SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BERETTA Antonio

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/17/1808
Luogo di nascita:SIZIANO (Pavia)
Data del decesso:14/11/1891
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Luigi Antonio
Madre:BONTEMPI Maria
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso motu proprio da SM il Re il 15 ottobre 1871
Coniuge:MIRASOLI Matilde
Figli: Maria, che sposò Arturo BALLESTEROS ed era madre di Antonio
Fratelli:Giuseppe
Giovanni
Paolo
Angelo
Gaetano
Luigi Angelo
Giuseppa Angela
Parenti:BERETTA Giuseppe Antonio, avo paterno
BERETTA Caterina, ava paterna
Marzorati G. B., cognato
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Arenula, 96
Altra residenza:Milano
Indirizzo:Corso S. Celso 9
Via Maddalena 18
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Milano (2 gennaio 1860-18 luglio 1867)
Cariche amministrative:Assessore della Congregazione di Milano (1843)
Consigliere comunale di Milano (1859-1882)
Cariche e titoli: Presidente del Museo patrio d'archeologia di Milano
Presidente dell'Associazione industriale italiana
Socio della Società geografica italiana (1867)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/16/1862
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Carlo D'Adda
Convalida:11/12/1862
Giuramento:11/12/1862

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1864
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine della Legione d'onore di Francia
Commendatore dell'Ordine di Cristo (Portogallo)


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Segretario (14 marzo 1868-14 agosto 1869) (18 novembre 1869-2 novembre 1870) (5 dicembre 1870-5 novembre 1871) (28 novembre 1871-19 ottobre 1873) (15 novembre 1873-20 settembre 1874) (23 novembre 1874-3 ottobre 1876)
Commissioni:Membro della Commissione di finanze (22 dicembre 1870-19 marzo 1881. Dimissionario)
Membro della Commissione per le petizioni (29 novembre 1884-27 aprile 1886), (19 novembre 1887-3 agosto 1890)
Commissario alla Cassa dei depositi e prestiti (8 dicembre 1874-21 febbraio 1876), (16 dicembre 1876), (15 dicembre 1877-19 marzo 1881. Dimissionario)

    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Membro della Consulta lombarda (1848-1849)
Membro del Governo provvisorio di Lombardia (marzo-luglio 1848)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Domenico Farini, Presidente

        Signori senatori! [...]
        Addì 14 novembre moriva in Roma il conte Antonio Beretta. Sortiti i natali in Milano il 17 aprile 1808, senatore fin dallo scorcio del 1862, Antonio Beretta fu per circa nove anni segretario dell'Ufficio di Presidenza, appartenne per più di altrettanti alla Commissione permanente di finanze. Con questi incarichi i colleghi gli addimostravano quanta stima facessero del sano suo criterio, del fermo patriottismo, della lunga esperienza amministrativa. Infatti sino dal 1842, ascritto quale uno dei notabili alla Congregazione municipale di Milano, vi si era segnalato per grande acume e non minore operosità. Alla città non rimaneva neppure una larva delle antiche franchigie; ma quanto più scarsa era l'autorità dal sospetto agli amministratori conceduta, tanto maggiore gliene conferiva l'alto animo con cui l'esercitavano. Pareva sentissero in sé la potestà tutta, certo su di loro riverberava intiero il lustro ed il credito dell'antico Comune.
        Tant'è che quando l'insurrezione rombò e lo straniero inveì, al municipio i cittadini, chiesero salvaguardia e difesa, ed il municipio ardimentoso reclamò, protestò, impose.
        Col potestà Gabrio Casati, l'assessore Antonio Beretta insieme ai più audaci strappò il 18 marzo al vicegovernatore gli ultimi brandelli d'un potere che le armi cittadine, nel glorioso combattimento de' Cinque giorni, abbattevano; insieme al Casati, sfuggito alla presa del Broletto, costituì il primo nucleo da cui gli inermi attinsero indirizzo, lena, virtù contro il furore delle ordinate schiere. E quando il popolo ha vinto, egli, uno dei preparatori, uno degli aiutatori dell'ora prima, è del Governo provvisorio. A Re Carlo Alberto reca il primo omaggio dei vincitori; più tardi il voto d'unione. È parte della Consulta lombarda.
        Colla sventura di Novara ribadite le sventure d'Italia, il Beretta dopo lunga dimora in Francia ed Inghilterra, tornò a Milano. Lo aspettavano vessazioni, il sequestro del vasto patrimonio; vi trovava le sicure amicizie, vi riannodava gli antichi legami, lavorava ai tempi nuovi.
        Di Milano libera, primo sindaco, ne intuiva il nuovissimo destino, il rigoglioso avvenire.
        Con occhio sicuro, con più sicura fede, dalla rinnovazione materiale della città, dallo incremento di ogni suo istituto civile lo volle propiziato, affrettato. Ma agli oneri, presenti e grevi, furono lenti i benefizi ed il sindaco innovatore, già invidia alle più cospicue città, cadde.
        Non una rampogna uscì dal suo labbro: il rammarico chiuse entro di sé; ai fatti, al tempo assolverlo dal biasimo, vendicarlo dai vituperi.
        La tarda età lo serbò alla onesta soddisfazione!
        Vide egli della sua antiveggenza, maturati dal tempo i benefizi e se ne allegrò: e si allegrò della benevolenza del gran Re che con titolo di nobiltà diè suggello ai nobili suoi atti.
        Il largo censo stremato, la cecità, gli acciacchi della vecchiaia comportò serenamente. Fu buono, cortese, affettuoso sempre; fino agli ultimi giorni fu in mezzo a noi tutto a' suoi doveri.
        Non gli mancò la lode, non la tarda giustizia del sepolcro.
        Il Senato che onorò vivo Antonio Beretta, piange estinto il patriota intemerato, l'ultimo superstite del Governo provvisorio di Milano. (Vive approvazioni generali).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 novembre 1891.

Ringraziamenti:Dottoressa Gariboldi Barbara - Archivio Storico Civico Biblioteca trivulziana del Comune di Milano
Dottor Massimo Angeleri - Archivio storico diocesano di Milano
Società geografica italiana


Attività 0202_Beretta_Antonio_IndiciAP.pdf