NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


DI GIOVANNI Francesco

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/04/1805
Luogo di nascita:PALERMO
Data del decesso:23/01/1889
Luogo di decesso:FIRENZE
Padre:Lazzaro
Madre:LONIGRO Rosalia
Coniuge:Celibe
Professione:Funzionario amministrativo
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Poggioreale
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Palermo
Assessore supplente di Palermo
Cariche e titoli: Impiegato nel Dipartimento delle finanze presso la Luogotenenza generale di Sicilia (1820)
Direttore del Ministero delle finanze (Regno delle Due Sicilie)
Presidente del Consiglio di disciplina dei procuratori di Napoli (1875)
Presidente della Commissione di antichità e belle arti di Palermo
Consigliere alla Cassa deposito e prestiti di Palermo

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/13/1864
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Giovanni Arrivabene
Convalida:20/05/1864
Giuramento:06/06/1864


    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:Moti del 1848


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (4 dicembre 1865-24 febbraio 1872. Dimissionario), segretario della Commissione finanze (18 novembre 1865-30 ottobre 1866), (22 marzo-19 agosto 1867), (15 dicembre 1867-31 agosto 1868), (24 novembre 1868-14 agosto 1869)

    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Segretario di Stato per le finanze [Ministro] (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia) (27 giugno 1860)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori. Voi conoscete già i ripetuti colpi coi quali la morte ci percosse dacché ci separammo. Ma il dovere comanda a me, annunciando quelle ed altre morti, di ricordare i colleghi estinti e il vostro dolore. [...]
      In Firenze, addì 23 gennaio, moriva il senatore Francesco Di Giovanni, che era nato a Palermo il 4 ottobre 1805 ed apparteneva al Senato dappoi il 13 marzo 1864.
      Dall'esempio e dagli insegnamenti paterni infervorato, fin dalla giovanile età, nei principî liberali, il Di Giovanni fu presto noto fra i coetanei per quelli nonché pel bell'ingegno.
      Impiegato, verso il 1820, nel Ministero di Stato presso la Luogotenenza generale di Sicilia, nel dipartimento delle finanze, vi ottenne rapidamente un alto grado, nonostante le sue sospettate tendenze; comecché laboriosissimo ed espertissimo fosse.
      Nelle cospirazioni dal 1833 in poi segnalatosi, la insurrezione vittoriosa del 1848, che lo aveva noverato fra i suoi combattenti, lo innalzò a direttore del Ministero delle finanze.
      Esulò a Malta. Tornato, a non lungo andare, in patria, non piegò a rimessi consigli. Alle profferte che il restaurato Governo, dell'opera sua abbisognevole, reiteratamente gli fece, preferì, povero come era, campar la vita, gerendo, per un amico, alcuni latifondi in quel di Militello.
      Il dittatore Garibaldi lo elesse il 27 giugno 1860 segretario di Stato per le finanze; carica che, equivalendo a quella di ministro, gli fu titolo a far parte di questo consesso.
      Nel quale, per sei sessioni consecutive, dal 1865 al 1873, fu scelto fra i componenti la Commissione di finanze. Le leggi relative a lavori marittimi, sulla riscossione delle imposte dirette, sull'ordinamento forestale, per la conservazione dei monumenti e degli oggetti d'arte e d'archeologia, per l'abolizione della tassa del macinato, furongli occasione a dare anche qui saggio manifesto della molta dottrina e della grande esperienza sua.
      Mente eletta, versato assai nel latino e nel greco, nella storia antica e nell'archeologia, tenne con onore la presidenza della Commissione di antichità e belle arti in Sicilia. Viveva da molti anni a Firenze: la cecità e la paralisi lo avevano da più di sei fieramente colpito; ma, in mezzo ai tormenti del corpo, il venerando patriota finché visse portò vivo in cuore l'amore per l'isola natale e per la patria, onoratamente e fedelmente servita. (Bene!).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 29 gennaio 1889.

Note:Partecipò ai moti del 1833.
Ringraziamenti:- Direttore della Biblioteca comunale di Palermo Dott. Filippo Guttuso, Dott. P. La Mattina, Dott. Di Benedetto, dott. Vincenzo Ganci
- Dott.ssa Massa - Archivio storico comunale di Palermo
Ufficio stato civile di Firenze, sig. Aurelio Frulli


Attività 0850_Di_Giovanni_IndiciAP.pdf