SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BONCOMPAGNI LUDOVISI OTTOBONI Marco

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/21/1832
Luogo di nascita:ROMA
Data del decesso:29/03/1909
Luogo di decesso:ROMA
Padre:OTTOBONI Alessandro
Madre:BONCOMPAGNI LUDOVISI Costanza
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariPrincipe di Campana
Principe romano
Duca di Fiano
Duca di Crosiaááááááááááááááááááááá á
Conte di Bocchigliero
Nobile romano
Patrizio veneto, patrizio napoletano, patrizio genovese, patrizio di Pisa, patrizio di Bologna
Coniuge:BONCOMPAGNI LUDOVISI Giulia
Figli: Costanza, che spos˛ in prime nozze il principe Mario RUSPOLI, da cui ebbe Augusto, che spos˛ in seconde nozze Alessandro CITTADELLA VIGODARZERE
Luisa Maria, che spos˛ il conte Carlo RASPONI, senatore (vedi scheda)
Parenti:OTTOBONI Marco, avo paterno
OTTOBONI SAMBIASE SANSEVERINO Giustiniana, principessa, ava paterna
OTTOBONI Luisa, zia, sorella del padre
OTTOBONI Giovanna, che spos˛ Gerolamo Serlupi Crescenzi Mellini, zia, sorella del padre
BONCOMPAGNI LUDOVISI Antonio, suocero, senatore (vedi scheda)
BONCOMPAGNI MASSIMO Guglielmina, suocera
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Piazza S. Lorenzo in Lucina, 4
Professione:Possidente
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Roma
Cariche e titoli: Membro della Consulta araldica
Membro della Giunta permanente della Consulta araldica

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/09/1872
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Tommaso Spinola
Convalida:16/12/1872
Giuramento:16/12/1872

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 gennaio 1872
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 22 marzo 1908
Cavaliere d'onore e devozione del Sovrano militare Ordine di Malta 1855
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 1885


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Segretario (6 marzo-3 ottobre 1876)
Commissioni:Membro della Commissione di contabilitÓ interna (27 novembre 1874-8 febbraio 1909)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Giuseppe Manfredi, Presidente

        Onorevoli colleghi! Tace appena il nostro pianto sulle tombe dei colleghi avanti ieri commemorati, che di altre lagrime abbiamo nuova funesta cagione. Quantunque la fine del senatore Boncompagni-Ludovisi-Ottoboni facesse paventarsi dalla penosa, insanabile malattia, l'annuncio della sua morte di ieri ci ha costernati; e non minore del lutto, che or veste la romana aristocrazia, Ŕ quello del Senato; comune al patriziato ed a noi l'amaro compianto.
        D'una delle cospicue famiglie di pontificia origine, il defunto collega nostro aveva redato il principato, il ducato e la contea. Con tutto ci˛ il giovane Marco Ottoboni, sotto la dominazione pontificia, fu di quelli, fra i romani patrizi, che, sentendo italicamente, anelavano a libertÓ. La sera del 19 settembre 1870, penetrato in Roma che all'indomani le truppe italiane sarebbero all'attacco, ne gioý con gli amici del Circolo a san Carlo. Roma occupata dalle armi liberatrici, ed assisa con il serto di capitale, il duca di Fiano coadiuv˛ il nuovo ordine di cose, caldo di devozione al Re, ed alla Real Casa, gentiluomo d'onore della principessa, che divenne Regina.
        Prese parte alle amministrazioni cittadine: non solo appassionato dei pubblici spettacoli nella deputazione comunale, e nella societÓ delle corse presidente, ma dedito con amore ed abnegazione alla beneficenza in vari istituti, specialmente nella SocietÓ degli asili d'infanzia. Della Consulta araldica vicepresidente, era in essa presidente del Comitato romano.
        Fatto senatore il 9 novembre 1872, era degli assidui alle sedute ed agli uffici. Segno della stima del Senato gli fu l'elezione a segretario della Presidenza nella 2¬ sessione della XII legislatura; e la presidenza, che il voto de' colleghi ripetutamente gli conferý, della Commissione di contabilitÓ interna. E pur ieri il nome del senatore Boncompagni-Ottoboni raccoglieva i voti di membro di detta Commissione, quando spirava.
        Il nostro affetto lo seguirÓ nell'ultima dimora. (Bene).
        Avverto che i funerali avranno luogo domattina alle nove e mezzo. Estraggo a sorte i nomi dei senatori, che con la Presidenza, rappresenteranno il Senato alle funebri esequie. Risultano sorteggiati i nomi dei senatori Cefaly, Massarucci, Di Carpegna, Colonna Prospero, Astengo, Fabrizi e Borgatta.
        CASANA, ministro della guerra. Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare.
        CASANA, ministro della guerra. Il Governo, per mio mezzo, si associa alle parole elevate con le quali il nostro Presidente ricord˛ la nobile esistenza del senatore duca di Fiano.
        Il pensiero mio personale poi si rivolge particolarmente ad un altro nostro collega, che Ŕ stato profondamente colpito in un affetto profondo ed intimo della sua famiglia. (Bene).
        DI CARPEGNA. Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare.
        DI CARPEGNA. Permetta il Senato che io per pochi minuti ricordi il nostro egregio collega e mio carissimo amico senatore Boncompagni-Ottoboni.
        Ci trovammo d’accordo per la sottoscrizione per l’offerta di una spada di onore per l’imperatore Napoleone III ed al Re Vittorio Emanuele, ci˛ che in quell’epoca costituiva un grave delitto, ci ritrovammo pure d’accordo nel 1868 a Firenze, quando S.M. il Re Umberto spos˛ la principessa Margherita, divenuta poi nostra Regina, ed ora nostra augusta Regina madre, a presentare gli omaggi ai nuovi sposi, futuri reali d’Italia.
        Allora noi eravamo pochi, ci contavamo, ma ci conoscevamo molto bene, ed era quindi naturale che dopo il 20 settembre, noi ci ritrovassimo insieme un’altra volta.
        Vada dunque questo mesto ricordo al caro e vecchio amico, al patriota esimio, anteriore alla vigilia.
        Noi tramontiamo, onorevoli colleghi, ma Ŕ con orgoglio che possiamo dire che la nostra generazione seppe fare il suo dovere. La nostra vecchiaia Ŕ serena, Ŕ lieta di averlo compiuto ed Ŕ perci˛ che il ricordo di quelli che spariscono, se Ŕ per noi un dolore, Ŕ anche di soddisfazione nel senso che abbiamo la convinzione che tutti coloro che spariscono compirono il loro dovere verso il paese.
        Il Boncompagni-Ottoboni aveva una rettitudine di intendimenti meravigliosa, una signorilitÓ di modi, che lo rendeva un tipo di quel vecchio stampo di cui, disgraziatamente, a me sembra si sia perduta la forma.
        Permettete dunque, egregi colleghi, che io, come vecchio suo amico, mandi a lui l’ultimo saluto, saluto reverente e doloroso, ed invii ancora alla sua famiglia, con rimpianto mio, il rimpianto vostro, perchÚ credo con ci˛ di interpretare il pensiero unanime del Senato. (Approvazioni vivissime e generali).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 30 marzo 1909.

Ringraziamenti:Domenico Serlupi Ottoboni, discendente
Archivi:L'archivio di famiglia risulta depositato presso l'Archivio storico del Vicariato di Roma

AttivitÓ 0284_Boncompagni_Ludovisi_Ottoboni_IndiciAP.pdf