NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BORROMEO Guido

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/21/1818
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:19/11/1890
Luogo di decesso:NIZZA MARITTIMA (Francia)
Padre:Vitaliano, senatore
Madre:D'ADDA dei marchesi di Pandino e di Cassano Maria
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese di Angera
Conte di Arona, delle Degagne di San Maurizio, di San Martino,
Signore di Camairago, Vegezzo, Agrate, Palestro, Cannobio, Vogogna con Mergozzo
Consignore della Pieve del Seveso
Patrizio milanese
Fratelli:Giberto, che sposò in prime nozze Donna Livia LITTA ARESE VISCONTI, da cui ebbe Elisabetta e Camilla, in seconde nozze Laura DURAZZO GRIMALDI
Ersilia (1817-1818)
Emanuele, senatore (vedi scheda)
Edoardo
Ersilia, che sposò il marchese Carlo del Carretto di Moncrivello
Emilio, che sposò sua nipote Donna Elisabetta BORROMEO ARESE ed era padre di Giberto, Livia, Guido, Maria, Isabella, Cristina, Carolina, Renato
Cristina
Adele, sposò il conte Luigi ZERBINO
Parenti:BORROMEO Giberto, avo paterno
BORROMEO CUSANI Elisabetta, ava paterna
BORROMEO D'ADDA Febo, avo materno
BORROMEO D'ADDA VON KHEVENHÜLLER-METSCH Leopoldina, contessa, ava materna
BORROMEO Marianna, zia, sorella del padre
BORROMEO Carolina, zia, sorella del padre, che sposò Carlo Ottavio CASTIGLIONI
BORROMEO Renato, zio, fratello del padre, che sposò Giuseppa CAMAGNI
BORROMEO Giustina, zia, sorella del padre, che sposò Gabriele VERRI
BORROMEO Claudia Maria, zia, sorella del padre, che sposò Ferdinando BOLOGNINI ATTENDOLO
BORROMEO Federico, zio, fratello del padre, che sposò Caterina PENSO
BORROMEO Cesare zio, fratello del padre
Luogo di residenza:Milano
Indirizzo:Piazza Borromeo 7
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Presidente del Consiglio provinciale di Milano (1875-1883)
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Milano per Monza (14 febbraio 1860)
Consigliere provinciale di Milano (1875-1884)
Cariche e titoli: Consigliere di legazione in Francia (Regno di Sardegna) (1849)
Capo di Gabinetto al Ministero dell'interno (aprile 1860)
Segretario generale del Ministero dell'interno (dicembre 1860-1° ottobre 1861), (1° novembre 1867-18 ottobre 1868)
Segretario generale del Ministero delle finanze (1° gennaio 1863-24 settembre 1864)
Presidente della Cassa di risparmio per le provincie lombarde (1871-1878)
Membro della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio per le provincie lombarde (1860) (1875-[1881])

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/09/1872
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Tommaso Spinola
Convalida:16/12/1872
Giuramento:20/12/1872

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1867
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Cavaliere del Sovrano militare Ordine di Malta 1841

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VIII
Melegnano
27-1- 1861*
Destra
Eletto anche per il collegio di S. Benedetto del Tronto, optò per il collegio di Melegnano il 13 marzo 1861. Ballottaggio il 3 febbraio 1861. Cessazione per nomina a segretario generale del Ministero delle finanze e rielezione con ballottaggio l'8 febbraio 1863
IX
Desio
20-1-1867**
Destra
Ballottaggio il 27 gennaio 1867
X
Desio
10-3- 1867***
Destra
Cessazione per nomina a segretario generale del Ministero delle finanze e rielezione con ballottaggio il 1° dicembre 1867


    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Membro della Consulta lombarda (1848)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Domenico Farini, Presidente

        La mia parola dolente deve, signori senatori, ricordare le dolorose perdite da noi fatte. [...]
        Ultima, in ordine di tempo, fra i nostri colleghi, ma a nessun'altra seconda, per l'eredità d'affetti che lascia, la morte del conte Guido Borromeo.
        Degno della famiglia, una fra le più antiche e cospicue; figlio degno di Vitaliano, che vicepresidente del Governo provvisorio, esule in Piemonte, membro della Consulta lombarda, senatore del Regno, fu della indipendenza nazionale zelantissimo, Guido ebbe molta parte nella preparazione degli avvenimenti del 1859.
        Combattente alle barricate di Milano nel 1848, segretario operoso del Governo provvisorio, commissario al campo di Re Carlo Alberto, senza badare a danni, sprezzando i pericoli, tenne rigida fede alla causa cui si era votato.
        Lui e la casata sua furono dei maggiori di quella nobiltà italiana che recando al nazionale riscatto il sussidio della ricchezza, del grado, della tersa reputazione, dagli avi attraverso i secoli ereditata e per virtù propria accresciuta, ne propugnò le ragioni, ne vinse i diritti dinanzi all'opinione pubblica europea prima che sui campi di battaglia fossero dal sangue consacrati. Uomini animosi tutti d'un pezzo; ai colpi della fortuna imperterriti; irremovibili dalla meta cui diedero agi, braccio, ingegno.
        Capo di gabinetto del ministro dell'interno nel 1860; segretario generale del Ministero delle finanze nel 1863, di quello dell'interno nel 1861 e nel 1867; presidente per più anni del Consiglio provinciale di Milano, deputato per tre legislature, senatore da 18 anni, Guido Borromeo ebbe bella rinomanza quale purissimo esempio di intemeratezza, di patrizio generoso, di liberale convinto.
        Austero per natura, taciturno per indole, contegnoso, altri poté scambiarne il costante decoro con sussiego, la riserbatezza coll'alterigia.
        Ma ai molti che lo accostarono, a me che, per sacro affetto e venerazione comuni, gli fui stretto da amicizia che la morte sola spezzò, consentite lo affermare che mai costume più semplice, amico più fidato, animo più affettuoso e gentile albergò in uomo di tanta severa parvenza. (Bene).
        E siami lecito ripetere: Che se il mondo sapesse il cor ch'egli ebbe,/ assai lo loda e più lo loderebbe.
        Era nato a Milano; morì in età di settantadue anni meno due giorni il 19 novembre a Nizza, nel cui dolce clima da più anni era costretto cercare sollievo ai tormenti di antico malore.
        La storia dei casi presenti scriverà il nome di Guido Borromeo fra quelli dei patrizi che, meglio consci del tempo in cui vissero, servirono la patria con ferreo volere, con nobile disinteresse. (Unanimi approvazioni). [...]
        FINALI, ministro dei lavori pubblici. Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
        FINALI, ministro dei lavori pubblici. Il Governo si associa di gran cuore alle commoventi lodi pronunziate dall'onorevolissimo nostro Presidente alla memoria dei cinque colleghi defunti.
        Alle sue necrologie ispirate da tanto affetto, espresse con frase così evidente ed efficace, nulla vi è da aggiungere.
        Il Senato anche in questo deve essere grato al suo Presidente pel modo mobilissimo col quale adempie al suo alto ufficio.
        Io udendo così eloquentemente commemorare le virtù dei cinque nostri cinque nostri colleghi defunti, mi compiaceva soprattutto in un pensiero, cioè che in tutti i compianti senatori ad ogni altro pregio prevalse il sentimento e la devozione costante verso la liberà e verso la patria, che è il pregio più desiderato in questo alto consesso.
        Voci: Benissimo.
        PRESIDENTE. [...]
        Mi pare poi che sia unanime desiderio dell’Assemblea, di estendere questa nostra manifestazione di cordoglio a tutte le famiglie dei senatori estinti.
        Pongo ai voti la proposta.
        Chi l’approva è pregato di alzarsi.
        (Approvato).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1890.

Note:Il nome completo risulta essere: "Guido Maria Febo Carlo Luigi".
Partecipò ai moti del 1848.


Attività 0310_Borromeo_Guido_IndiciAP.pdf