SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


D'OVIDIO Enrico

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/11/1843
Luogo di nascita:CAMPOBASSO
Data del decesso:21/03/1933
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Pasquale
Madre:SCAROINA Francesca, detta Franceschina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:BONACOSSA Maria
Figli: Pia coniugata Andreoni
Laura coniugata Petiva
Fratelli:Francesco, senatore
Angiola
Luogo di residenza:TORINO
Titoli di studio:Laurea "ad honorem" in matematica
Presso:UniversitÓ di Napoli
Professione:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore ordinario di Algebra complementare e di Geometria analitica alla UniversitÓ di Torino (20 ottobre 1874-11 agosto 1918)
Rettore dell'UniversitÓ di Torino (1880-1885)
Preside della FacoltÓ di matematica dell'UniversitÓ di Torino (1893-1904)
Rettore del Politecnico di Torino (1906-1922)
Cariche e titoli: Collaboratore del "Giornale delle Matematiche" (1863)
Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1░ luglio 1892-31 maggio 1893) (1░ luglio 1905-28 febbraio 1910)
Membro della Giunta del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1░ luglio 1908-28 febbraio 1910)
Socio dell'Accademia pontaniana di Napoli (9 febbraio 1872)
Socio emerito dell'Accademia pontaniana di Napoli (5 luglio 1891)
Socio effettivo dell'Accademia delle scienze di Torino (16 gennaio 1879)
Presidente della Accademia delle scienze di Torino (14 dicembre 1902-24 aprile 1910)
Membro corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (10 febbraio 1881)
Membro corrispondente della SocietÓ reale di Napoli (12 febbraio 1881)
Membro ordinario della SocietÓ reale di Napoli (12 giugno 1909)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei di Roma (31 dicembre 1883)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (7 novembre 1893)
Membro della SocietÓ italiana delle scienze, detta dei XL (dicembre 1884)
Socio corrispondente dell'Accademia delle scienze di Napoli (28 dicembre 1884)
Socio dell'Accademia nazionale di scienze, lettere ed arti di Modena (1895)
Socio corrispondente dell'Ateneo di Brescia (27 dicembre 1914)
Socio del Club alpino italiano CAI

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1905
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Ernesto Balbo Bertone di Sambuy
Convalida:05/04/1905
Giuramento:07/04/1905

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 28 maggio 1876
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 15 gennaio 1882
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 16 gennaio 1883
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 11 luglio 1918
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 giugno 1882
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 giugno 1892
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 3 giugno 1909
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 luglio 1922


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
              Luigi Federzoni, Presidente

              Un'altra grave perdita ha colpito, insieme, la scienza e il Senato, con la scomparsa del nostro venerato e illustre collega senatore Enrico D'Ovidio.
              Nato nel 1843 a Campobasso, membro di questa Assemblea fino al 1905, nel campo delle discipline matematiche merit˛ fama e autoritÓ non inferiori a quelle che l'insigne suo fratello, il compianto senatore Francesco D'Ovidio aveva saputo guadagnarsi nella critica letteraria e nella filologia.
              Enrico D'Ovidio aveva conquistato nel 1874 la Cattedra di algebra complementare e di geometria analitica nella Regia UniversitÓ di Torino: cattedra alla quale egli conferý, con la sapienza del suo magistero e la novitÓ geniale delle sue enunciazioni, il pi¨ ambito prestigio.
              Uscito dalla Scuola napoletana del Sannia, il D'Ovidio fu fra gli iniziatori della geometria degli iperspazi. Coltiv˛ la teoria delle forme alla quale si ispira anche la sua geometria analitica, tuttora diffusa nelle nostre UniversitÓ.
              La sua attivitÓ parlamentare non fu notevole; ma egli pronunzi˛ alcuni importanti discorsi sui problemi dell'educazione nazionale. Aveva aderito fervidamente al Regime.
              Rivolgiamo alla memoria di Enrico D'Ovidio un pensiero di reverenza e di rimpianto.
              DE FRANCISCI, ministro di grazia e giustizia. Il Governo si associa ai sentimenti espressi da S.E. il Presidente del Senato, in memoria dell'illustre studioso e dell'autorevole membro di quest'Assemblea.

              Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 22 marzo 1933.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 14 agosto 1843.
Il nome completo risulta essere: "Enrico Luigi Antonio".

Ringraziamenti:-Sindaco di Campobasso
-Dirigente del Settore cultura, istruzione, sport Vincenzo De Marco
Prof. Antonio Garzya presidente dell'Accademia pontaniana
- Alessandra Ravelli - Biblioteca nazionale CAI
- Dot. Pietro Seffer


AttivitÓ 0889_D'Ovidio_Enrico_IndiciAP.pdf