SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BALESTRA Giacomo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/29/1836
Luogo di nascita:ROMA
Data del decesso:13/08/1915
Luogo di decesso:FIUGGI (Roma) - oggi (Frosinone)
Padre:Carlo
Madre:PAGANI Maria
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:RICCI Alessandrina
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Roma
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Presidente del Consiglio provinciale di Roma (agosto 1898-settembre 1902)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Roma
Consigliere provinciale di Roma
Assessore comunale di Roma
Cariche e titoli: Presidente della Commissione provinciale di Roma per la ricchezza mobile
Vicepresidente del Consiglio superiore di assistenza e di beneficenza pubblica

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Ministro degli affari esteri04/10/1892
Nomina:10/10/1892
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Giacinto Scelsi
Convalida:30/11/1892
Giuramento:23/11/1892
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d'inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 10 novembre 1901

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIV
Anagni
16-5-1880
Centro-destra
XV
Roma IV (Frosinone)
29-10-1882
Centro-destra
XVI
Roma IV (Frosinone)
23-5-1886
Centro-destra


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:
Membro del Consiglio superiore di assistenza e beneficenza pubblica (9 dicembre 1904-29 settembre 1913)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Nel tempo, in cui sono state chiuse le nostre sedute, abbiamo perduto i senatori Fergola, D'Alì, Grenet, Masi, Calvi, Massabò, Villa Tommaso, Campo, Balestra, Tournon, San Donnino, Di Martino, Florena, Salvarezza Cesare. [...]
      De' notabili cittadini romani fu Giacomo Balestra, che morì in Fiuggi il 13 agosto ed in Roma era nato il 20 settembre 1836. Addottorato nel diritto ed abilitato all'avvocatura, il giovanile animo liberale volse all'aspirazione italiana contro la dominazione pontificia. Roma fatta capitale, deputato per tre legislature, rappresentò alla Camera il collegio di Anagni ed a scrutinio di lista fu de' rappresentanti del IV collegio di Roma stessa. Uomo di tempra forte, valente ed esperto, fu tenuto alla Camera molto in conto, e vi prese segnalata parte ai lavori, penetrando specialmente nelle più importanti questioni del tempo. Del Comune di Roma fu consigliere ed assessore attivissimo, del Consiglio provinciale presidente; integerrimo e severo amministratore, coscienza rigida, carattere energico e tenace nel retto. Ad altri consigli ed a commissioni diverse appartenne. Ad ogni ufficio, ad ogni istituto, la sua opera fu alacre, avveduta e zelante. Dotto giurista non solamente, ma erudito in lettere ed arti, pubblicò monografie pregevoli di storia ed archeologia. Senatore fu nominato il 10 ottobre 1892; ed anche tra noi fu apprezzato il suo merito; cosicché della sventura del vacato suo seggio sentiamo ancor vivo il duolo. (Bene). [...]
      TOMMASINI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      TOMMASINI. Non abuserò della parola che il Presidente mi concede per nulla aggiungere alla eloquente commemorazione da lui fatta dell'estinto collega Giacomo Balestra; essendomi solo a cuore di associarmi al rimpianto del Senato e provocarne la manifestazione cordiale alla sua vedova e alla famiglia.
      Giacomo Balestra non fu uomo che mai sacrificasse alla popolarità tanto in questo ramo del Parlamento quanto in quello elettivo, in cui si mostrò sempre sobrio, severo, analitico, rigido nell'amministrazione della pubblica cosa, sdegnoso degli eufemismi, d'ogni accatto d'encomi, di ogni circonvoluzione di frasi. D'ogni proposta egli scrutava il fondo con imperturbabile rigore d'indagine; e chi aveva a che fare con lui sapeva di quale profonda virtù d'analisi fosse dotato; di che esatta parsimonia d'espressione egli soleva vestire il suo giudizio; di che onestà si improntava ogni deliberazione sua.
      A me spettò l'onore di averlo a compagno nella Giunta comunale di Roma in quel periodo in cui la città iniziava il suo tramutamento, e vidi che azione felice poté egli avere nel tracciare le grandi arterie che fecero sì che la città s'atteggiasse convenientemente a capitale della risorta Italia.
      Nella preparazione di questa rinnovazione della città egli seppe avvalersi dell'opera e del consiglio dell'illustre architetto Koch, e se ne valse come egli sapeva, scegliendo sempre opportunamente gli strumenti che assecondavano l'opera sua.
      E se nella Giunta egli caldeggiò sempre il rinnovamento della città, caldeggiò parimenti la rinnovazione degli istituti locali, specie di quelli ai quali fu preposto, collaborando perché l'ospizio di San Michele, che doveva servire a educare operai ed artefici alla migliore tradizione e pratica delle arti, raggiungesse, non ostante l'esiguità dei mezzi di cui disponeva, i fini possibili.
      In ogni cosa sentì liberamente e nazionalmente, e tanto nei lunghi anni in cui presiedé il Consiglio provinciale di Roma, quanto in quelli in cui fu preposto all'amministrazione della città, convien riconoscergli il merito di aver con rara costanza perseverato nei suoi propositi, tenendo sempre con efficacia di mezzi al fine che mai perdeva di vista.
      Purtroppo egli è scomparso, ed ora a noi non rimane che rimpiangerne la dipartita.
      Ed io prego il nostro Presidente a voler manifestare alla famiglia addolorata il rimpianto che di lui rimane in questa Assemblea. Noi non possiamo fare altro; ma la memoria dei fatti per cui egli sopravvive manterrà alla sua vita lo splendore che con le opere oneste e prudenti egli le ha procacciato. (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1915.

Ringraziamenti:Dott.ssa Giuliana Pietroboni - Direttore dei Servizi per la cultura e le reti informative - Archivio storico della Provincia di Roma
Dott.ssa Rossella Masini Direttore dei Servizi per la cultura e le reti informative - Archivio storico della Provincia di Roma
Ufficio stato civile di Fiuggi: De Angelis Maria Linda


Attività 0137_Balestra_IndiciAP.pdf