SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


GARBASSO Antonio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/16/1871
Luogo di nascita:VERCELLI (Novara) - oggi VERCELLI
Data del decesso:14/03/1933
Luogo di decesso:FIRENZE
Padre:Luigi, giudice istruttore
Madre:GABBA Rosa
Coniuge:VENTURA Bianca
Figli: Giorgio
Luogo di residenza:FIRENZE
Titoli di studio:Laurea in fisica
Conseguiti nel:1892
Fonte:<D>
Presso:Università di Torino
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Fisico
Carriera:Professore ordinario di Fisica alla Università di Genova (18 novembre 1909)
Professore ordinario di Fisica presso l'Istituto superiore di Firenze (18 dicembre 1913)
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Firenze (1° dicembre 1920-17 aprile 1923) (18 aprile 1923-15 gennaio 1927)
Podestà di Firenze (16 gennaio 1927-21 settembre 1928)
Cariche e titoli: Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei (18 luglio 1909)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei (29 settembre 1921)
Vicepresidente dell'Accademia dei Lincei (9 luglio 1926-14 luglio 1932)
Presidente dell'Accademia dei Lincei (14 luglio 1932-13 luglio 1933)
Socio corrispondente dell'Accademia delle scienze di Torino (15 maggio 1910)
Socio dell'Accademia delle scienze di Torino
Socio della Società italiana delle scienze, detta dei XL (1° maggio 1915)
Membro dell'Accademia della Crusca
Membro dell'Istituto lombardo di scienze, lettere ed arti di Milano
Presidente della Cassa nazionale delle assicurazioni sociali (1928-1932)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:09/18/1924
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Vittorio Polacco
Convalida:21/11/1924
Giuramento:22/11/1924

    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 20 gennaio 1913
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 8 agosto 1920
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 31 ottobre 1921
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 24 maggio 1925
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 8 giugno 1916
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° giugno 1922

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1915-1918 I guerra mondiale
Mansioni:Maggiore del genio


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per il giudizio dell'Alta Corte di Giustizia (27 dicembre 1929-14 marzo 1933)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, Presidente
      "PRESIDENTE. Prima di riprendere le nostre discussioni rivolgiamo un pensiero di affetto e di reverenza alla memoria dei Colleghi che ci hanno lasciati durante l'interruzione delle sedute del Senato.
      (...)
      Antonio Garbasso aveva conquistato altissima reputazione fra i fisici, per l'originale e copioso contributo da lui dato ai progressi recenti di quella scienza, che egli professava con grande plauso da un ventennio nell'ateneo fiorentino; ma il carattere essenziale della sua mente era la geniale versatilità, che, alimentata da una varia e doviziosa cultura, assecondata dalle virtù di una oratoria smagliante e arguta, pareva ricollegare il Garbasso, vercellese di nascita, alle più belle tradizioni toscane. In vero Antonio Garbasso si considerava ed era considerato fiorentino d'elezione; e Firenze lo ebbe dapprima Sindaco, poi Podestà, ininterrottamente, per nove anni, durante i quali egli, col suo ardore intelligente e appassionato di fascista, con la saggezza dei suoi criteri amministrativi col suo amore sensibile dell'arte, con la signorilità della sua parola e del suo gusto, ricondusse a nuovo splendore le sorti e la vita intellettuale della gloriosa città. Aveva lasciato la podesteria di Firenze per assumere l'importantissimo ufficio di presidente della Cassa nazionale delle assicurazioni sociali, ch'egli tenne con illuminata saggezza fino a pochi mesi or sono, allorché la malattia, che purtroppo già lo min,ava, lo costrinse ad abbandonare ogni applicazione.
      MUSSOLINI, Capo del Governo. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      MUSSOLINI, Capo del Governo. Mi associo, a nome del Governo, alle parole commemorative pronunziate dal Presidente della Vostra Assemblea".

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 21 marzo 1933.

Ringraziamenti:Dott. Luca Palandri - Ufficio del Sindaco del Comune di Firenze