SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CHINAGLIA Luigi

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/28/1841
Luogo di nascita:MONTAGNANA (Padova)
Data del decesso:21/07/1906
Luogo di decesso:MONTAGNANA (Padova)
Padre:Domenico
Madre:FERRARI Caterina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Fratelli:Girolamo, che sposò Ipolita Caterina DRAGHI;
Maria, che sposò Francesco POMELLO;
Giovanni, che sposò Giuseppina VALERJ
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza (due lauree)
Presso:Università di Napoli (1)
Università di Pisa (2)
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Consigliere comunale di Montagnana
Consigliere provinciale di Padova (1868)
Cariche e titoli: Membro del Comitato per l'emigrazione italiana [post 1860]
Membro della Commissione dei Cinque [per l'esame dei documenti in seguito all'ispezione governativa degli Istituti di emissione] (fine 1894)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1905
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:24/03/1905
Giuramento:08/04/1905

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 27 dicembre 1895
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
1862 spedizione in Aspromonte
1866 terza guerra d'indipendenza
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
Montagnana
8-11-1874
Centro-destra
XIII
Montagnana
5-11-1876
Centro-destra
XIV
Montagnana
16-5-1880
Centro-destra
XV
Este
(Padova II)
29-10-1882
Centro-destra
XVI
Este
(Padova II)
23-5-1886
Centro-destra
XVII
Este
(Padova II)
23-11-1890
Centro-destra
XVIII
Montagnana
6-11-1892
Centro-destra
XIX
Montagnana
26-5-1895
Centro-destra
XX
Montagnana
21-3-1897
Centro-destra
XXI
Montagnana
3-6-1900
Centro-destra
Cariche:Vicepresidente (11 giugno 1895-2 marzo 1897) (6 aprile 1897-30 maggio 1899)
Presidente (30 maggio-30 giugno 1899)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tancredi Canonico, Presidente

      Signori senatori! Ogni nuova ripresa dei nostri lavori, come l'inizio di ogni nuova vita, comincia con una nota di dolore.
      Non pochi sono i colleghi che abbiamo perduto nei pochi mesi trascorsi dall'ultima nostra seduta.
      Primo a lasciarci fu il senatore Luigi Chinaglia, nato il 28 gennaio 1841 a Montagnana, in quel di Padova.
      La sua vita fu attivissima sui campi di battaglia, nella palestra del foro, negli uffici amministrativi, nelle aule parlamentari. Fu amato da tutti, come chi opera ed ama: adorato da' suoi conterranei, perché sentivano in lui l'espressione dell'animo loro.
      Insofferente del giogo straniero, a soli 18 anni volò a combattere le battaglie dell'indipendenza nelle schiere di Garibaldi: di quel grande affascinatore che, con la limpida serenità dello sguardo penetrante, con la parola argentina e incisiva, col sacrificio senza riserva di tutto se stesso, “Napoleone della democrazia”, possedeva il segreto di suscitarsi intorno gli eroi.
      Dopo il 1860, Luigi Chinaglia prese a Pisa la laurea in leggi ed esercitò l'avvocatura a Brescia, senza cessare l'opera sua attivissima nel Comitato d'emigrazione.
      Riunita poi la Venezia al Regno italiano, e reso così possibile per lui il ritorno alla terra nativa, vi fu accolto con entusiasmo da' suoi compaesani, che gli affidarono numerosi ed importanti uffici.
      Eletto deputato in ben nove legislature, prima a Montagnana poi a Padova, militò nella Camera fra i liberali moderati: assiduo a Montecitorio, attivo nelle lotte del Parlamento come un tempo in quella delle armi.
      Gentile e simpatico di modi, oratore ascoltato ed efficace, - nelle numerose ed importanti commissioni di cui fece parte, nelle relazioni su molti disegni di legge, nelle opportune proposte che veniva facendo, - mostrava, insieme congiunti, la disciplina del soldato, il vivo interesse ai lavori parlamentari, il senno pratico del legislatore.
      Per più sessioni fu Vicepresidente della Camera: ne venne eletto presidente nel 1899, e resse quell'ufficio in un periodo non facile.
      Entrò in Senato il 4 marzo 1905: ma già si vedeva cominciare in lui un affievolimento di forze, che non gli consentì, nel breve tempo in cui sedette nella Camera vitalizia, di portarvi quella vigoria che spiegò, per tanto tempo, nella Camera elettiva. Difatti non poté venire con molta frequenza tra noi; e, quando vi veniva, già si poteva scorgere nell'occhio suo dolce un velo di mestizia, come di chi sente non lontana la sua fine.
      E questa, pur troppo, ebbe luogo a Montagnana il 21 luglio 1906.
      Ecco uno di più che è scomparso dal numero, già tanto assottigliato, di coloro che combatterono per la indipendenza e per l'unità della nostra Italia!
      L'esempio di quanti, al pari di Luigi Chinaglia, adempirono con alacrità il loro compito nel periodo in cui dovettero agire, sia di utile incitamento alla generazione novella per adempire il forse più grave compito suo nel periodo malagevole e tempestoso che veniamo attraversando!
      È con questo augurio che mando l'estremo nostro saluto al carissimo estinto collega. (Bene). [...]
      TITTONI, ministro degli affari esteri. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      TITTONI, ministro degli affari esteri. Rinnovando all'illustre Presidente l'espressione di dolorosa simpatia per l'immensa sventura che l'ha colpito, io mi associo a nome del Governo alle nobili parole che egli ha pronunciato per commemorare i senatori Chinaglia, Serafini, Longo, Arrigossi, Fusco, Cantoni, Frisari e Di San Giuseppe. [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Vischi.
      VISCHI. Anche oggi possiamo dire che il lutto del Senato è lutto della patria. Gli uomini eminenti, che commemoriamo, ebbero tanta parte nel risorgimento italiano o tante altre benemerenze da poter dire che la loro dipartita fu sentita e sarà sempre deplorata, come da noi, da tutta l’Italia nostra. [...]
      Ma come non rimpiangere la perdita dell’onorevole Chinaglia, che tutti stimammo, e specialmente noi che l’avemmo compagno nell’altro ramo del Parlamento e l’amammo anche quanto le lotte vive e aspre potevano forse annebbiare per un momento la cordialità dei rapporti, appunto perché la sua bonaria compostezza, sempre intatta e viva, sapeva prevalere?
      [...]
      Ed è per lui [Frisari], come per tutti gli altri, che proporrei fosse inviata alle famiglie derelitte ed ai paesi che ebbero l’alto onore di dar loro i natali, l’espressione di condoglianza da parte del Senato. (Bene).
      PRESIDENTE. La Presidenza ha già così provveduto prevenendo il desiderio dell’onorevole Vischi.

      Senato del Regno, Atti parlamentari.Discussioni, 27 novembre 1906.

Ringraziamenti:Dottor Stefano Baccini - Comune di Montagnana - settore cultura

Attività 0553_Chinaglia_IndiciAP.pdf