SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


NASINI Raffaello

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/11/1854
Luogo di nascita:SIENA
Data del decesso:29/03/1931
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Giuseppe, delegato di Governo
Madre:BUSTELLI Olimpia
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariNobile
Coniuge:Evelina
Figli: Giuseppe, figliastro
Luogo di residenza:ROMA
Titoli di studio:Laurea in chimica
Laurea "ad honorem" (UniversitÓ di Glasgow)
Laurea "ad honorem" (UniversitÓ di Cambridge)
Presso:UniversitÓ di Pisa
Professione:Docente universitario
Carriera:Professore ordinario di Chimica generale alla UniversitÓ di Padova (12 novembre 1891)
Rettore della UniversitÓ di Padova (7 ottobre 1900-1902)
Professore ordinario di Chimica generale alla UniversitÓ di Pisa (17 maggio 1906)
Professore onorario dell'UniversitÓ di Padova (25 aprile 1922)
Direttore della Scuola di farmacia alla UniversitÓ di Pisa (5 novembre 1923) (31 dicembre 1925-1929)
Cariche e titoli: Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei (18 luglio 1891)
Membro corrispondente dell'Istituto di scienze, lettere e arti di Venezia (23 aprile 1893)
Membro effettivo dell'Istituto veneto di scienze, lettere e arti di Venezia (26 aprile 1899)
Membro della SocietÓ italiana delle scienze, detta dei XL (3 maggio 1904)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei (16 agosto 1906)
Socio corrispondente dell'Accademia pontaniana di Napoli (4 febbraio 1912)
Socio corrispondente dell'Accademia delle scienze di Torino (24 febbraio 1918)
Socio dell'Accademia dei Fisiocritici
Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1░ luglio 1915), (1░ luglio 1919-31 agosto 1923)
Membro della Giunta del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1░ luglio 1915-31 agosto 1923)
Presidente della SocietÓ italiana per il progresso delle scienze
Presidente dell'Associazione italiana di chimica
Socio d'onore della SocietÓ chimica di Francia
Socio d'onore della SocietÓ chimica di Romania
Socio d'onore della Royal Institution di Londra
Socio d'onore dell'Associazione britannica per il progresso delle scienze
Presidente della Giunta tecnica per le importazioni di prodotti chimici
Presidente della Commissione reale per le sostanze radioattive
Membro del Consiglio superiore di sanitÓ
Membro del Consiglio superiore dell'industria e del commercio

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:16/11/1928
Nomina:12/22/1928
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Vittorio Scialoja
Convalida:11/05/1929
Giuramento:14/05/1929

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, Presidente
      "PRESIDENTE. (Si alza; contemporaneamente si alzano senatori e ministri).
      Prima di cominciare i nostri lavori rievochiamo, onorevoli colleghi, le care figure di coloro che ci abbandonarono durante l'interruzione delle sedute del Senato.
      Alta fama scientifica illustrava il nome di Raffaello Nasini, senese, giÓ allievo del Cannizzaro in Roma e del Landolt a Berlino, per lunghi anni professore di chimica generale nell'UniversitÓ di Padova, e poi in quella di Pisa. Autore di opere molto pregiate, nelle quali raccolse e ordin˛ i risultati dei suoi studi e delle sue esperienze, non soltanto non trascur˛ per l'amore delle ricerche teoriche il vastissimo campo delle applicazioni, ma fu tra i pi¨ attivi ed efficaci rinnovatori dell'indirizzo tecnico-scientifico delle industrie chimiche italiane. Come rettore, per un quinquennio, dell'UniversitÓ di Padova, e come membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione diede prova di sapere largamente intendere e fortemente propugnare gli interessi generali della cultura italiana. Dal 22 dicembre 1928 Raffaello Nasini era stato chiamato a far parte di questo nostro Consesso, che egli onor˛ con l'autoritÓ del suo nome insigne. [...]
      DE BONO, ministro delle colonie. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      DE BONO, ministro delle colonie. Il Governo si associa al cordoglio del Senato per i senatori scomparsi".

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 19 maggio 1931.