SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BORROMEO Emanuele

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:05/27/1821
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:28/02/1906
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Vitaliano, senatore
Madre:D'ADDA, dei marchesi di Pandino e di Cassano Maria
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese di Angera
Conte di Arona, delle Degagne di San Maurizio, di San Martino,
Signore di Camairago, Vegezzo, Agrate, Palestro, Cannobio, Vogogna con Mergozzo
Consignore della Pieve del Seveso
Patrizio milanese
Fratelli:Giberto, che spos˛ in prime nozze Donna Livia LITTA ARESE VISCONTI, da cui ebbe Elisabetta e Camilla, in seconde nozze Laura DURAZZO GRIMALDI
Ersilia (1817-1818)
Guido, senatore (vedi scheda)
Edoardo
Ersilia, che spos˛ il marchese Carlo del Carretto di Moncrivello
Emilio, che spos˛ sua nipote Donna Elisabetta BORROMEO ARESE ed era padre di Giberto, Livia, Guido, Maria, Isabella, Cristina, Carolina, Renato
Cristina
Adele, spos˛ il conte Luigi ZERBINO
Parenti:BORROMEO Giberto, avo paterno
BORROMEO CUSANI Elisabetta, ava paterna
BORROMEO D'ADDA Febo, avo materno
BORROMEO D'ADDA VON KHEVENH▄LLER-METSCH Leopoldina, contessa, ava materna
BORROMEO Marianna, zia, sorella del padre
BORROMEO Carolina, zia, sorella del padre, che spos˛ Carlo Ottavio CASTIGLIONI
BORROMEO Renato, zio, fratello del padre, che spos˛ Giuseppa CAMAGNI
BORROMEO Giustina, zia, sorella del padre, che spos˛ Gabriele VERRI
BORROMEO Claudia Maria, zia, sorella del padre, che spos˛ Ferdinando BOLOGNINI ATTENDOLO
BORROMEO Federico, zio, fratello del padre, che spos˛ Caterina PENSO
BORROMEO Cesare zio, fratello del padre
Luogo di residenza:Milano
Indirizzo:Piazza Borromeo 7
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Scuola militare di Vienna
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Capitano (Regno di Sardegna)
Cariche e titoli: Ufficiale d'ordinanza di SM il Re
Aiutante di campo onorario di SM il Re

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Prefetto di Milano21/09/1892
Autocandidato
Nomina:10/10/1892
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:29/11/1892
Giuramento:23/11/1892
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d'inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 26 agosto 1873
Grande ufficiale della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 1░ gennaio 1861
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 8 febbraio 1874
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 15 gennaio 1883
Cavaliere del Sovrano militare Ordine di Malta 4 febbraio 1893

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
1859 seconda guerra d'indipendenza
1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unitÓ d'Italia
Decorazioni:Medaglia d'argento al valor militare

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
Rho
8-11-1874
Destra
XIII
Rho
5-11-1876*
Destra
Ballottaggio il 12 novembre 1876
XIV
Rho
16-5-1880
Destra
XV
Milano II (Busto Arsizio)
29-10-1882
Destra
XVI
Milano II (Busto Arsizio)
23-5-1886
Destra
XVII
Milano II (Busto Arsizio)
23-11-1890
Destra
Cariche:Questore (28 maggio 1880-25 settembre 1882, 24 novembre 1882-27 aprile 1886, 11 giugno 1886-3 agosto 1890, 11 dicembre 1890-27 settembre 1892)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Tancredi Canonico, Presidente

        Signori senatori! Sembra fatale per la nostra Assemblea che non vi sia sospensione di lavori senza che abbiamo a rimpiangere qualche collega. [...]
        Del senatore Emanuele Borromeo (nato a Milano il 27 agosto [sic] 1821, morto a Roma il 28 scorso febbraio) mi vieta di parlare l'espressa volontÓ del defunto, il quale fin dal 1901 cosý scriveva alla Presidenza:
        "Eccellenza, Io sottoscritto prego V.E. che in occasione del mio decesso, esprimendo l'ultimo vale ai colleghi, non sia fatta di me alcuna commemorazione, e che la mia sepoltura sia semplice, senza nÚ discorsi, nÚ fiori, nÚ rappresentanze.
        Devotissimo.
        Emanuele Borromeo. Senatore".
        Ma non Ŕ possibile che un uomo come il senatore Borromeo scompaia dalle nostre file senza che si abbia almeno dal Senato un mesto, ma profondamente affettuoso saluto. (Benissimo). [...]
        BOSELLI, ministro della pubblica istruzione. Domando di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
        BOSELLI, ministro della pubblica istruzione. Con cordoglio pari a quello manifestato dall’illustre Presidente del Senato del Regno, il Governo si associa al compianto del Senato e del paese per la perdita di alcuni tra i componenti di questo altissimo consesso. Le perdite che in esso avvengono, toccano in modo particolare il pensiero e l’animo del paese, perchÚ qui in mezzo a voi, onorevoli senatori, si accolgono coloro che ne esprimono, in modo eminente, i ricordi patriottici e i servigi e le virt¨ amministrative e intellettuali e le operositÓ economiche. [...]
        La modestia pari al valore del senatore Emanuele Borromeo, aiutante di campo di Cialdini a Castelfidardo e poi rappresentante dell’Italia all’Esposizione internazionale di Vienna, come annunzi˛ l’onorevole vostro Presidente la modestia del senatore Borromeo ci vieta di aggiungere parole commemorative; solo io dico che dal giorno in cui San Carlo Borromeo istituý nel maggior tempio di Milano la prima scuola popolare, fino alle Cinque giornate, fino all’epoca dell’esilio nobile e generoso dei patrioti lombardi, non v'Ŕ pagina di storia civile e patriottica del nostro paese dove non sia scritto il nome della famiglia Borromeo. (Approvazioni) Humilitas Ŕ divisa dei Borromeo. Ma Ŕ umiltÓ che emerge a malgrado suo, ed oggi ch’essa volle far tacere il Senato del Regno, io in nome del Governo mi sento tratto ad infrangere il divieto e ad insorgere contro questa mirabile e gloriosa umiltÓ. (Vivissime approvazioni).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 9 marzo 1906.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 29 marzo 1821.

AttivitÓ 0309_Borromeo_Emanuele_IndiciAP.pdf