SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


TREVES DE BONFILI Alberto

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/13/1855
Luogo di nascita:PADOVA
Data del decesso:11/05/1921
Luogo di decesso:VENEZIA
Padre:Giuseppe
Madre:TODROS Adele
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariBarone, concesso con diploma del 17 settembre 1811 di Napoleone I, rinnovato con regio decreto dell'11 gennaio 1894
Nobile e cavaliere dell'Impero asburgico
Coniuge:VICENTINI Ortensia
Figli: Emanuele
Elsa
Lidia
Fratelli:Giacomo, che sposò Giulia D'ALMBERT
Mario, che sposò Matilde DEL VALLE
Ugo, che sposò Olga DE BENEDETTI
Vittoria, che sposò Alberto RIGNANO
Delfina, che sposò Gabriele TRIESTE
Bice
Parenti:TREVES DE BONFILI Giacomo, avo paterno
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Padova
Professione:Diplomatico
Altre professioni:Banchiere
Carriera:Addetto di legazione (16 febbraio 1878-29 aprile 1879. Data del collocamento a riposo) a Berna (20 marzo 1878),
Costantinopoli (17 settembre 1878)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Venezia
Consigliere provinciale di Padova

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1904
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:23/03/1904
Giuramento:10/05/1904

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 26 gennaio 1908

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVII
Venezia I
23-11-1890
Destra
XVIII
Venezia II
6-11-1892*
Destra
Ballottaggio il 13 novembre 1892
XIX
Venezia II
26-5-1895**
Destra
Ballottaggio il 2 giugno 1895


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Fabrizio Colonna, Vicepresidente

      .
      Onorevoli colleghi! Dolorosissime perdite hanno colpito il Senato durante questo periodo di chiusura dei lavori. [...]
      In Venezia, che tanto aveva amata, l'11 maggio moriva il barone Alberto Treves de Bonfili dopo grave malattia che da tempo ne minava la fibra. Nato a Padova il 13 settembre 1855, egli apparteneva ad una di quelle antiche famiglie veneziane che avevano più contribuito alla prosperità economica e commerciale della Repubblica di San Marco.
      Compiuti a Padova gli studi di giurisprudenza si avviò alla carriera diplomatica per la quale più si sentiva portato e la iniziò, prima come addetto alla legazione di Berna e poi all'Ambasciata di Costantinopoli. Ma la perdita del padre troncò improvvisamente la sua carriera, che pur gli prometteva un brillante avvenire, poiché egli fu costretto ad assumere personalmente la direzione della fiorente banca paterna in Venezia, cospicuo centro di affari.
      E nel campo finanziario e industriale il barone Treves da allora esplicò opera validissima: ché egli, spirito pieno di iniziative, diede impulso poderoso a gran numero di imprese che furono fonte importantissima della ricchezza nazionale, fra cui la società veneziana di navigazione a vapore.
      Per natura modestissimo e di ottimi sentimenti, della sua ingente fortuna si valse sempre come mezzo per fare il bene, dedicandosi in silenzio alle forme più illuminate di carità.
      In politica il barone Treves fu un sincero liberale. Fece parte per moltissimi anni del Consiglio comunale di Venezia e di Venezia fu deputato dalla 17ª alla 19ª legislatura.
      Nominato senatore il 4 marzo 1904, la sua malferma salute, specie negli ultimi tempi, non gli permise di essere assiduo ai nostri lavori.
      La immatura perdita dell'amato collega ci addolora vivamente e noi mandiamo alla memoria di lui un commosso saluto, esprimendo alla famiglia tutto il nostro cordoglio.
      (Approvazioni). [...]
      CROCE, ministro dell’istruzione pubblica. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CROCE, ministro della pubblica istruzione. Il Governo si unisce alla degna e completa commemorazione che la Presidenza del Senato ha fatto dei senatori morti in questo intervallo dei lavori parlamentari: perdite gravi hanno colpito il Senato e la vita nazionale in tutte le sue parti. Perché, come si è udito dalla parola dell’onorevole Presidente, [...]; il senatore Treves fu cospicuo rappresentante della vita industriale d’Italia.

      Senato del Regno, Atti Parlamentari. Discussioni, 13 giugno 1921.

Ringraziamenti:-Dott. Remigio Pegoraro e dirigente Gianni Renzo, Archivio generale dell'Università di Padova

Attività 2246_Treves_de_Bonfili_IndiciAP.pdf