SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FERGOLA Emanuele

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/20/1830
Luogo di nascita:NAPOLI
Data del decesso:05/04/1915
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Gennaro
Madre:CARRILLO Gabriela
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Figli: Ernesto
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Astronomo
Carriera:Professore ordinario di Introduzione al calcolo sublime all'Università di Napoli (1860)
Professore ordinario di Analisi superiore all'Università di Napoli (1863)
Professore di Astronomia all'Università di Napoli (1890-1910. Data del collocamento a riposo)
Rettore dell'Università di Napoli (1889-1891)
Assistente dell'Osservatorio astronomico di Capodimonte (Specola di Napoli) (1863)
Secondo astronomo dell'Osservatorio astronomico di Capodimonte (Specola di Napoli) (1864)
Direttore dell'Osservatorio astronomico di Capodimonte (Specola di Napoli) (1890-1910. Data del collocamento a riposo)
Cariche e titoli: Membro ordinario della Società reale di Napoli (19 novembre 1861)
Presidente della Società reale di Napoli (1895) (1907)
Socio residente dell'Accademia pontaniana di Napoli (27 settembre 1863)
Presidente dell'Accademia pontaniana di Napoli (1900-1903) (1906-1909)
Membro della Società italiana delle scienze, detta dei XL (1878)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (6 gennaio 1884)
Socio ordinario dell'Accademia delle scienze di Torino (1896)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1905
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:06/04/1905
Giuramento:10/04/1905

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 gennaio 1892
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 20 giugno 1895
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 giugno 1908
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Nel tempo, in cui sono state chiuse le nostre sedute, abbiamo perduto i senatori Fergola, D'Alì, Grenet, Masi, Calvi, Massabò, Villa Tommaso, Campo, Balestra, Tournon, San Donnino, Di Martino, Florena, Salvarezza Cesare.
      Emanuele Fergola, l'illustre matematico, il celebre astronomo, che la Società astronomica di Lipsia contava fra i suoi, cessò di vivere il 5 aprile in Napoli, ove era nato il 20 ottobre 1830. Nostro pregiato collega egli era dal 14 marzo 1905. Condusse il Napoli vita virtuosa tra la famiglia e lo studio. Lo ricorda la Specola di Capodimonte alunno promettente ai primi passi; vantasi il collegio militare di averlo avuto professore di calcolo sublime; nell'università, che l'ebbe due volte rettore, dura il nome datogli dalle cattedre d'introduzione al calcolo, d'analisi superiore e di astronomia; viva rimarrà la memoria di lui in quell'Osservatorio astronomico, ove, entrato assistente, crebbe in fama. Nei funerali la modesta volontà del trapassato impedì fiori, discorsi e pompa; ma si ebbe corteo innumerevole ed eletto d'amore e devozione. Per la morte di Emanuele Fergola sono in lutto le accademie, le associazioni e gl'istituti scientifici, cui appartenne; con il lutto della scienza si fa maggiore il lutto del Senato. (Bene). [...]
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Domando di parlare.
      PRESIDENTE, Ne ha facoltà,
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Assolvo il compito altrettanto onorevole quanto doloroso di esprimere a nome del Governo tutta la simpatia riverente, che esso prova innanzi ai gravi lutti, che quest'alto consesso ha subiti; e in questa simpatia si contiene il pieno consenso al tributo di riconoscenza e di lode, che le inspirate parole del Presidente illustre e degli altri senatori hanno apprestato alla memoria degl'insigni uomini, di cui piangiamo la perdita.
      Ascoltando quelle parole, la mia mente quasi astraeva dalle persone singole, e al di sopra degli uomini commemorati, io vedevo passare innanzi ai miei occhi tutta una serie di vite nobilmente spese nei campi più diversi: dall'esercito all'amministrazione civile, dal Parlamento alle amministrazioni locali, dalle aule della giustizia alla cattedra della scuola e così via via - forme di attività diverse, ma congiunte tra loro da quest' unica idea e da quest'unica fede: il servizio reso alla patria (Bene! Bravo!).
      E pensavo a quanti tesori di sapienza e di patriottismo in quest'Aula nobilissima si racchiudono. Né io nulla aggiungerei a quanto così egregiamente è stato detto; ma concederà il Senato che trovi qui un'eco la vibrazione di talune note particolari, che o per ragioni personali o per ragioni di ufficio più vivamente palpitano nell'animo mio, a proposito, della dipartita di alcuni valentuomini.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1915.

Note:Il nome completo risulta essere: "Emanuele Giuseppe Gabriele Gennaro".
Ringraziamenti:Prof. Antonio Garzya presidente dell'Accademia pontaniana
Segreteria del Rettore dell'Università di Napoli


Attività 0967_Fergola_IndiciAP.pdf0967_Fergola_IndiciAP.pdf