SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


BASTOGI Gioacchino

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/06/1851
Luogo di nascita:LIVORNO
Data del decesso:21/12/1919
Luogo di decesso:FIRENZE
Padre:Pietro, banchiere, senatore
Madre:CAPUTI Adele
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Fratelli:Giovanni Angelo, spos˛ RONDINELLI VITELLI Clementina
Giovacchino
Enrichetta, che spos˛ Michelangelo BASTOGI
Parenti:Michelangelo, avo paterno
Professione:Industriale-agricoltore
Cariche e titoli: Fondatore del Museo di Montepulciano
Socio della SocietÓ geografica italiana (1893)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/04/1909
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Carlo Municchi
Convalida:22/05/1909
Giuramento:22/05/1909


    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVIII
Montepulciano
6-11-1892
Destra
XIX
Montepulciano
26-5-1895
Destra
XX
Montepulciano
21-3-1897
Destra
XXI
Montepulciano
3-6-1900
Destra
XXII
Montepulciano
6-11-1904
Destra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Tommaso Tittoni, Presidente

        Onorevoli colleghi! Son trascorsi pochi giorni da quando vi annunciavo la scomparsa di amati colleghi, ed ecco che altre perdite sono venute ad addolorarci. [...]
        Il 21 scorso manc˛ poi ai vivi in Firenze il conte Gioacchino Bastogi, nato il 6 dicembre 1851 a Livorno dal conte Pietro, che fu insigne patriota e ministro delle finanze nei Gabinetti Cavour e Ricasoli all'alba del nuovo Regno.
        Educato dal padre al culto delle idealitÓ nazionali ed all'amore di tutto ci˛ ch'Ŕ nobile e degno, egli non solo crebbe generoso e munifico, ma fu studiosissimo dei problemi sociali ed agrari e sinceramente desideroso di un vero miglioramento delle classi lavoratrici.
        Eletto, con votazione quasi plebiscitaria, deputato pel collegio di Montepulciano per la XVIII legislatura, il mandato gli fu sempre riconfermato dai suoi fedeli elettori fino alla XXIII; e sarebbe certamente stato rieletto anche per quella, se non avesse spontaneamente rinunciato e, nonostante le insistenze, mantenuto la rinuncia.
        Durante i lunghi anni di deputazione, milite operoso del partito liberale, fu tenuto in grande stima da tutte le parti della Camera, fu attivo nei lavori delle commissioni, collaborando a importanti disegni di legge, specialmente a quelli che interessavano la sua regione natia, della cui prosperitÓ fu quanto mai zelante difensore.
        Dotato di censo cospicuo, della sua fortuna fece sempre largo e filantropico uso; pel suo spirito colto, raffinato e generoso, la munificenza illuminata era, pi¨ che un godimento, un bisogno. Molteplici furono i campi di questa sua attivitÓ benefica: sue opere sono, fra l'altro, la creazione dell'interessantissimo Museo di Montepulciano, la costruzione del Teatro di Acquaviva e l'ingrandimento dell'Ospedale di Sarteano: ogni anno centinaia di bambini poveri del suo collegio erano, grazie alle sue cure, inviati agli ospizi marini di Viareggio e molti giovani doverono alle borse di studio da lui istituite l'aver potuto proseguire negli studi. E innumeri erano le sue elargizioni per tutte le istituzioni benefiche, per tutte le iniziative di progresso e di civiltÓ, innumeri le opere provvide che ebbero il suo impulso, le sventure ch'egli allevi˛ con mano insieme prodiga e modesta.
        La sua nobile, austera figura rimarrÓ indelebile nella memoria di quanti lo conobbero; attorno alla sua bara piange la folla dei beneficati, piange tutta la toscana.
        Le sue benemerenze gli avevano valso la nomina a senatore, concessagli il 4 aprile 1909. Ed ora il Senato invia alla sua memoria un reverente saluto, alla famiglia le sue condoglianze pi¨ vive. (Bene). [...]
        MORTARA, ministro delle giustizia e degli affari di culto. Domando di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ. [...]
        MORTARA, ministro delle giustizia e degli affari di culto. A nome del Governo, mi associo alla commemorazione fatta dall'illustre Presidente e da altri onorevoli senatori del defunto senatore Castelli, pel quale, a nome dell'esercito ha giÓ parlato l'onorevole collega ministro della guerra ed alla commemorazione del senatore Bastogi, della cui filantropia Ŕ stato tessuto l'elogio. (Bene).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 27 dicembre 1919.

Ringraziamenti:Direzione servizi demografici - Stato civile del Comune di Firenze
SocietÓ geografica italiana


AttivitÓ 0171_Bastogi_Gioacchino_IndiciAP.pdf