SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CASTELLI Edoardo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/25/1807
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:28/11/1873
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Giuseppe
Madre:STOBIA Margarita
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso il 5 ottobre 1869
Coniuge:SCHIAFFINO Giuseppina
Figli: Ernesto, Roberto, Silvio sposò Emma CROFF , era padre di Edoardo e di Roberto, nipoti
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Genova
Professione:Magistrato
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Consigliere del Magistrato d'appello di Genova (21 aprile 1848)
Avvocato fiscale generale presso il Magistrato d'appello di Sardegna (16 ottobre 1849)
Presidente di classe, con incarico di reggerlo, del Magistrato d'appello di Sardegna (21 ottobre 1854)
Primo presidente del Magistrato d'appello di Sardegna, poi Corte d'appello di Cagliari (16 novembre 1856)
Primo presidente della Corte d'appello di Casale (15 aprile 1860)
Primo presidente della Corte d'appello di Torino (8 dicembre 1867-28 novembre 1873)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/20/1861
Categoria:09 I primi Presidenti dei Magistrati di appello
Relatore:Giovanni Martinengo di Villagana
Convalida:28/11/1861
Giuramento:28/11/1861

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 settembre 1849
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 gennaio 1859
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 maggio 1867
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 6 agosto 1868
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 15 giugno 1870

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Ales
(Oristano II)
6-5- 1860*
Non risulta
Ballottaggio il 10 maggio 1860. Escluso per sorteggio per eccedenza nel numero dei magistrati il 22 giugno 1860


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Vicepresidente (27 marzo 1867-14 agosto 1869) (10 novembre 1869-2 novembre 1870)
Commissioni:Membro della Commissione per l'esame del Codice per la marina mercantile (30 gennaio 1863)

    .:: Governo ::.

    Regno di Sardegna post 04 Marzo 1848 - Regno d'Italia:
Primo ufficiale nella Segreteria di Stato dell'interno (19 settembre-28 dicembre 1848)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Francesco Maria Serra, Vicepresidente

      Signori senatori,
      coll'animo profondamente commosso, debbo annunciare al Senato una nuova, deplorabile perdita.
      Il senatore conte Edoardo Castelli cessò di vivere nella scorsa notte, dopo soli sette giorni di malattia acuta, che l'assistenza assidua di illustri medici, aiutata dalle cure instancabili di congiunti e di amici, non poté vincere.
      È una perdita dolorosissima per la sua famiglia, alla cui afflizione son certo vi associerete Voi tutti, e lo è del pari per la magistratura italiana, della quale era uno dei Capi più illustri e venerati.
      In modo particolare la piango io, che da cinque lustri ero con lui stretto da relazioni di amicizia sincera e quasi fraterna.
      Quando pure lo stato di straordinaria concitazione in cui l'animo mio si trova e le strettezze del tempo me lo consentissero, io farei, o Signori, opera superflua qualora vi ricordassi le benemerenze del compianto amico mio, come membro di questa Augusta Assemblea.
      Al pari di me, Voi tutti sapete che non vi fu quasi nell'Aula senatoria discussione importante alla quale il senatore Edoardo Castelli non abbia preso parte, arrecandovi il concorso fruttuosissimo dei suoi lumi, della sua lunga esperienza, ed estrinsecandolo con quella lucidità ed ordine di idee, e con quella precisione di formule pratiche, per le quali doti era distinto in modo speciale.
      Bene vi rammenterò come Egli, già elevato per il suo merito all'ufficio di consigliere nella Corte d’appello di Genova, sia stato nell'inizio delle nostre politiche riforme, ed in tempi immensamente difficili incaricato delle ardue e delicate funzioni di Intendente generale di polizia in quella città. Disimpegnò quella missione con tanta prudenza, coraggio e soddisfazione degli amministrati e del Governo, che il non mai abbastanza compianto Pier Dionigi Pinelli, chiamato dal magnanimo Re Carlo Alberto a reggere il Ministero degli Affari Interni, lo volle suo primo Ufficiale per la direzione della sicurezza pubblica.
      La somiglianza dei costumi e la consonanza dei sentimenti consociando le amicizie, per amico intimo lo ebbe il Pinelli, e quando Egli uscì dal Ministero, anche il Castelli si ritirò, quantunque caldamente pregato a rimanere al suo posto.
      Fu allora incaricato di una missione di speciale fiducia, quella cioè di visitare le Intendenze generali di divisione e di riferire sull'andamento dei servizi di Amministrazione e di Polizia; ed il Governo del Re, in premio del modo commendevolissimo col quale la compié lo presceglieva all'uffizio elevato e più importante di avvocato Fiscale generale presso la Corte d’appello della mia patria diletta, la Sardegna.
      Tristissimo era in quel tempo lo Stato dell'Isola sotto ogni rispetto, e specialmente la sicurezza pubblica versava in condizioni assai miserevoli, sicché era indispensabile che a capo del Ministero Pubblico generale fosse un uomo, che alla rettitudine dell'animo ed al culto della legalità, associasse zelo instancabile, tenacità di propositi, energia di carattere e coraggio civile.
      Tal uomo era Edoardo Castelli; e le popolazioni Sarde plaudirono all'atto col quale il Governo del Re premiò i fruttuosi servigi di lui come avvocato fiscale generale, col presceglierlo prima in qualità di Reggente nel 1854 e due anni dopo come primo Presidente effettivo di quella Corte d’appello.
      Per quattro anni tenne Edoardo Castelli quell'altissimo Uffizio, e lo tenne con tanta dignità, con tanta riputazione di dottrina, di rettitudine e di operosità, che le popolazioni Sarde, grate ai benefizii della sua amministrazione, conferirono a lui, non Sardo, il mandato di rappresentare nella Camera Subalpina uno dei collegi dell'Isola.
      Dalla Corte d’appello di Cagliari, il senatore Castelli passò a presiedere quella di Casale, e per ultimo fu chiamato ad occupare il primo seggio nella Corte d’appello di Torino.
      Nell'una come nell'altra sede egli non ismentì certamente la fama chiarissima che lasciò di sé nella mia isola natale, dove la memoria di lui rimarrà sempre cara e venerata.
      A me, che per tre anni ebbi con lui comune l'ardua missione di dirigere l'amministrazione della Giustizia in Sardegna, a me che più di ogni altro ebbi modo e tempo di studiarne il carattere e di apprezzare le virtù preclare del cittadino e del magistrato, a me tocca oggi il dolorosissimo compito di proclamarlo, con parole coscienziose quantunque disadorne, per uomo di sinceri convincimenti liberali, per magistrato di cui nessuno più aveva profondamente radicato nel cuore il sentimento della giustizia, della rettitudine e della indipendenza.
      (Con voce commossa).
      Poche ore prima di esalare l'ultimo respiro, egli mi chiamò a sé e stringendomi affettuosamente la mano, mi disse queste parole: “mi separo con dolore dalla mia famiglia, dagli amici e da Lei. Le raccomando di portare l'ultimo saluto ai colleghi rispettabilissimi del Senato, e l'espressione della mia gratitudine per le innumerevoli prove di benevolo interessamento che mi ebbi da loro".
      Signori senatori, compatite al dolore che mi opprime, e non mi consente di proseguire.
      Fatale combinazione di umani eventi! A me, che nella lontananza della mia famiglia, grande conforto traeva dalla cara compagnia di lui, il destino ha riservato l'uffizio supremamente ingrato di annunziarvi la morte del virtuoso ed integerrimo magistrato, dell'illustre e non mai abbastanza compianto senatore Edoardo Castelli (Segni di generale assenso).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 29 novembre 1873.

Note:Il nome completo risulta essere: "Edoardo Ippolito".
Secondo altra fonte risulta nato il 29 agosto 1807.

Ringraziamenti:Dott. Sergio Chiamparino Sindaco di Torino
Dott. Stefano Benedetto Vicedirezione generale Gabinetto del Sindaco e servizi culturali - Settore Archivi e protocollo del Comune di Torino


Attività 0494_Castelli_Edoardo_IndiciAP.pdf