NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CELESIA DI VEGLIASCO Tommaso

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/05/1820
Luogo di nascita:ONEGLIA (Porto Maurizio) - oggi IMPERIA
Data del decesso:26/11/1892
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Giambattista
Madre:RICCIARDELLI Enrichetta
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariNobile dei baroni di Vegliasco
Coniuge:CASANA Adele
Figli: Alessandro Giulio Battista
Maria Teresa, sposò Augusto Alberto GEISSER
Fratelli:Emanuele, Vincenzo, Rosa, Angiolina, Anna
Parenti:CASANA Alessandro, senatore (vedi scheda), suocero
Professione:Magistrato
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Consigliere di Stato (21 gennaio 1866-13 novembre 1887)
Presidente di sezione onorario del Consiglio di Stato (13 novembre 1887)
Cariche e titoli: Giudice del Tribunale supremo di guerra e di marina (1866)
Membro del Consiglio delle Strade ferrate

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/07/1886
Categoria:15 I Consiglieri di Stato
dopo cinque anni di funzioni
Relatore:Francesco Ghiglieri
Convalida:14/06/1886
Giuramento:10/06/1886
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1853
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 12 marzo 1863
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 22 novembre 1886
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
Porto Maurizio
2-4- 1876
Centro-destra
Elezione in corso di legislatura
XIII
Porto Maurizio
5-11- 1876
Centro-destra
XIV
Porto Maurizio
16-5- 1880
Centro-destra


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Segretario (31 gennaio-20 luglio 1889) (26 novembre 1889-3 agosto 1890) (11 dicembre 1890-27 settembre 1892) (24-26 novembre 1892)
Commissioni:Membro della Commissione di finanze (19 novembre 1887-4 gennaio 1889) (19 marzo-3 agosto 1890)
Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (21 novembre 1887-27 settembre 1892)
Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge sulla facoltà di eccedere la sovrimposta (13 febbraio 1889)
Commissario di vigilanza al debito pubblico (17 aprile 1891-27 settembre 1892)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! La morte implacata due nuove vittime ha mietuto fra noi!
      Il barone Tommaso Celesia di Vegliasco, nativo di Oneglia, usciva di vita a Torino in età di pressoché settantatré anni, all'entrare del giorno di sabato passato.
      Di lui, col quale tutti aveste affettuosa consuetudine, che tutti proseguiste di gran stima, molti di schietta amicizia, parlano più alto d'ogni mia parola i sentimenti che in vita gli addimostrate.
      Funzionario, egli aveva raggiunta la vetta del lungo, laborioso cammino ai posti maggiori lentamente ascendendo, acquistandoli ad uno ad uno. Dal 1843 al 1887, in tempi ed uffici diversi, qualunque grado avesse si fece regola, coscienza, legge dell'esatto, intelligente, amorevole adempimento dei propri obblighi. Appartenne dapprima in Torino all'Ufficio del procuratore generale, palestra nella quale la gioventù meglio scelta e più promettente si apparecchiava ed inviava ai maggiori uffici dell'ordine giudiziario e dell'amministrazione. In quello aggiunto nei tribunali di Asti e di Saluzzo, sostituto avvocato fiscale e giudice in Mondovì, sostituto avvocato dei poveri a Nizza ed a Torino; in questa capo divisione del Ministero dell'interno, segretario generale, consigliere del Consiglio di Stato fu modello di onestà e d'interezza. Molto versato nel diritto e nelle discipline amministrative ne curava ogni esplicazione con diligenza ed equità singolari; con fermezza da antico impediva si torcessero a favori o riguardi: sua religione la legge, nume suo il buon diritto. (Benissimo).
      Il tratto cortese, il costume semplice, l'indole mite, il fare modesto attraevano a lui chiunque lo conoscesse.
      Lo avere egli appartenuto al Ministero dell'interno quando lo Stato cominciò ad ingrandirsi contribuì a che l'azienda non fosse soprafatta dalle stringenti nuove urgenze, giovò assai alla preparazione delle leggi promulgate sullo scorcio del 1859. In quell'ufficio si erano vedute e nel Consiglio di Stato meglio e più spiccarono le qualità ed attitudini di lui; sicché tutto l'alto consesso si rammaricò del suo ritrarsene or sono cinque anni coll'onorifico titolo di presidente di sezione.
      Le medesime attitudini e qualità, le doti istesse gli procacciarono stima e reverenza grandi nella Camera dei deputati, dove rappresentò per tre legislature il collegio di Porto Maurizio, ed in questo Senato, cui da più di sei anni era stato ascritto, ogni onore e favore. Di che furono segni manifesti le incumbenze delicate da voi spesso affidategli, lo averlo per ben quattro volte messo quassù accanto a noi, ultima quella con che pur dianzi salutaste la estrema sua ora, quasi amorevole fervidissimo augurio. (Molto bene).
      Ed ora che egli non è più, io che su questo seggio lo ebbi collega gentile, amico fedele, aiutatore prezioso, che nell'animo retto, nell'equo suo giudizio trovai sempre conforto ed ausilio, colla certezza che al mio risponde il vostro cuore, il rammarico mio al vostro si agguaglia, saluto reverente la sua tomba che le nostre lagrime accompagnano, che l'oblio non aduggierà. (Benissimo, vive approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 28 novembre 1892.

Ringraziamenti:Avv. Mario Egidio Schinaia Presidente del Consiglio di Stato

Attività 0522_Celesia_di_Vegliasco_Tommaso_IndiciAP.pdf