SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


DI BLASIO Scipione

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/26/1834
Luogo di nascita:CASACALENDA (Campobasso)
Data del decesso:11/01/1901
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Francesco Saverio
Madre:VINCELLI Isabella
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Fratelli:Annibale
Angelo
Fortunata
Parenti:Boscero Giuseppe , nipote
Cassella Pietro , nipote
Luogo di residenza:
Indirizzo:Carminello a Toledo n. 62
Professione:Possidente
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Campobasso per il mandamento di Casacalenda (1862-1865)
Cariche e titoli: Membro ordinario della Società geografica italiana (26 aprile 1879)
Membro onorario della Società operaia di Casacalenda (2 novembre 1881)
Socio onorario del Fascio operaio di Lucera (16 novembre 1885)
Membro onorario della Società operaia di Larino (4 marzo 1887)
Membro onorario della Società operaia di Portocannone (6 gennaio 1890)
Membro onorario della Società operaia di Morrone nel Sannio (1892)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/25/1896
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:01/12/1896
Giuramento:01/12/1896

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 13 marzo 1877
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 5 febbraio 1891
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 giugno 1889

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
IX
Larino
22-10-1865*
Sinistra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
X
Larino
10-3-1867
Sinistra
XI
Larino
20-11-1870**
Sinistra
Ballottaggio il 27 novembre 1870
XII
Larino
8-11-1874
Sinistra
XIII
Larino
5-11-1876
Sinistra
XIV
Larino
16-5-1880
Sinistra
XV
Campobasso I
29-10-1882
Sinistra
XVI
Campobasso I
23-5-1886
Sinistra
XVII
Campobasso I
23-11-1890
Sinistra
XVIII
Larino
6-11-1892
Sinistra
Cariche:Questore (22 novembre 1876-26 luglio 1879. Dimissionario)


    .:: Governo ::.

    Governo:
Sottosegretario di Stato al Ministero dei lavori pubblici (17 marzo 1889-6 febbraio 1891)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Stanislao Cannizzaro, Vicepresidente

      Signori senatori,
      anche oggi debbo annunziarvi la perdita di due nostri colleghi avvenuta in questo breve periodo di vacanze: i senatori Miraglia e Di Blasio. [...]
      Il senatore Scipione Di Blasio, morto a Napoli l’11 di questo mese, era nato a Casacalenda il 26 ottobre 1834.
      Il suo ingegno, il suo patriottismo e le sue tanto pregevoli doti morali furono ben presto apprezzati dai suoi conterranei, i quali, appena egli raggiunse l’età prescritta dalla legge, lo elessero deputato al Parlamento nazionale nella IX legislatura per il collegio di Larino. E tale mandato gli confermarono nelle successive legislature fino alla XVIII, quasi sempre all’unanimità, anche nel periodo che quel collegio fu compreso in quello di Campobasso I per l’introduzione dello scrutinio di lista.
      Egli acquistò bentosto stima e considerazione nella Camera elettiva, la quale lo elesse questore nella 1ª e 2ª sessione della XIII legislatura, e si adoperò perché non insistesse nella rinuncia a quella carica che egli diede e mantenne nel 1879 per il delicato motivo di non poterne più adempiere con solerzia ed assiduità le funzioni. La Camera altresì nel 1892 non accettò le dimissioni da deputato che egli chiese per delicati e nobilissimi motivi in seguito a sventure di famiglia.
      Politicamente appartenne alla Sinistra, alla quale, egli disse, aveva consacrato anima e corpo, e della quale divideva lotte, speranze e desideri.
      Perciò nel 1883, fermo nei suoi principii, avversario del trasformismo, declinò l’offerta fattagli dal Depretis del segretariato generale ai lavori pubblici, e soltanto nel 1889 accettò di far parte del gabinetto Crispi, come sottosegretario di Stato al Ministero dei lavori pubblici retto dal ministro Finali.
      E tale ufficio egli accettò di buon grado non solo per le simpatie politiche che lo legavano al capo di quel Ministero, ma perché l’argomento dei lavori pubblici e dei provvedimenti finanziari che vi si connettono era stato oggetto di suoi studi assidui, a compire i quali aveva anche espressamente intrapreso ripetuti viaggi all’estero.
      È questa anche la ragione perché nella Camera trattò di preferenza di costruzioni ferroviarie tanto dal lato tecnico che da quello amministrativo e di altri soggetti riguardanti lavori pubblici; e perché anche in Senato, per quanto la sua malferma salute glielo permetteva, prese viva parte all’esame di progetti di legge attinenti allo stesso argomento, fra cui specialmente quello sulle bonifiche.
      A ragione dunque rendiamo oggi omaggio alla memoria del senatore Di Blasio, carattere fermo e leale, esempio di probità nella vita pubblica e privata, ed uno dei più intelligenti e colti membri del Parlamento italiano (Approvazioni). [...]
      FINALI, ministro del tesoro. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FINALI, ministro del tesoro. Il Governo si associa alle giuste lodi pronunciate dall'onorevole nostro Presidente riguardo a Scipione Di Blasio.
      A me però è ben doloroso, che le prime parole che io pronuncio da questo banco in nome del Governo, siano consacrate alla memoria di un amico carissimo che ebbi collaboratore coscienzioso e zelantissimo nell'amministrazione dei lavori pubblici. Avendolo avuto per due anni circa sottosegretario di Stato, mi sono trovato in grado di apprezzare meglio di ogni altro quanta fosse la dirittura del suo giudizio, la nobiltà dell'animo suo, la devozione intera, assoluta al pubblico bene.
      La commozione mi vieta di aggiungere altre parole, perché l'annunzio inaspettato della sua morte fu per me un colpo assai grave.
      Il nome di Scipione Di Blasio, patriotta, deputato, senatore, che si segnalò nel Parlamento e nella pubblica amministrazione, sempre animato da principii politici non mai partigiani, merita di essere ricordato.
      Egli apparteneva a la Sinistra parlamentare, ma il fatto stesso di essere venuto con me al Ministero dei lavori pubblici, prova come egli in politica non parteggiasse, e che si inspirasse sempre al bene pubblico, al quale consacrò tutto se stesso.
      Coloro che lo hanno conosciuto serberanno riverente, affettuosa memoria di quest'uomo tanto virtuoso, discreto e tanto modesto; in me, suo collega ed amico, la sua memoria sarà inestinguibile. (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 21 gennaio 1901.


Attività 0835_Di_Blasio_IndiciAP.pdf