SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BARGONI Angelo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:05/26/1829
Luogo di nascita:CREMONA
Data del decesso:25/06/1901
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Antonio
Madre:CERETTI Maria
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:DENTONI Geronima
Figli: Attilio
Fratelli:Giulio
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia
Professione:Prefetto
Altre professioni:Magistrato
Carriera:Prefetto di Pavia (7 ottobre 1871)
Prefetto di Torino (19 aprile 1876-26 dicembre 1877, nominato ministro del tesoro)
Prefetto di Napoli (20 aprile 1878)
Consigliere di Stato (30 dicembre 1892)
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Cremona
Cariche e titoli: Direttore de "Il Diritto" (2 aprile 1861-1° giugno 1863)
Direttore de "L'Italia nuova" (Firenze) (1870)
Segretario generale delle Assicurazioni generali di Venezia [1878-1891 o 1892]
Membro della Giunta del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1894)
Vicepresidente del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1° giugno 1894-31 maggio 1898)
Socio della Società geografica italiana (1867)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/16/1876
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Luigi Agostino Casati
Convalida:01/12/1876
Giuramento:27/12/1876

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 27 ottobre 1869
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 28 maggio 1876
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
1860 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VIII
Corleone
1-3-1863
Centro
IX
Casalmaggiore
22-10- 1865*
Centro
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
X
Casalmaggiore
10-3-1867
Centro
XI
Chioggia
20-11-1870**
Centro
Ballottaggio il 27 novembre 1870. Eletto anche per il collegio di Casalmaggiore, optò per il collegio di Chioggia il 16 dicembre 1870. Cessazione per nomina a prefetto


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione speciale per l'esame dei trattati di commercio e argomenti relativi alle tariffe (27 giugno 1893)
Membro della Commissione per l'esame delle tariffe doganali e dei trattati di commercio (10 dicembre 1894-25 giugno 1901)
Membro della Commissione di finanze (28 gennaio-19 novembre 1898. Dimissionario)

    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Segretario generale del Governo (Sicilia) (1860)
    Governo:
Ministro della pubblica istruzione (13 maggio-11 dicembre 1869)
Ministro del tesoro (26 dicembre 1877-24 marzo 1878)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Giuseppe Saracco, Presidente

        Onorevoli colleghi. Anche oggi vi reco un triste annunzio. In questo stesso mattino, Angelo Bargoni, il nostro ben amato e riverito collega è morto in questa Roma, e con esso si è spenta una fra le più belle figure, che dal 1848 in poi, fino alla costituzione del Regno d'Italia, furono e rimasero sempre all'avanguardia del movimento patriottico per il riscatto nazionale.
        E valga il vero. Non ancora ventenne, - giacché era nato a Cremona nel maggio del 1829, - Angelo Bargoni prese parte alle campagne del 1848 e '49, e poiché l'infausta giornata di Novara aveva posto fine alle ordinate battaglie, accorse subito a Venezia, indi a Roma, dove si combatteva ancora contro le truppe scese di Francia a rialzare il trono papale. Vissuto poscia nelle sante cospirazioni, il nostro bravo collega fu ancora tra i primi, che nel 1860 seguirono Giuseppe Garibaldi nella gloriosa spedizione di Sicilia, sempre al primo posto nei combattimenti, consigliere di poi e segretario generale nel gabinetto dei prodittatori Depretis e Mordini.
        Posate indi a poco le armi, e chiusa coi plebisciti l'era delle cospirazioni, si apriva al Bargoni la vita dell'uomo politico. Entrato nel 1863, per volontà degli elettori di Corleone, a sedere nella Camera dei deputati, l'ardente democratico, che era pure l'uomo di forti studi e di saldi convincimenti, si andò via via accostando a consigli più temperati, che gli persuasero nel 1869 di entrare nel gabinetto Menabrea, come ministro della pubblica istruzione, poi in quello retto dal Depretis nel 1877, quale ministro del tesoro, dopo aver percorso lodevolmente la carriera delle prefetture, nelle principali città del Regno, che gli veniva offerta dal ministro Lanza nel 1871.
        Piace soggiungere, che appunto in quel tempo lo stesso ministro Lanza gli affidava, a segno di onore, il gradito incarico di condurre in Italia le ceneri di Ugo Foscolo, che adempiè con religiosa sollecitudine.
        Fu nel 1876 che il Bargoni fu elevato alla dignità senatoria, ma poiché uscito dal Ministero gli era parso di accettare la direzione di una grande compagnia, entrò nell'animo dei più, che intendesse ridursi definitivamente a vita privata; quando, scorsi parecchi anni, domandò di rientrare nei pubblici uffizi, e vi rientrò di fatti con la qualità di consigliere di Stato, che gli consentì di prendere larga parte ai lavori del Senato.
        Così di questo valent'uomo che piangiamo estinto, si può affermare con sicurezza di giudizio, che nella seconda metà del viver suo, fino alla tarda vecchiaia, si rese egualmente benemerito coi preziosi servizi resi alla patria, siccome dalla prima giovinezza le aveva dato tutto se stesso, perché fosse libera ed indipendente da ogni dominazione straniera.
        Rimanga adunque vivo e caro nell'animo dei giovani, come rimarrà nei nostri cuori, il ricordo di questo integro e laborioso patriota. E così Iddio misericordioso, che non gli risparmiò in vita le più dure prove sostenute con ammirabile fortezza di animo, conceda all'amico e collega nostro la pace eterna dei giusti. (Vive e generali approvazioni).
        PRESIDENTE. Il ministro della pubblica istruzione ha facoltà di parlare.
        NASI, ministro della pubblica istruzione. L'illustre Presidente ha ricordato tutte le benemerenze di una lunga vita, spesa in servizio della patria e della scienza; ha ricordato che il senatore Bargoni fu prima un soldato valoroso, poi un uomo politico di altissimo valore ed un insigne ministro.
        Rievocando queste benemerenze, ciascuno di noi sente che la scomparsa di uomini come Bargoni rappresenta veramente un lutto nazionale.
        Imperocché, o signori, la morte di Bargoni rappresenta davvero la scomparsa di un grande patriottismo, di una grande luce di intelletto, di una forza del paese!
        Il paese pare talvolta di assistervi indifferente od immemore; le nuove generazioni corrono dietro a ideali, diversi da quelli che infiammarono l'anima dei nostri maggiori uomini. Forse, l'averli troppo visti da vicino poté farne meno apprezzare la gloria; ma io credo che l'ammirazione si farà sempre più viva e costante nella coscienza nazionale.
        Bargoni, ministro della pubblica istruzione, lasciò alla Minerva orma indelebile del suo altissimo intelletto e del suo grande valore di amministratore, rendendo anche in questo campo segnalati servizi al suo paese.
        Epperò io mi onoro, non solo come rappresentante del Governo e come ministro della pubblica istruzione, ma anche come cittadino italiano, di associarmi il tributo di onore e di rimpianto, che testé fu reso dal Presidente a questo glorioso estinto, che lascia così splendido ricordo di benemerenza patriottica e di virtù civile!”. (Vive approvazioni).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 giugno 1901.

Note:Secondo altra fonte il nome della moglie è Fanny.
Ringraziamenti:-Sindaco del Comune di Cremona Gian Carlo Corada
-Archivio di Stato di Cremona – Direttore Angela Bellardi
- Società geografica italiana


Attività 0148_Bargoni_IndiciAP.pdf