SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


GERBAIX DE SONNAZ Maurizio

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/26/1816
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:21/05/1892
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Giuseppe Maria
Madre:GRANERI DE LA ROCHE, DELLA ROCCA Enrichetta
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Marchese de la Roche, di Chatelet
Signore di Mondésir
Titoli riconosciuti con decreto ministeriale del 18 marzo 1895
Coniuge:DE RESCADO DE MOLAC Luisa
Figli: Carlo, maggiore, padre di Guido Maurizio, nipote
Luogo di residenza:TORINO
Indirizzo:Via Bogino, 9
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Accademia militare di Torino
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Colonnello (Regno di Sardegna) (13 febbraio 1856)
Maggiore generale (25 maggio 1859)
Tenente generale (Regno di Sardegna) (3 ottobre 1860-18 aprile 1878. Collocato a disposizione)
Cariche e titoli: Membro effettivo dell'Ordine militare di Savoia [1° febbraio 1865-1° febbraio 1869]
Presidente del Comitato per l'Arma di cavalleria (23 settembre 1865)
Aiutante di campo di SM il Re (20 ottobre 1866)
Primo aiutante di campo di SM il Re (7 gennaio 1870)
Primo aiutante di campo onorario di SM il Re (21 gennaio 1872)
Membro del Consiglio dell'Ordine militare di Savoia (1867)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/01/1870
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Luigi Chiesi
Convalida:13/12/1870
Giuramento:13/12/1870

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° gennaio 1852 [potrebbe essere 4]
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 agosto 1858
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 15 marzo 1860
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 dicembre 1860
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 maggio 1867
Grande ufficiale delll'Ordine militare di Savoia 1° giugno 1861
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 22 aprile 1868
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) 8 ottobre 1852
Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) 23 maggio 1859

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
1859 seconda guerra d'idipendenza
1860-1861 campagna d'Ancona e Bassa Italia
1866 terza guerra d'indipendenza
Arma:Esercito: cavalleria
Decorazioni:Medaglia d'argento al valor militare, medaglia d'oro al valore militare, medaglia commemorativa per la campagna d'Italia 1859 (Francia), medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia, medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Cesena II
16-9-1860*
Non risulta
Ballottaggio il 20 settembre 1860. Cessazione per promozione a tenente generale
VIII
Perugia I
7-4-1861
Non risulta
Elezione in corso di legislatura


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (16 dicembre 1876-1° febbraio 1880)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! [...]
      Addì 21 del mese la morte coglieva in Torino, dove era nato il 26 novembre 1816, il conte Maurizio de Sonnaz.
      Rampollo di famiglia patrizia savoiarda, discendente per lungo, antico ordine di illustri che primeggiarono nello Stato e tennero i più alti gradi nella milizia, a questa fu attratto da naturale propensione e dalle domestiche glorie.
      Privilegio di schiatta fece lui, allievo della Accademia militare, a soli quindici anni primo paggio d’onore di Re Carlo Alberto; privilegio di corte lo chiamò, a soli diciannove, luogotenente di cavalleria: singolari favori della nascita dei quali nella lunga carriera le onorate opere lo addimostrarono degno.
      Infatti non appena il piccolo esercito piemontese, attingendo nel proprio valore e nella fede al Re lena adeguata alla grande causa, scese in campo per la prima guerra d'indipendenza, il capitano de Sonnaz brillò per intrepidezza e foga.
      A Sommacampagna, a Custoza, a Valeggio, fuori le porte di Milano, sempre fu bello di ardimenti. Ed alla Berettara, con impeto quasi temerario, ruinando con due squadroni del reggimento Novara sul nemico incalzante, lo arrestava balenante, dando ansa e franchezza di riordinarsi alle fanterie di lui ammirate e lui plaudenti.
      Nell'ottobre del 1848 promosso maggiore, la fresca età e la balda rinomanza dicevanlo speranza della cavalleria, di tutto l'esercito: né fu bugiarda promessa.
      Organatore del reggimento Cavalleggeri di Monferrato nel 1850, colonnello dello stesso nel 1856 ammaestrando ed educando con passione, che artificio non crea se natura la nieghi, eccitò e preparò gli allori di Montebello. Dove alla testa di una brigata di cavalli, con sagacia ed intrepidezza straordinarie, rattenne il primo irrompere di quella numerosa schiera che, capitanata dallo Stadion, rischiarata dall'Urban, tentava separarci da Genova, scuoprire il nostro disegno verso Piacenza. Fortunatissimo episodio di quel primo combattimento, lieto auspicio di altre vittorie, bell'esempio di oculatezza agli alleati, a tutti di virtuoso sacrificio.
      Nel settembre 1860, comandante la prima divisione attiva, Maurizio de Sonnaz con rapido assalto spazza Perugia dai pontifici; negli approcci di Ancona toglie loro le lunette di Monte Pelago e Monte Pulito; guida i granatieri all'assalto di Mola di Gaeta: ogni tappa gli arreca una gloria. (Molto bene).
      Per merito di guerra maggior generale dopo Montebello; per merito di guerra, dopo Perugia ed Ancona, tenente generale; la medaglia di argento nel 1848, quella d'oro nel 1859; grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia, dopo Mola di Gaeta: ogni combattimento lo premia di un grado, il nuovo grado è fatto più bello da insigne onorificenza. (Benissimo).
      Né basta: i fasti di lui corrono di bocca in bocca; aura di popolo ne accarezza il nome; voto di popolo, per sicuro intuito della missione dell'esercito, attesta al vittorioso la sua fede: Cesena nella 7ª legislatura, Perugia nell'8ª lo vogliono loro rappresentante.
      comandante la divisione di cavalleria di linea, indi la riserva del corpo di spedizione, non ebbe nel 1866, Maurizio de Sonnaz, nuove occasioni di segnalarsi.
      Ma anche terminata la campagna l'opera sua e come presidente del Comitato di cavalleria e quale comandante di corpo d'Armata durò fino al 1878, in cui, trascorsi quarantatré anni di studî e di servizi militari eminenti, fu collocato a riposo.
      Di tali benemerenze Re Vittorio Emanuele, largo estimatore, lo onorò con specialissimi segni di sua grazia, chiamandolo a suo primo aiutante di campo, e nel medesimo anno 1870 ascrivendolo a questa Assemblea.
      Per la quale commemorando io il gentiluomo, rimpiangendo, mietuto dalla falce inesorabile il fortissimo, i cui gesti noverano le epiche pagine del risorgimento, invoco, auspice il genio della patria, continuatori pari a lui imperterriti e gloriosi. Allora l'opera, cui Maurizio de Sonnaz mise la mano invitta, vivrà nei secoli! (Vive generali approvazioni).
      DI SAINT-BON, ministro della marina. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      DI SAINT-BON, ministro della marina. La circostanza di aver io l’onore di essere senatore del Regno mi addita a dovere di dire brevi parole in continuazione di quelle eleganti e sentite pronunciate dal Presidente di quest’Assemblea. Non starò a spiegare minutamente la vita del mio paesano, conte de Sonnaz, di cui con dolore debbo oggi deplorare la perdita.
      Il nostro illustre Presidente ha passato eloquentemente in rivista tutta la sua vita, e rilevati i prodigi di valore da lui compiuti.
      A me pertanto non rimane altro che associarmi alle sue parole in nome del Governo e deplorare il fatto che si va diradando la schiera di quei valorosi che hanno contribuito a formare l’unità d’Italia, ed il cui nome però resta registrato negli annali della patria e lascia nel cuore un sentimento imperituro di gratitudine profonda.
      SENATORE FINALI. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      SENATORE FINALI. Io sono lieto che l’onorevolissimo Presidente, menzionando con nobilissime parole i meriti di Maurizio de Sonnaz, abbia ricordato, che il collegio politico di Cesena fu il primo a dargli la testimonianza più ambita di benemerenza politica, eleggendolo dopo gloriose campagne deputato al Parlamento.
      Così dalla Romagna venne il quel tempo l’esempio del come i popoli generosi apprezzino i servigi che dall’esercito sono resi all’indipendenza e alla libertà della patria. (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 maggio 1902.

Ringraziamenti:Ministero della difesa, generale Rocco Panunzi, colonnello Antonio Congedo, tenente colonnello Bruno Jannaccone

Attività 1100_Gerbaix_de_Sonnaz_Maurizio_IndiciAP.pdf