NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


GAETANI DELL'AQUILA D'ARAGONA Onorato

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/28/1832
Luogo di nascita:NAPOLI
Data del decesso:24/10/1904
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Antonio
Madre:MASTRILLI Giovanna
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariPrincipe di Piedimonte
Duca di Laurenzana
Patrizio napoletano
Conte di Alife
Predicati di Gioia, Alvignano, Dragoni, Santa Maria dell'Oliveto, Capriata e Ciorlano
Tutti i titoli furono riconosciuti con decreto ministeriale del 26 agosto 1900
Coniuge:SOLAZZI CASTRIOTA Maria Antonia
Coniuge:SANTASILIA Giacinta
Figli: Nicola, senatore (vedi scheda alla voce D'ALIFE perchÚ si faceva chiamare col predicato)
Ferdinando, padre di Filippo, nipote
Carolina, che spos˛ Nicola d’Alessandro dei duchi di Pescolanciano
Elisabetta, che spos˛ Vincenzo Galanti
Maria, che spos˛ il marchese Giovanni Antonio Mazzacorati
Ferdinando, che spos˛ Antonia Compagna ed era padre di Filippo e di Delia
Teresa, che spos˛ Roberto Monaco duca di Longano
Fratelli:GAETANI Laura che spos˛ Conte Don Raffaele GAETANI DELL'AQUILA DI ARAGONA
Parenti:GAETANI Onorato, avo paterno
GAETANI SERRA Laura, ava paterna
MASTRILLI Giulio, duca di Marigliano, avo materno
MASTRILLI DORIA Maria, dei principi di Angri, ava materna
GAETANI DELL'AQUILA d'ARAGONA Luigi, cugino
Professione:Possidente
Altre professioni:Uomo di corte
Carriera:Maggiore di G.N. allo Stato maggiore di S.A.R. il Principe di Carignano
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Gaeta
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Caserta
Cariche e titoli: Ufficiale d'ordinanza onorario di SM
Governatore onorario di Palazzo

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:05/15/1876
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Francesco Pallavicini
Convalida:06/06/1876
Giuramento:13/06/1876

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tancredi Canonico, Presidente

      Signori senatori! Duolmi dover cominciare il mio ufficio dalle dolenti note. Ma pur troppo Ŕ ben raro che durante un periodo, anche non lungo, d'interruzione dei nostri lavori, non si abbiano a deplorare perdite dei nostri colleghi. [...]
      Il 24 scorso [sic] morý in Napoli don Gaetani dell'Aquila d'Aragona, principe di Piedimonte.
      Nato in quella cittÓ il 28 settembre 1832 da nobilissima famiglia napoletana, fu nel numero di quei patrizi che aiutarono la causa della redenzione italiana ed ebbero quindi a subire le persecuzioni borboniche.
      Egli non ebbe mai l'ambizione di emergere nel campo politico, pur seguendo sempre con interesse lo sviluppo della vita nazionale e rallegrandosi di tutto ci˛ che accennasse ad un passo verso il meglio: ma prestava solerte l'opera sua in parecchie importanti amministrazioni, delle quali fu o consigliere o presidente.
      Il 15 maggio 1876 venne chiamato a sedere nella Camera vitalizia.
      Fu uno degli uomini pi¨ eleganti ed amabili nell'alta societÓ; ma la sua bontÓ d'animo e la sua semplicitÓ di modi lo facevano trattare con la medesima cordialitÓ le persone di tutti i ceti, ed amare quindi egualmente da tutti.
      Alla egregia famiglia che ne piange la perdita le vive nostre condoglianze. [...]
      GIOLITTI, presidente del Consiglio, ministro dell’interno. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      GIOLITTI, presidente del Consiglio, ministro dell’interno. A nome del Governo mi associo al dolore del Senato per le perdite gravissime che ha subito durante questo periodo di chiusura dei suoi lavori.
      Quando si pensa al tesoro di patriottismo, di sapienza e di valore che il paese ed il Senato hanno perduto con la scomparsa di questi uomini non si pu˛ a meno di essere compresi da un senso di profonda mestizia.
      Io auguro che la nuova generazione possa darci uomini che per patriottismo, per valore e sapienza possano equivalere a quelli dei quali oggi piangiamo la perdita. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 3 dicembre 1904.


AttivitÓ 1044_Gaetani_dell'Aquila_d'Aragona_IndiciAP.pdf