SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BONFADINI Romualdo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/16/1831
Luogo di nascita:ALBOSAGGIA (Sondrio)
Data del decesso:14/10/1899
Luogo di decesso:SONDRIO
Padre:Giovanni
Madre:CARBONERA Marianna
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia
Professione:Giornalista
Altre professioni:Magistrato
Carriera:Consigliere di Stato (6 dicembre 1891)
Cariche politico - amministrative:Presidente del Consiglio provinciale di Sondrio (1884-1899)
Cariche amministrative:Assessore comunale di Sondrio [anni '50]
Consigliere provinciale di Sondrio (1878)
Membro della Deputazione provinciale di Sondrio
Cariche e titoli: Cofondatore del giornale "La Perseveranza" (1859)
Collaboratore del giornale "La Perseveranza" (1860-1866)
Direttore della rivista "Il Politecnico" di Milano (1866)
Collaboratore del settimanale "Il Crepuscolo"
Collaboratore del giornale il "Corriere della Sera" (1885-1899)
Collaboratore della rivista "Nuova Antologia"
Presidente della Società agraria della Valtellina
Segretario generale del Ministero della pubblica istruzione (1° dicembre 1873-14 ottobre 1874)
Membro della Giunta per l'inchiesta sulle condizioni della Sicilia (4 novembre 1875-22 febbraio 1876)
Presidente dell'Associazione della stampa romana (1895 -1899)
Presidente della succursale di Sondrio della Banca nazionale italiana
Presidente del Comizio agrario di Sondrio
Membro della Commissione annuale di vigilanza della Cassa dei depositi e prestiti

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/25/1896
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:01/12/1896
Giuramento:02/12/1896

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 giugno 1892
Ufficiale dell'Ordine dei SS Maurizio e Lazzaro 27 giugno 1897
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra di indipendenza
1866 terza guerra di indipendenza

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
X
Adria
16-6-1867*
Destra
Ballottaggio il 23 giugno 1867. Elezione in corso di legislatura
XI
Adria
20-11-1870**
Destra
Ballottaggio 27 novembre 1870. Cessazione per nomina a segretario generale del Ministero della pubblica istruzione. Rieletto il 25 gennaio 1874
XII
Adria
8-11-1874
Destra
XIII
Clusone
28-1- 1877***
Destra
Annullamento il 18 aprile 1877
XVI
Reggio Emilia
23-5-1886
Destra


    .:: Governo ::.

    Regno di Sardegna post 04 Marzo 1848 - Regno d'Italia:
Segretario dell'Intendenza provvisoria della Valtellina (1859)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Saracco, Presidente

      Signori senatori! In quattro soli mesi otto valent'uomini, che furono colleghi nostri in questo Senato, sono scesi nel sepolcro. Il vostro Ufficio di Presidenza dispose in tempo perché una rappresentanza del Senato prendesse parte alle ultime onoranze rese ai defunti colleghi e non tralasciò di farsi interprete appresso le loro famiglie del nostro più vivo rammarico per la dipartita di questi egregi, che noi ci aspettavamo di rivedere sui nostri banchi. Tocca adesso a me, sebbene non sia mancato chi abbia scritto con particolare affetto, e discorso altrove con la dovuta ampiezza delle virtù e dei meriti personali dei trapassati compagni - talché posso imporre a me stesso la maggiore brevità - compiere modestamente il pietoso ufficio di rendere a ciascuno di essi quest'ultimo tributo di considerazione e d'affetto. [...]
      Un altro dei compagni nostri, il professore Romualdo Bonfadini, scompariva d'improvviso dalla terra nel dì 14 del passato ottobre. Egli era nato in Albosaggia, in Valtellina, il 17 settembre 1831, e morì pertanto nella età di anni sessantasette, per malattia di cuore.
      Giovanissimo ancora, si trovò a Milano durante la Rivoluzione del 1848, che descrisse poi con grande precisione nel suo bel libro che porta per titolo: Mezzo secolo di patriottismo lombardo, ed emigrava di poi, a Parigi, dove strinse amicizia coi più eminenti profughi italiani; tornato poscia a Milano, collaborò in molti giornali, quali il Crepuscolo, la Perseveranza, il Politecnico, la Nuova antologia, e poiché si era trovato in Roma nel 1867, pensò a descriverne le condizioni politiche, che fece note in un volume che porta per titolo Roma nel 1867.
      Il nome del Bonfadini era perciò onorevolmente conosciuto in paese, purché potesse aspirare alla vita politica militante, e venne realmente eletto deputato nella decima legislatura dal collegio di Adria che gli confermò il mandato nelle due successive. In principio della decimaterza veniva ancora proclamato deputato di Clusone, ma la nomina fu annullata, e solo nella decimasesta rientrò nella Camera dei deputati quale rappresentante del collegio di Reggio di Emilia.
      Nel 1896, e più precisamente il 25 ottobre di quell'anno, fu nominato senatore.
      Con Romualdo Bonfadini si è spento un uomo di tenaci propositi, che pareva arcigno nei modi, ed era invece affettuoso cogli amici e tollerante cogli avversari nelle consuetudini della vita privata. Ma è anche vero, che fu oratore elegante, ascoltato da tutti con grande rispetto, perché veniva considerato, ed era di fatti l'uomo di carattere battagliero sì, ed abborrente per indole dalle mezze misure, ma punto eccessivo nell'arringo politico, verso del quale si sentiva attratto dalle profonde convinzioni dell'animo suo.
      Direste, che ricco di cognizioni fu sovratutto un brillante conferenziere nella trattazione di argomenti fra loro diversi, mentre nel campo giornalistico la sua parola viva, e mediocremente misurata non aveva sempre la fortuna di essere accolta col favore dei più.
      E tuttavia fu detto di lui non senza ragione, che possedeva le qualità di giornalista, più che quelle dell'uomo politico. E così avvenne che l'Associazione della stampa lo aveva eletto a suo presidente: nella quale carica si compiaceva, più che in ogni altra, vista l'indole del suo temperamento, che lo traeva a ricordare i bei giorni delle battaglie giornalistiche da esso combattute, nel nome e per la difesa del partito moderato al quale esso appartenne per proprio convincimento.
      Il Bonfadini aveva coperto per pochi mesi, nel 1874, l'ufficio di segretario generale nel Ministero della pubblica istruzione, ed era consigliere di Stato a partire dal 1891.
      Diventato cagionevole di salute, l'egregio collega sperò indarno di ricuperare le forze ritraendosi ne' suoi monti che gli erano tanto cari, e vi trovò invece la morte. Sia pace all'anima sua, e la pace eterna augurano a Romualdo Bonfadini i numerosi amici ed i suoi compagni in questo Senato che lo piangono estinto. (Vive approvazioni).
      VISCONTI-VENOSTA, ministro degli affari esteri. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      VISCONTI-VENOSTA, ministro degli affari esteri. [...]
      Il senatore Romualdo Bonfadini è stato qui degnamente commemorato. Pronunciando il suo nome, io vorrei esprimere un dolore che si ravviva nei lunghi ricordi della nostra amicizia.
      Dopo quanto fu detto, mi basti aggiungere con quanto rammarico il Governo ha veduto scomparire dalla nostra vita politica un uomo che con tutta l’opera sua contribuiva a tenerne alto il valore intellettuale e morale; l’improvvisa dipartita di quest’uomo, la cui voce si alzava per ammonire, ma mai per lusingare, ha destato in Italia un rispettoso rimpianto.
      Tutti riconoscevano in lui il sapere, l’ingegno elevato, le doti del vigoroso pubblicista e dell’oratore eloquente.
      Ma il pubblico giudizio sa discernere e, insieme con tali doti, soprattutto pregiare la lealtà del pensiero, il disinteresse degli intenti e la nobile fermezza del carattere. (Vivissime approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 17 novembre 1899.

Note:Il nome completo risulta essere: "Torquato Romualdo Francesco".
Ringraziamenti:- Avv. Mario Egidio Schinaia Presidente del Consiglio di Stato
- Sindaco di Albosaggia Graziano Murada


Attività 0288_Bonfadini_IndiciAP.pdf