SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BIXIO Nino

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/02/1821
Luogo di nascita:GENOVA
Data del decesso:16/12/1873
Luogo di decesso:Mar di Sumatra
Padre:Tommaso
Madre:CAFFARELLI Colomba
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:PARODI Adelaide
Figli: Giuseppina
Riccarda
Garibaldi
Camillo
Fratelli:Alessandro
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Maggiore (Battaglione dei Mille - [Cacciatori delle Alpi]) (16 maggio 1860)
Colonnello (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia) (11 giugno 1860)
Maggiore generale (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia) (26 luglio 1860)
Tenente generale (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia) (29 ottobre 1860), poi (Corpo dei volontari italiani) (5 maggio 1861), poi (Esercito italiano) (10 aprile 1862-13 giugno 1871. Data del collocamento a riposo)
Cariche e titoli: Comandante della nave "Lombardo" - spedizione dei Mille (4 maggio 1860)
Comandante la [prima] compagnia dei volontari imbarcati per la spedizione di Marsala a Talamone (8 maggio 1860)
Membro annuale del Comitato dell'Arma di fanteria (14 giugno 1863)
Membro annuale del Comitato superiore delle varie armi (14 giugno 1863)
Socio della Società geografica italiana (1868)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/06/1870
Categoria:03
14
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Enrico Cialdini
Convalida:17/03/1870
Giuramento:17/03/1870

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 12 luglio 1859
Commendatore dell'Ordine militare di Savoia 12 giugno 1861
Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia 6 dicembre 1866
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 17 novembre 1860
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 agosto 1861
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1863
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 8 ottobre 1870
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 22 aprile 1862
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 1870

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1859 seconda guerra d'indipendenza
1860 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
1866 terza guerra d'indipendenza
1870 annessione di Roma al Regno d'Italia
Arma:Esercito, Marina
Decorazioni:Medaglia commemorativa della spedizione dei Mille
Conseguenze:ferito

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VIII
Genova II
27-1- 1861*
Estrema sinistra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861
IX
Castel San Giovanni
22-10- 1865**
Estrema sinistra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
X
Castel San Giovanni
10-3- 1867***
Estrema sinistra
Cessazione per nomina a senatore


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Francesco Maria Serra, Vicepresidente

    Signori senatori,
    Quasi che l'anno testé decorso non fosse stato già troppo fecondo di lutti per il Senato e per l'Italia, d'un altro deplorabilissimo correva vaga ed incerta voce al momento in cui era per chiudersi l'ultima nostra riunione.
    Un forte dubbio agitava in quel giorno l'animo di noi tutti ed un triste presentimento angosciava i nostri cuori; ma, siccome quella voce proveniva da una plaga lontanissima, così ci ripugnava il rinunziare affatto alla speranza di più esatte e più rassicuranti notizie.
    Fu per ciò che voi, o Signori, deste all'Ufficio di Presidenza un incarico condizionato che esso dovette, con suo sommo dolore, disimpegnare, appena fu positivamente accertato che l'illustre e benemerentissimo collega nostro, il generale Nino Bixio, era morto nei mari dell'estremo Oriente.
    Grande sventura è questa, o Signori! Un morbo misterioso, del quale la dottrina e l'osservazione di uomini sommi studiarono invano da quasi mezzo secolo le cause vere ed i rimedii appropriati, spegneva innanzi tempo quella preziosa esistenza contro la quale nulla potettero i venti e le tempeste dell'oceano, nulla il ferro, né il piombo dei nemici della patria.
    Dopo il tempo che scorse tra la conferma di quella tristissima notizia e l'odierna nostra riunione, tante e tanto meritate lodi furono dai più rispettati organi della pubblica opinione, con unanime consentimento, tributate alle virtù militari e civili del compianto nostro collega, che qualunque parola io volessi aggiungere riuscirebbe inferiore di gran lunga al merito di lui, arriverebbe sempre tardiva, e per di più superflua dopo gli elogi fattine in un altro recinto da tre eloquenti oratori.
    I fatti più notevoli della vita avventurosa di Nino Bixio marinaio, soldato, generale, uomo politico, sono noti ed ammirati anche oltre monti ed oltre mare; e nell'Italia nostra, tale gli si riconosceva generalmente disinteresse, onoratezza e lealtà di carattere, che egli, esempio rarissimo fra i contemporanei, non aveva avversari ed ancor meno nemici neppur tra quelli che da lui dissentivano nelle questioni politiche.
    Ben con ragione Italia tutta ne pianse la perdita immatura, ed il sentimento del dolore e della gratitudine nazionale fu rettamente interpretato, sia dalla popolosa e vivace Palermo, che gli rese non ha guari funebri e solenni onoranze, sia dall'illustre Municipio genovese che alla di lui esanime spoglia assegnò luogo distinto nella sua necropoli monumentale, e decise di dare collocamento gratuito in quel Convitto nazionale al superstite orfanello.
    Che se per la famiglia dell'illustre estinto, colpita da cotanta sventura, havvi ragione di conforto, questo le verrà dalle solenni prove del compianto universale, e da quello slancio di commendabilissima generosità colla quale a di lei vantaggio cedettero i dritti loro moltissimi fra i comproprietari di quella nave stupenda, la quale, costrutta sotto la direzione, Armata per l'ardita iniziativa di Nino Bixio, e da lui comandata, salpò dai porti nazionali con auspicii cotanto lieti per l'avvenire del patrio commercio.
    Fuvvi chi di Nino Bixio scrisse, e giustamente scrisse, che egli, marinaio e soldato ebbe per consegna unica ”sempre avanti”. Uomo politico, ebbe un solo partito” l'Italia”.
    A me sia concesso di aggiungere che, nella eletta pleiade di uomini forti e generosi, i quali col senno e colla mano tanto cooperarono alla libertà, all'unificazione ed alla indipendenza della patria nostra, la figura di Nino Bixio splende di luce pura e vivissima.
    Le ultime parole da lui morente indirizzate alla sua famiglia, agli amici, all'Italia, sono in armonia perfetta con tutti gli atti della sua vita. Esse dimostrano sino all'evidenza che egli riproduceva il patriottismo più puro e disinteressato, l'affetto maritale e paterno, e la devozione al principe, congiunti mirabilmente col valore del soldato subalpino, col coraggio imperturbabile del marinaio genovese, colla iniziativa ardita e perseverante del ligure industre.
    Fortunata l'Italia, se la generazione che vien dopo di lui saprà imitarne gli esempi preclari di valore, di fede, di abnegazione e di senno politico!

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 24 febbraio 1874.

Note:Il nome completo risulta essere: "Gerolamo Nino".
Partecipò alla spedizione dei Mille.
I funerali solenni alle ceneri si sono svolti a Genova il 30 settembre 1877.

Ringraziamenti:Ministero della difesa:
Capo ufficio affari generali e relazioni esterne Amm. Div. Claudio Gaudiosi
Capo del primo ufficio AGRE Capitano di vascello Francesco Carlo Rizzo di Grado e di Premuda
Capitano Vincenzo Fiorillo
Società geografica italiana


Attività 0247_Bixio_IndiciAP.pdf