SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BIANCHI Riccardo

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/20/1854
Luogo di nascita:CASALE MONFERRATO (Alessandria)
Data del decesso:04/11/1936
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Giuseppe Alberto
Madre:NEGRI DI SANFRONT Augusta
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:TAVELLA Giuseppina
Fratelli:Emma
Irma
Amalia
Parenti:Emanuele NEGRI DI SANFRONT, nipote
Alessandro NEGRI DI SANFRONT, parente (vedi senatore)
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Ludovisi, 16
Altra residenza:TORINO
Indirizzo:Via Sommelier, 4bis
Titoli di studio:Laurea in ingegneria civile
Presso:UniversitÓ di Torino
Professione:Ingegnere
Cariche e titoli: Direttore del Servizio movimento e traffico della SocietÓ italiana per le strade ferrate nel Mediterraneo (gennaio 1900)
Direttore generale della SocietÓ italiana per le strade ferrate della Sicilia (1░ settembre 1901)
Direttore generale delle Ferrovie dello Stato (1░ maggio 1905-24 gennaio 1915)
Presidente del Consiglio d'amministrazione delle ferrovie dello Stato
Commissario generale per i carboni (2 febbraio-16 giugno 1917)
Presidente della SocietÓ elettricitÓ e gas di Roma
Presidente della SocietÓ per le strade ferrate del Mediterraneo
Consigliere d'Amministrazione del Credito italiano (25 marzo 1916-27 marzo 1918; 12 marzo 1919-18 marzo 1930)
Presidente del Credito italiano
Membro del Consiglio superiore del lavoro (6 dicembre 1919)
Membro del Consiglio superiore di statistica

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Autocandidato13/02/1917
Autocandidato
18/02/1917
Nomina:06/25/1917
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Adeodato Bonasi
Convalida:28/06/1917
Giuramento:28/06/1917
Annotazioni:Prima nomina 23/02/1917 - cat. 21 - non convalidata

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 6 gennaio 1889
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 25 giugno 1893
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 15 marzo 1896
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 28 gennaio 1906
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 27 dicembre 1908
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 12 dicembre 1897
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 17 gennaio 1907
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 25 gennaio 1915


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione parlamentare per l'esame della tariffa dei dazi doganali (13 dicembre 1918)
Membro della Commissione di finanze (5 dicembre 1919-7 aprile 1921) (15 giugno 1921-10 dicembre 1923) (30 maggio 1924-28 marzo 1927. Dimissionario)
Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'ordinamento e funzionamento delle amministrazioni centrali e sui servizi da esse dipendenti e sulle condizioni del relativo personale (17 marzo-10 settembre 1921)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Riforma del Monte pensioni per i maestri elementari" (1░ luglio 1922)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Proroga del termine per procedimenti di responsabilitÓ per recuperi" (13 luglio 1922)
Commissario al Consiglio superiore del Lavoro (6 dicembre 1919-7 aprile 1921) (16 giugno 1921-25 marzo 1923)
Commissario di vigilanza all'Amministrazione delle ferrovie dello Stato (5 dicembre 1921-4 febbraio 1923)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro dei trasporti marittimi e ferroviari (16 giugno 1917-29 ottobre 1917), (30 ottobre 1917-14 maggio 1918)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione.
            Luigi Federzoni, Presidente
            Tre eminenti camerati nostri, che erano circondati di un particolare senso di affettuosa venerazione, [...] , Riccardo Bianchi, [...] hanno espresso, prima di morire, il desiderio di non essere commemorati. A tale desiderio sono costretto ad inchinarmi, con un rincrescimento tanto pi¨ profondo quanto pi¨ si potrebbe e dovrebbe dire degli insigni servigi ch'egli rese, in differenti ma tutti importanti uffici, alla nazione. Ma la troppa modestia, ch'egli ebbe alle soglie della morte, come durante la vita, non pu˛ impedirci di tributare alla sua cara memoria lo stesso sincero e commosso rimpianto che diamo a quella degli altri colleghi che ci hanno lasciato.
            THAON DI REVEL, ministro delle finanze. Domando di parlare.
            PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
            THAON DI REVEL, ministro delle Finanze. Il Governo si associa alle commosse parole pronunciate dal Presidente del Senato per commemorare i defunti senatori [...], Bianchi.

            Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1936.


AttivitÓ 0238_Bianchi_Riccardo_IndiciAP.pdf