NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


TROCCHI Valerio

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/30/1815
Luogo di nascita:L'AQUILA
Data del decesso:04/02/1893
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Domenico
Madre:ALESSANDRI Rosa
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via del Corso, 307
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Banchiere
Altre professioni:Industriale
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Roma [1870-1880]
Consigliere provinciale di Roma per il mandamento di Civita Castellana (11 agosto 1873-12 ottobre 1877), poi di Civita Castellana e Nepi (16 dicembre 1877-31 dicembre 1886)
Assessore comunale di Roma al piano regolatore
Cariche e titoli: Consigliere della Camera di commercio di Roma (1872)
Presidente della Camera di commercio di Roma [ante 1870], (1880-1891)
Vicegovernatore della Banca romana
Socio fondatore della Deputazione di storia patria negli Abruzzi (1888)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/12/1881
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Marco Boncompagni Ludovisi Ottoboni
Convalida:30/06/1881
Giuramento:30/06/1881

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 11 gennaio 1891
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 12 marzo 1872
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 1886


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Questore (23 novembre 1882-27 aprile 1886) (11 giugno 1886-3 agosto 1890) (11 dicembre 1890-16 dicembre 1891. Dimissionario)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
            Domenico Farini, Presidente

            Signori senatori! [...]
            In questa stessa città mancò ai vivi, in età di pressoché settantotto anni, il senatore Valerio Trocchi, di famiglia abruzzese, divenuto romano per studi, per traffici, per pubblici uffici e per lunga dimora.
            Aveva sortiti i natali e trascorsi in Aquila i primi anni e vi aveva pur fatta la pratica della legge nello studio di quell'egregio che fu il Pica; ed alla dottrina, ai principî di tanto maestro, quantunque non avesse adito il fôro, attribuiva, anche nei tardi suoi giorni, con grato animo tutto l'esser suo.
            Capo di una banca, aperta verso il 1845, la resse per oltre trent'anni con specchiata onestà, superata soltanto dal credito il più fiorito. Conservatore del Senato romano, sebbene al pomposo titolo, mancando al tempo del pontefice municipali franchigie, rispondesse soltanto una larva di rappresentanza scarsa di autorità, priva di iniziativa, diede opera a qualcuna delle poche e piccole migliorie onde la metropoli, troppo inferiore al gran nome ed al grandissimo passato, si affaticava nel sopperire a stento al vivere odierno.
            Divenuta Roma capitale d'Italia, il Trocchi chiamato per voto popolare a sedere in Campidoglio, per lunghi anni vi stette ed ebbe mano e voce risolutiva così nel Consiglio del comune, come nell'altro della provincia. Il che significò come alla esperienza ed alla integrità sua i cittadini volessero raccomandate, quasi ad anello di congiunzione, fra il passato ed il presente, le sorti e gli interessi loro; quanta pubblica estimazione attorniasse lui che per lungo corso d'anni li aveva con disinteresse serviti.
            Fiducia di cui, o presiedesse la Camera di commercio, od attendesse alla Banca romana, od amministrasse, finché gli ressero le forze, le maggiori aziende della città si mostrò degno sempre, dirigendole colla prudenza, i criteri, la rigidezza del buon governo famigliare.
            Eletto senatore il 12 giugno 1881, in mezzo a noi subito si accaparrò la stima d'ognuno, l'amicizia di molti. Di che fu certa e bella testimonianza l'essere stato appena un anno dopo scelto a questore, e con cinque successive conferme nella stessa carica, fino a quando la salute non lo costrinse a licenziarsene, per quasi nove anni mantenuto.
            E la vostra ferma benevolenza, fu l'orgoglio dell'ultimo suo vivere, la consolazione del lungo patire che senza tregua in fine lo afflisse e lo spense il giorno quattro di febbraio.
            Al ricordo di codesta alta benevolenza, autorevolissimo giudizio dirimpetto al quale ogni mia parola impallidirebbe, io raccomando la memoria del senatore Valerio Trocchi; ed attesto con sicurezza il profondo rammarico e la pietà di quest’Assemblea per la sua dipartita. (Benissimo). [...]
            GIOLITTI, presidente del Consiglio, Domando la parola.
            PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
            GIOLITTI, presidente del Consiglio, Il Governo si associa al sentimento di dolore del Senato per la perdita di tre illustri suoi membri [...] Oggi per il Senato io ne rimpiango la perdita. (Bene).

            Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 17 febbraio 1893.

Note:Il nome completo risulta essere: "Valerio Rocco Ignazio".
Ringraziamenti:- Sindaco de L'Aquila Biagio Tempesta
- Giornalista storico Walter Capezzali
- Dott.ssa Elisabetta Bidischini e dott.ssa Diana Ascenzi della Biblioteca Unioncamere
- Dott.ssa Giuliana Pietroboni, direttore dei Servizi per la cultura e le reti informative - Archivio storico della Provincia di Roma
- Dott.ssa Rossella Masini, direttore dei Servizi per la cultura e le reti informative - Archivio storico della Provincia di Roma


Attività 2256_Trocchi_IndiciAP.pdf