SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FILÌ ASTOLFONE Ignazio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/09/1836
Luogo di nascita:BOMPIETRO (Palermo) - oggi BUOMPIETRO (Palermo)
Data del decesso:17/03/1924
Luogo di decesso:ROMA
Padre:FILI' Domenico
Madre:ASTOLFONE Rosa
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:FOLICALDI Antonia
Luogo di residenza:ROMA
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Palermo
Professione:Magistrato
Altre professioni:Avvocato
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Trani (3 luglio 1879)
Sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Messina (20 luglio 1879)
Consigliere della Corte di cassazione di Roma (30 marzo 1899)
Procuratore generale presso la Corte di appello di Firenze (20 dicembre 1908-1° dicembre 1909. Collocato a disposizione del ministero)
Cariche politico - amministrative:Consigliere del Consiglio provinciale di Girgenti
Vicepresidente del Consiglio provinciale di Girgenti

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/04/1909
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Luigi Rossi
Convalida:29/05/1909
Giuramento:31/05/1909
Annotazioni:Convalidato in Comitato segreto. Gruppo Senato: liberale democratico, poi Unione democratica

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 5 luglio 1877
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 23 settembre 1879
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 13 marzo 1881
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 10 gennaio 1889
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia [ante 12 ottobre 1910]
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 24 gennaio 1901
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 novembre 1905

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIII
Aragona
28-9-1879*
Sinistra
Ballottaggio il 5 ottobre 1879. Elezioni in corso di legislatura
XIV
Aragona
16-5-1880
Sinistra
XV
Girgenti I
29-10-1882
Sinistra
XVI
Girgenti I
23-5-1886
Sinistra
XVII
Girgenti I
23-11-1890
Sinistra
XVIII
Licata
6-11-1892
Sinistra
XIX
Licata
26-5-1895
Sinistra
XX
Licata
21-3-1897**
Sinistra
Dimissioni il 22 marzo 1899. Rieletto il 23 aprile 1899
XXI
Licata
3-6-1900
Sinistra
XXII
Licata
6-11-1904***
Sinistra
Dimissioni il 19 dicembre 1908


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro ordinario della Commissione d'istruzione dell'Alta Corte di Giustizia (1° marzo 1912-29 settembre 1913) (6 dicembre 1913-29 settembre 1919)
Membro della Commissione per le petizioni (20 dicembre 1913-4 marzo 1918) (9 dicembre 1919-2 febbraio 1920. Dimissionario)
Presidente della Commissione per le petizioni (4 marzo 1918-29 settembre 1919)
Commissario di vigilanza all'amministrazione del fondo per il culto (27 febbraio-27 dicembre 1912)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Niccolò Melodia, Vicepresidente

      Onorevoli senatori,
      il lungo periodo di chiusura dei nostri lavori ha visto purtroppo scomparire le nobili figure di non pochi dei nostri amati colleghi che di questa Assemblea erano decoro e vanto. Ad essi rivolgiamo anzitutto il nostro memore ed accorato pensiero. [...]
      Il 17 marzo cessava di vivere in Roma il senatore Ignazio Filì Astolfone che era nato a Bompietro il 9 luglio 1836.
      Ancora studente nella Facoltà giuridica della Università di Palermo si faceva notare per il suo ardimento nella patriottica "Società dei giovani universitari" intesa a preparare il movimento di insurrezione nelle provincie meridionali, che poi scoppiò nel 1860, tanto che in seguito gli fu conferita la medaglia dei benemeriti dell'unità nazionale. Conseguita nel 1857 la laurea, dopo un breve periodo di felice esercizio dell'avvocatura, si avviava nel 1861 nella carriera giudiziaria, nella quale presto emerse e per l'ingegno vivace e per la vastità di dottrina. E, mentre conseguiva per merito prima la promozione a procuratore del Re nel 1874 e poi a consigliere di cassazione nel 1899, si faceva anche apprezzare quale scrittore di dotte e acute monografie.
      La sua regione, che altamente apprezzava le sue doti, lo inviò fin dal 1879 quale suo rappresentante alla Camera dei deputati.
      Come illuminata fu la sua opera di magistrato, così fervida fu la sua collaborazione all'attività della nazionale Assemblea. Oratore facile, elegante e vigoroso, trattò altamente le più svariate e importanti questioni di ordine politico e amministrativo, fu per lungo tempo membro di autorevoli commissioni parlamentari, autore di lucide relazioni su complessi disegni di legge come ad esempio quello sull'ordinamento dei giurati.
      Alla Camera dei deputati rimase fino alla XXII legislatura: il 4 aprile 1909 veniva nominato senatore ed anche qui partecipò a molte commissioni, e nonostante la tarda età fu sempre assiduo ai nostri lavori con quell'attaccamento cui in tutta la sua vita si era informato nell'adempimento dei suoi doveri.
      Anche nella Sicilia, a lui tanto cara, egli rivestì importanti uffici, autorevole membro e di Consigli comunali e di quello provinciale di Girgenti, di cui fu pure vicepresidente.
      In lui si riunivano elette doti di mente e di cuore, una grande rettitudine, una modestia senza pari, un cuore generoso che ci rendono oggi amara la sua dipartita. Rivolgiamo un mesto pensiero alla Sua memoria ed esprimiamo alla famiglia le nostre condoglianze. (Bene). [...]
      CORBINO, ministro dell'economia nazionale. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CORBINO, ministro dell'economia nazionale. A nome del Governo mi associo alle nobili parole pronunciate dal nostro illustre Presidente per la commemorazione dei colleghi [...], Filì Astolfone.
      La semplice enumerazione di questi nomi fa passare davanti ai nostri occhi tutta una nobile successione di attività politiche, amministrative, sociali e scientifiche.
      Nell'associarsi al compianto del Senato per la perdita di questi suoi componenti, il Governo si associa anche alla proposta del Presidente perché siano inviate condoglianze alle famiglie degli scomparsi. (Benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 29 maggio 1924.

Note:Secondo altra fonte risulta nato l'8 luglio 1836 oppure il 9 luglio 1837.
Ringraziamenti:Ufficio stato civile di Roma. Stefano Recchia

Attività 0993_Filì_IndiciAP.pdf0993_Filì_IndiciAP.pdf