SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


POSSENTI Carlo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/21/1806
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:19/12/1872
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Luigi
Madre:BALSAMO Carolina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:REGORDA Caterina
Professione:Ingegnere
Carriera:Ispettore di I classe del genio civile
Cariche e titoli: Presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici
Membro corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (3 marzo 1841)
Membro effettivo dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (11 febbraio 1856)
Vicepresidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici
Socio dell'Accademia nazionale di scienze, lettere ed arti di Modena (1867)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei (25 gennaio 1872)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/01/1870
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Vincenzo Capriolo
Convalida:06/12/1870
Giuramento:22/12/1870

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Soresina
6-5-1860
Destra
Elezione in corso di legislatura
VIII
Soresina
27-1-1861*
Destra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861
X
Rimini
10-3-1867**
Destra
Ballottaggio il 17 marzo 1867


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Terenzio Mamiani, Vicepresidente

      Nell'illustre uomo Carlo Possenti di Milano perdemmo, signori, un collega dei più degni e al tempo nostro dei più necessari; dapoiché (quel che diventa assai raro) la sua vita fu spesa tutta quanta non pure a compiere ma sì a zelare assiduamente i proprii doveri ed uffici. E mentre antecedeva ad ognuno in questo fervore operoso ed infaticabile, sembrava egli solo non averne coscienza alcuna, per modo che era poco fattibile a chicchessia il passargli innanzi nella semplicità, modestia e mansuetudine dei sentimenti e delle maniere.
      Per le stesse ragioni poco badava egli alla gracilezza di sua salute; onde possiamo credere che dove fossesi travagliato meno in servigio dello Stato, avrebbe protratta la sua vecchiezza molto di là dal sessantesimo sesto anno in cui soccombeva.
      Infino da giovinetto innamoratosi delle matematiche e delle meccaniche, vi studiò dentro con passione e perseveranza infinita, e quanto erano più scabrosi i problemi in che s'imbatteva, con tanta più ostinazione vi spiegava le forze della vigorosa sua intelligenza, né lasciavasi oltrepassare da alcuno nel temperamento continuo e felicissimo della teorica e della pratica. Laonde avvenne, che mentre il Possenti era, qual membro effettivo, aggregato allo istituto Lombardo ed ascritto ad altre celebrate accademie e poneva in luce dettati nuovi e profondi di scienza, il Governo ebbe cotidianamente a giovarsi di sua dottrina e sperienza, e lo scelse a Vicepresidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici.
      Qualche anno prima, i collegi di Soresina e di Rimini lo spedirono lor deputato al Parlamento nazionale, dove non sorse mai questione grave d'ingegneria senza che non fosse udita la sua voce autorevolissima, così per l'alto sapere, come per ispecchiata sincerità e interezza di mente e di animo.
      Il Re lo nominava poi senatore, con intenzione manifesta di aggiungere al nostro consesso il decoro e il lustro del suo bel nome, al nostro consesso, ripeto, dove seggono o dovrebber sedere tutti i lumi maggiori della nazione.
      Quanto alla vita privata, accennerò solo che fu uomo di rettitudine antica e d'illibati costumi. Contro il vezzo dei tempi, sfuggì in ogni cosa l'ostentazione, in ogni cosa volle essere più che parere; quindi amò e servì la patria nel silenzio e coi fatti, e senza invidiare giammai le altrui maggiori fortune e onoranze.
      Sentirà il Governo, sentiremo noi per assai lungo tempo ancora la perdita che oggi facciamo. Né i matematici e gl'ingegneri cesseranno mai di ammirare nel libro suo Circa gli ultimi tronchi dei fiumi, una gloria cresciuta all'antica ed insigne scuola degl'idraulici italiani.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 21 dicembre 1872.

Ringraziamenti:Dott.ssa Letizia Moratti Sindaco di Milano
Ing. Nicola Marra - Servizi al cittadino del Comune di Milano
Dott.ssa Barbara Cartocci Suarez - Camera dei deputati


Attività 1811_Possenti_IndiciAP.pdf