica (1818)
Membro della Società, poi Accademia, italiana delle scienze detta dei XL (22 agosto 1822)
Socio corrispondente dell'Accademia delle scienze di Torino (5 luglio 1840)
Socio nazionale dell'Accademia delle scienze di Torino (14 novembre 1841)
Socio corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (8 agosto 1844)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/20/1861
Categoria:20 Coloro che con servizi o meriti eminenti avranno illustrata la Patria
Relatore:Carlo Matteucci
Convalida:05/04/1861
Giuramento:30/04/1861

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia 24 giugno 1860
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 giugno 1860
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine di S. Giuseppe (Granducato di Toscana)
Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia 24 giugno 1860

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra di indipendenza
Volontario:SI


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

    Federigo Sclopis di Salerano, Vicepresidente
    Onorandi colleghi,
    ancora due perdite recenti di colleghi debbo annunziare al Senato, che vengono ad aggiungersi alle tante altre dolorose e gravi che ebbe a soffrire l’ordine nostro nel corso di questa Sessione. [...]
    La morte ci ha pure rapito il Senatore professore Ottaviano Fabrizio Mossotti, matematico di chiaro grido, uomo tanto devoto alla scienza quanto all’Italia.
    Anteponendo le sue convinzioni politiche alla quiete della vita fu il Mossotti costretto ne’suoi giovani anni ad emigrare, e diffuse in straniere regioni, per pubblico insegnamento, la ricchezza di dottrina che s’era già con profondi studi procacciata. Così lo vide l’americana Buenos-Ayres [sic], così la greca Corcira.
    Richiamato poscia in Italia, l’illustre Università di Pisa lo accolse con schietta gioia e con riverente affetto. Ivi tenendo cattedra di fisica matematica, di meccanica celeste, e di geodesia, e contribuendo ai progressi della scienza con importanti memorie, crebbe in favore presso i dotti ed in pregio affettuoso presso la gioventù.
    E quando suonò l’ora dei perigli guerreschi per l’indipendenza d’Italia nell’epoca quant’altra mai gloriosa e memorabile del 1848, egli si fece ardito ad incontrarli alla testa di que’ giovani che non minore fiducia aveano in lui come professore che come duce.
    Retto d’animo, alto d’intelletto, soavissimo di modi, inconcusso nella sua fede politica, il Senatore Mossotti fu tanto riverito ed amato dai contemporanei quanto sarà stimato e lodato dai posteri. (Bene, bravo!).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 24 marzo 1863.

Attività 1548_Mossotti_IndiciAP.pdf