SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno di Sardegna » Scheda Senatore  


CASATI Gabrio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/02/1798
Luogo di nascita:Milano
Data del decesso:16/11/1873
Luogo di decesso:Milano
Padre:Gaspare
Madre:De' Capitani di Settala Luigia
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte, titolo concesso con motu proprio, diploma imperiale austriaco, regie patenti del 13 ottobre 1873
Patrizio milanese, patrizio di San Marino
Nobiltà indipendente
Coniuge:Bossi Luigia
Figli: Gaspare
Teresa
Paola
Gerolamo
Antonio
Luigi Agostino, senatore (vedi scheda)
Elisabetta
Fratelli:Teresa, coniugata Confalonieri, Carolina coniugato Sirtori e Giuseppa coniugata Durini di Monza, figli di Gaspare e della prima moglie Maria Orrigoni
Maria che sposò Antonio Barbiano di Belgioioso, Angelo che sposò Luigia Isimbardi d'Adda, Camillo, che sposò Anna Giulini della Porta ed era padre di Rinaldo, senatore (vedi scheda), figli di Gaspare e della seconda moglie Luigia De Capitanei de Settala, Isabella coniugata Brivio Sforza
Luogo di residenza:MILANO
Indirizzo:Corso Venezia n. 24
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Podestà di Milano (1837)
Cariche e titoli: Membro della Consulta araldica
Presidente della Consulta araldica
Socio della Società geografica italiana (1867)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/20/1853
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Alessandro Pinelli
Convalida:14/11/1853
Giuramento:14/11/1853

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine supremo della SS. Annunziata 21 aprile 1868
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 luglio 1847
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 agosto 1859
Commendatore dell'Ordine di S. Gregorio Magno (Stato pontificio) 1860
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
I
Rapallo
30 settembre 1848
Dimissionario il 21 ottobre 1848


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Vicepresidente (29 marzo-28 dicembre 1860)
Presidente (8 novembre 1865-13 febbraio 1867, 21 marzo 1867-2 novembre 1870)
Commissioni:Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (23 novembre 1876-23 gennaio 1878) (11 marzo 1878-1° febbraio 1880) (19 febbraio-2 maggio 1880)
Membro della Commissione di finanze (11 marzo 1878-1° febbraio 1880) (19 febbraio-2 maggio 1880)

    .:: Governo ::.

Regno di Sardegna post 04 Marzo 1848 - Regno d'Italia:Presidente del Consiglio (27 luglio-15 agosto 1848)
Ministro della pubblica istruzione (19 luglio 1859-21 gennaio 1860)
Altri Stati:Presidente del Governo provvisorio di Lombardia (marzo-luglio 1848)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

    Signori Senatori:
    In assenza dell’autorevolissimo personaggio a noi tutti caro e da me in special modo venerato, l’illustre marchese di Torrearsa, tocca a me di compiere l’ufficio doloroso di rendervi informati di due recenti e lamentevolissime perdite fatte dalla nostra Camera tra la proroga della precedente Sessione, e la inaugurazione dell’attuale. [...]
    Come udiste, o Signori, due tombe lacrimate si chiusero da quattro mesi in qua, una a Torino, a Fermo l'altra, e mentre io parlo, un'altra lacrimatissima se ne schiude a Milano.
    L'egregio Collega nostro, l'ex Presidente degnissimo di questo Consesso augusto, il cittadino benemerentissimo del Re e della Patria, l'illustre conte Gabrio Casati, non è più. Un attacco tremendo di congestione cerebrale spegneva in quarant'otto ore nella sua diletta Milano la di lui preziosa esistenza.
    All'annunzio di cotanto grave sciagura, il Senato avrà una ragione di più per lamentare che questo seggio elevatissimo non sia oggi occupato dall'uomo eminente, al quale il Governo del Re con savissimo consiglio lo ha destinato. Infatti, l'animo mio commosso dalla notizia funesta, tanto meno poté raccogliersi, e può dire parole degne dell'illustre trapassato, quanto più brevi furono le ore che trascorsero tra l'annunzio dell'avvenimento deplorevolissimo e la comunicazione che io doveva darne al Senato. Che se assunto difficile sarebbe per molti il dire delle virtù di Gabrio Casati cittadino, e delle doti preclare dell'integro e coraggioso podestà di Milano, del Presidente del Governo provvisorio di Lombardia, del patriota operosissimo, del Ministro illuminato, del Presidente che indirizzò per quattro anni le nostre discussioni con tanto decoro e frutto della cosa pubblica, difficilissimo e quasi impossibile è per me il compierlo degnamente.
    E con qual pro io mi arrischierei, o Signori, a tentare una prova, che d'altra parte penso sia quanto meno superflua?
    Forseché non è a tutti voi noto che il compianto nostro collega ebbe una parte assai spiccata negli avvenimenti più importanti che prepararono, accompagnarono e susseguirono sino a questi ultimi giorni il compiuto risorgimento d'Italia nostra?
    È forse necessario che io vi ricordi le onorificenze di prim'ordine colle quali la munificenza del Re nostro compensò la devozione senza limiti, la fedeltà incrollabile, il patriottismo esemplare dell'illustre di cui non sarà mai abbastanza compianta la perdita?
    Forseché non siete tutti stati testimoni della consolazione ineffabile, a pochissimi concessa e da lui padre amorevolissimo provata, allorquando vide assunto meritamente alla dignità Senatoria il non degenere suo figlio?
    Sia meglio adunque di ogni parola superflua, il silenzio ed il raccoglimento nell'angoscia e nel dolore. Ma se è vero che lassù nel beato regno delle cose di quaggiù memoria duri, l'anima virtuosissima di Gabrio Casati sentirà la gioia, riserbata soltanto agli egregi, che dipartendosi da questa terrena dimora, lasciano tra i congiunti, gli amici ed i Colleghi, come egli lascia tra noi, ricchissima eredità di compianto sincero e di rimembranza affettuosa.

    Senatore BERETTA. Domando la parola.
    PRESIDENTE. Il Senatore Beretta ha la parola.
    Senatore BERETTA. Come concittadino e collega al conte Casati in molti degli Uffici della città di Milano, mentre faccio eco alle sincere lodi che tributò in nome del Senato il nostro Presidente all'illustre estinto, propongo di inviare le più sentite condoglianze al degno figlio, nostro Collega.
    Senatore GUALTERIO. Domando la parola.
    PRESIDENTE. Il Senatore Gualterio ha la parola.
    Senatore GUALTERIO. Io mi associo di gran cuore alle parole del nostro Presidente e del Collega Senatore Beretta.
    Amico personale del conte Casati, io credo sia atto di giustizia il fare un atto di condoglianza, non solo colla famiglia, ma anche col Municipio di Milano per la perdita di quell'egregio, che tanto ha contribuito alla liberazione d'Italia.
    PRESIDENTE. Il Senato ha inteso la proposta del Senatore Beretta, appoggiata e completata dal Senatore Gualterio.
    Chi intende approvarla, si alzi.
    (Approvato.)
    L'Ufficio di Presidenza penserà a spedire una lettera di condoglianza alla famiglia dell'illustre estinto ed al Municipio di Milano".

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 17 novembre 1873.
Ringraziamenti:Comune di Usmate Velate
Dottoressa M. Rosella Penati - responsabile URO
Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana


Attività 0480_Casati_Gabrio_IndiciAP.pdf