SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


MOLMENTI Pompeo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/01/1852
Luogo di nascita:VENEZIA
Data del decesso:24/01/1928
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Ettore
Madre:REGAZZI Lucia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:BRUNATI Amelia
Coniuge:PALAZZI Ludovica
Luogo di residenza:MONIGA DEL GARDA (Brescia)
Altra residenza:ROMA
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Padova
Professione:Docente
Altre professioni:Storico, critico d'arte
Carriera:Professore di Lettere italiane al Liceo "Marco Foscarini" di Venezia (1881)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Venezia (10 novembre 1889-30 giugno 1902)
Assessore comunale di Venezia (3 agosto 1895-30 giugno 1897)
Cariche e titoli: Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (26 giugno 1917-30 giugno 1921)
Membro del Consiglio degli archivi (28 maggio 1907-7 giugno 1923)
Socio corrispondente della Deputazione di storia patria per le Venezie (1° febbraio 1885)
Socio effettivo della Deputazione di storia patria per le Venezie (8 ottobre 1889)
Presidente della Deputazione di storia patria per le Venezie (23 novembre 1913)
Membro corrispondente dell'Istituto veneto di scienze, lettere e arti di Venezia (14 aprile 1889)
Membro effettivo dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (2 febbraio 1896)
Membro effettivo pensionato dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (31 marzo 1910)
Vicepresidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (16 gennaio 1913-12 dicembre 1914)
Presidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (13 dicembre 1914-6 dicembre 1916)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei di Roma (11 luglio 1913)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (25 novembre 1920)
Socio dell'Accademia della Crusca di Firenze (7 giugno 1921)
Socio onorario della Società dalmata di Storia patria (1926)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/04/1909
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:25/05/1909
Giuramento:25/05/1909

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVII
Brescia I
23-11-1890
Estrema destra
XIX
Salò
26-5-1895
Estrema destra
XX
Salò
21-3-1897
Estrema destra
XXI
Salò
3-6-1900
Estrema destra
XXII
Salò
6-11-1904
Estrema destra


    .:: Governo ::.

    Governo:
Sottosegretario di Stato per le antichità e belle arti al Ministero della pubblica istruzione (24 novembre 1919-21 maggio 1920)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
              Tommaso Tittoni, Presidente

              Onorevoli colleghi. Or è pochi giorni, un funebre corteo di gondole accompagnava verso l'isola dei morti, tacita in mezzo alla laguna, la salma di colui che è stato ai tempi nostri il più grande esaltatore e difensore della gloria e della bellezza di Venezia, di Pompeo Molmenti. E certo in quell'ora si raccoglievano d'intorno alla sua bara gli spiriti dei grandi dogi, dei grandi condottieri, dei grandi artisti ch'erano rivissuti, per magia d'arte, nelle sue pagine. Era destino che questo grande veneziano, nato colà il 1° settembre 1852, chiudesse gli occhi il 24 gennaio qui in Roma, lontano dalla sua città, ch'egli aveva tutta la vita, come lasciò scritto nel testamento, adorata disinteressatamente. E Venezia, da lui beneficata anche in morte con cospicui legati artistici, gli ha giustamente tributato quelle medesime onoranze solenni che in altri tempi accompagnarono la scomparsa dei suoi dogi, dei suoi guerrieri.
              Alla sua città Pompeo Molmenti ha elevato un monumento d'amore non solo nei suoi molti volumi e nelle centinaia di articoli sparsi qua e là in giornali e riviste, ma con la sua varia e complessa attività di uomo politico, di amministratore, di membro di tanti istituti e accademie, attività che di quell'amore si illumina, a quell'amore si ispira, che è tutta, o quasi, subordinata a ciò che è stato per più di un cinquantennio l'apostolato fervido e convinto di Pompeo Molmenti.
              Con tutto che si fosse addottorato nel giure ed avesse esercitato anche per breve tempo l'avvocatura, artista egli nacque, in una famiglia di artisti, e innamorato dell'arte e della sua storia: e come dagli studi di pittura intrapresi in gioventù ricavò le cognizioni tecniche necessarie alla critica, così dalla conoscenza della vita artistica di Venezia, seppe trarre vivida luce per la storia civile e politica di essa. Dopo alcuni promettenti tentativi letterari, trovò la sua vera via quando a 27 anni, dopo una severa preparazione negli archivi, pubblicò la Storia di Venezia nella vita privata, l'opera sua principale, cui è sicuramente affidata la sua fama, e ch'egli con un lavoro instancabile di cinquant'anni perfezionò ed ampliò fino alla settima edizione, ora in corso. Dal profondo studio di tutte le manifestazioni della vita e dell'arte veneziane, egli seppe assurgere alla ricostruzione ideale, piena di bellezza e di plastica vigoria, delle varie epoche della Serenissima, mettendone in risalto, accanto alla ricchezza dei traffici e alla potenza delle armi, la grande forza spirituale, che ne fece la vera erede di Roma. Con altre opere fondamentali, egli rese piena giustizia ai due grandi pittori, che rappresentano l'aurora e il crepuscolo della scuola pittorica veneziana, il Carpaccio ed il Tiepolo, colorendo allo stesso tempo di nuova luce le epoche in cui essi vissero. E con tanti scritti, come con discorsi mirabili, egli seppe suscitare in tutto il mondo nuovo culto per Venezia: da un lato strenuamente lottò per demolire fosche leggende, diffamatrici del savio ordinamento della Serenissima, e per opporsi al dilagare, nella letteratura e nello schermo, di truci e false rappresentazioni della vita veneziana d'un tempo, e dall'altro difese, fino all'ultimo respiro, la integrità artistica della sua città, minacciata dagli innovatori. Pur senza ripudiare le supreme necessità del progresso, egli voleva che fossero contemperate al rispetto del carattere artistico che fa di Venezia una città unica al mondo, e vinse quasi sempre l'ardua battaglia, sì che in gran parte Venezia deve a lui di essere ancor quasi del tutto salva dai tentativi iconoclasti.
              Perché una intiera vita d'uomo fosse spesa nell'adorazione, nella difesa disinteressata della propria città, occorreva una tempra degna di altri tempi: e tale era quella del Molmenti, paragonabile ai grandi veneziani d'una volta, che col senno, coll'amor di patria e coll'opera inflessibile seppero portare il vessillo di S. Marco così lontano per le vie del mondo. Ma accanto al problema artistico e storico di Venezia, egli ebbe caro tutto ciò che si riferiva alla tutela delle bellezze monumentali e naturali dell'Italia e alla prosperità e alla grandezza della patria, che fervidamente amava e di cui visse intensamente le ore tristi e gloriose della guerra, come ne aveva esaltato, in pagine e discorsi memorabili, l'epopea del risorgimento: spirito religioso e raffinato, si adoperò per tutto ciò che poteva giovare alla educazione morale delle nuove generazioni: uomo d'azione, oltre che di pensiero, dette opera a moltissime iniziative, dalle esposizioni biennali d'arte alla provvida revisione delle condizioni statiche dei monumenti veneziani, dalla lunga battaglia per ottenere l'emanazione di leggi protettive delle bellezze artistiche e naturali d'Italia, al riordinamento del Museo Correr, al restauro della rinata cappella del Rosario, che, accanto al monumento al Colleoni, ricorda tante glorie veneziane.
              Questi sono i caratteri salienti dell'uomo, ed è vano ritessere minutamente la corona delle innumeri sue opere, di tutto ciò ch'egli ha compiuto, dalla cattedra, che coprì con onore, dalla tribuna parlamentare, sia nella Camera dei deputati che qui in Senato, nel Consiglio comunale di Venezia, di cui fu consigliere e poi assessore, nell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di cui fu per lunghi anni socio e presidente, nei numerosissimi consessi artistici e amministrativi cui ha dato la sua attività molteplice ed instancabile. Deputato di Salò dal 1890 al 1892 e dal 1895 al 1909 e poi senatore del Regno dal 4 aprile 1909, ispirò sempre la sua opera parlamentare alla tutela delle ragioni dell'arte, alla conservazione del nostro patrimonio artistico, al miglioramento dell'istruzione pubblica: primo sottosegretario di Stato per le Belle Arti, per pochi mesi, nel 1919 e 1920, molto fece, e mostrò quanto più avrebbe fatto se gli si fossero dati i mezzi adeguati. E pur fra tanta mole di lavoro, mai cessò dallo scrivere, come mai venne meno il suo aiuto ed il suo incoraggiamento agli studiosi dell'arte e della storia: esempio mirabile di ciò che possa in animo e mente gagliardi l'amore al proprio paese ed alle sue glorie.
              Nel cielo della patria un altro eletto spirito è salito, lasciando a noi, alla sua città, all'Italia, l'amaro conforto del rimpianto. Ma la tua anima, o Pompeo Molmenti, vivrà nelle tue opere e il tuo nome sarà celebrato finché saranno sacre le memorie delle passate grandezze, finché sarà vivo nel mondo il culto della gloria e della bellezza d'Italia. (Approvazioni).
              FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Chiedo di parlare.
              PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
              FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Con animo riverente il Governo si associa al compianto del Senato per la perdita di tre suoi insigni membri:. [...]
              e Pompeo Molmenti, i quali per le opere, per l'ingegno, per la virtù, per la devozione alla patria, han meritato che la nazione ne ricordi il nome con orgoglio e con riconoscenza. [...]
              Con Pompeo Molmenti è scomparsa non soltanto una delle più nobili figure della vita intellettuale di Venezia, ma anche della vita nazionale, poiché l'opera che egli compose con lunghi anni di fervido ed intenso lavoro, è senza dubbio una della più belle ed importanti della nostra letteratura storica, non soltanto per la ricchezza veramente straordinaria della informazione, ma anche perché da tutto il materiale storico che sarebbe rimasto freddo ed inerte in altre mani, egli seppe creare una vera opera d'arte, in una prosa lucente, nella quale sembrano riflettersi gli ori dei mosaici delle basiliche veneziane e tutte le grazie della città, prodigio di bellezza.
              Egli rivisse veramente la vita di Venezia in tutti i secoli della sua storia, Nella sua opera monumentale che fu certamente la più bella e vittoriosa delle molte battaglie che combatté per difendere la bellezza di Venezia da ogni sorta di offese e di pericoli, egli vivrà perennemente. La sua perdita è lutto gravissimo per le lettere italiane. I tempi nuovi lo lasciarono necessariamente, data la sua diversa preparazione spirituale, spettatore, ma non inerte, non assente, non senza simpatia. L'ultima volta che lo vidi, egli mi riferiva, con schietta e viva gioia, i particolari di un colloquio che aveva avuto col capo del Governo; ed i suoi occhi mi parvero quasi illuminarsi di una nuova luce, la luce dell'eccelse mete alle quali il fascismo guida l'Italia (Approvazioni).

              Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 7 febbraio 1928.

Ringraziamenti:Prof. Leopoldo Mazzarolli, presidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere e arti
Dott. Carlo Urbani - Istituto veneto di scienze, lettere e arti


Attività 1502_Molmenti_IndiciAP.pdf