SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MARTINELLI Giovanni

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/11/1841
Luogo di nascita:FERRARA
Data del decesso:20/10/1919
Luogo di decesso:FERRARA
Padre:Giosuè
Madre:PARMIANI Carlotta
Coniuge:Celibe
Professione:Docente universitario
Carriera:Professore di Introduzione generale alle scienze giuridiche e politico amministrative all'Università di Ferrara (1862-1867)
Professore di Storia del diritto all'Università di Ferrara (1862-1869)
Professore di Filosofia del diritto all'Università di Ferrara (1862-1871) (1894-95)
Professore di Diritto romano all'Università di Ferrara (1867-1910)
Professore di Diritto civile all'Università di Ferrara (1872-1910)
Professore di Diritto canonico all'Università di Ferrara (1886-1901)
Professore di Diritto civile all'Università di Ferrara (1910-1919)
Libero docente di Diritto ecclesiastico ed Esegesi del diritto romano all'Università di Ferrara
Preside della Facoltà di giurisprudenza dell'Università di Ferrara (1869-1883)
Rettore dell'Università di Ferrara (1883-1909)
Cariche politico - amministrative:Presidente del Consiglio provinciale di Ferrara
Cariche e titoli: Presidente della Cassa di risparmio di Ferrara (1888-1919)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/21/1906
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:02/02/1906
Giuramento:12/03/1906

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 gennaio 1892
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 5 gennaio 1873

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIII
Ferrara I
5-11-1876
Destra
XIV
Ferrara I
16-5-1880
Destra
XIX
Ferrara I
26-5-1895*
Destra
Ballottaggio il 2 giugno 1895


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Tommaso Tittoni, Presidente

        Egregi colleghi.
        È ben triste il dovere che mi incombe di farmi annunziatore al Senato di nuove dolorosissime perdite. [...]
        Altre perdite si sono aggiunte alle precedenti con una continuità che al cordoglio non lascia posa.
        Il 20 ottobre moriva in Ferrara, sua città nativa, il senatore Giovanni Martinelli, illustre insegnante di diritto in quella università libera, della quale tenne anche il governo come rettore per oltre un quarto di secolo.
        La bella fama di giurista profondo onde era circondato il suo nome, gli aprì le porte altresì della Camera dei deputati, alla quale appartenne per tre legislature, e poscia del Senato, ove entrò il 20 gennaio 1906.
        Ma il grande amore che lo avvinceva alla sua università, a' suoi studi, a' suoi studenti, coi quali, al modo degli antichi maestri si teneva in continua unione, facendo della scuola una famiglia, non gli consentì di prendere molta parte alla politica attiva e di dare alle assemblee legislative tutto il contributo di lavoro che dalle sue singolari attitudini e dalla vasta cultura avrebbe potuto attendersene.
        Entrato nell'università quando già manifesti erano i segni della decadenza da cui era colpita, e si discuteva vivacemente se non convenisse, in vista degli scarsi frutti che dava, e dei gravi sacrifizi che imponeva agli enti locali, sopprimerla, durante il lungo suo rettorato ebbe la grande soddisfazione, grazie alle sue cure costanti e le ardite riforme da lui propugnate e coraggiosamente attuate, di vederla riprendere vita rigogliosa e arricchirsi insieme di sempre nuove schiere di studenti, di nuovi insegnamenti e di moderni laboratori scientifici, riccamente dotati, vincendo così tutte le opposizioni e aprendole un sicuro avvenire.
        Per tale insigne benemerenza, con unanime consenso, da tutti gli enti costituenti il consorzio universitario, fu decretato al Martinelli nel giorno in cui, raggiunto lo scopo, volle essere esonerato dal rettorato, un busto marmoreo da erigersi nella stessa università, e l'inaugurazione divenne occasione di una di quelle universali dimostrazioni di riconoscente affetto e di venerazione di cui rimarrà sempre vivo il ricordo, che riconsacrando la gloria ormai secolare dello studio ferrarese lo sottraeva ad ogni discussione.
        Né alla sola università il Martinelli profuse le sapienti amorevoli sue cure. Nel suo animo profondamente ed essenzialmente buono, egli sentiva che ben poco si sarebbe fatto se coll'elevare le condizioni della cultura generale e il promuovere il progresso della scienza, non si fosse cercato contemporaneamente di migliorare e innalzare moralmente e materialmente la condizione dei più umili e derelitti, in guisa da metterli in grado di poter aspirare a partecipare ad ogni forma di benessere sociale.
        A quest'uopo il Martinelli si applicò al governo degli orfanotrofi e dell'Istituto per l'infanzia abbandonata colla stessa passione spiegata per gli istituti universitari, e con intendimenti così alti e così moderni da farne dei veri modelli del genere.
        Alla memoria del venerando collega, tanto benemerito della scienza e della carità, vada dunque l'omaggio riconoscente della sua città e del Senato per avere consacrata tutta la nobile sua esistenza a scopi così alti e socialmente tanto utili. (Bene).
        MORTARA, ministro della giustizia e degli affari di culto. Domando di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
        MORTARA, ministro della giustizia e degli affari di culto. [...] Rammento con grandissima simpatia la cara figura di Giovanni Martinelli, avvocato e professore insigne di diritto, che per dedicare alla piccola università della sua diletta Ferrara la sapienza e l’amore all’insegnamento, rinunciò ad onori maggiori che nella vita universitaria avrebbero spettato alla sua grande dottrina e alle alte sue qualità di docente.
        Giovanni Martinelli, insieme all’intelletto colto ebbe ingegno ferace, ebbe modi squisiti e forme di gentilezza e di bontà che gli guadagnavano la simpatia di tutti, e la stima illimitata dei suoi concittadini.
        La sua bontà egli applicò, oltre all’insegnamento e alle affettuose relazioni con i discepoli anche all’amministrazione delle opere pie della città natia, spargendo dovunque il seme della gratitudine che non morrà.
        Io prego pertanto il Senato e il nostro illustre Presidente di consentire che il rammarico del Governo per queste perdite sia espresso insieme a quello dell’Assemblea senatoria. (Approvazioni).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 6 dicembre 1919.

Ringraziamenti:Dott. Paolo Cirelli - Università degli studi di Ferrara, Ripartizione biblioteche, archivi e musei
Dott. Alberto Lodi - funzionario incaricato dell'Ufficio anagrafe del Comune di Ferrara
Liviana Bacilieri - ufficiale di Stato civile del Comune di Ferrara


Attività 1392_Martinelli_Giovanni_IndiciAP.pdf