NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


COLLACCHIONI Giambattista

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/04/1814
Luogo di nascita:SANSEPOLCRO (Arezzo)
Data del decesso:30/07/1895
Luogo di decesso:SANSEPOLCRO (Arezzo)
Padre:Anton Giuseppe
Madre:BECCHERINI Geltrude
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariNobile di Borgo Sansepolcro
Coniuge:GIOVAGNOLI Teresa
Coniuge:GIOVAGNOLI Marianna
Parenti:COLACCHIONI Marco, nipote
Luogo di residenza:SANSEPOLCRO
Professione:Industriale-agricoltore
Cariche politico - amministrative:Membro della Consulta di Stato (Toscana)
Membro dell'Assemblea dei rappresentanti (Toscana) (1859-1860)
Gonfaloniere di Sansepolcro (1862)
Cariche amministrative:Assessore comunale di Sansepolcro

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/06/1868
Categoria:03
21
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Celso Marzucchi
Convalida:25/02/1869
Giuramento:04/03/1869


    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
San Sepolcro
25-3-1860
Destra
VIII
San Sepolcro
27-1-1861
Destra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari Commemorazioni.
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Ieri al giorno moriva in San Sepolcro il senatore Giambattista Collacchioni.
      Di famiglia tiratasi su e venuta in auge coi traffici e le industrie rurali, il defunto, a seconda delle circostanze, si adoperò per la cosa pubblica, seguendo i migliori del suo tempo.
      Fu così che, nella Consulta e nell'Assemblea toscana, partecipò a quella gara di abnegazione in virtù della quale, ogni particolare riguardo od interesse al sentimento nazionale posposto, tenacemente l'unità vi apparecchiò.
      Per due legislature (VII e VIII) nella Camera dei deputati, in quest'alta dappoi il 6 dicembre 1868, batté la stessa diritta via per consolidare il bene conquistato.
      Sul concorso spontaneo e disinteressato di lui poté farsi sempre sicuro assegnamento, come nel Parlamento, anche nelle amministrazioni della provincia e città, dove era nato e morì. Buona parte dell'anno ivi dimorando, passava l'altra nei vasti suoi possessi di Maremma, il governo dell'azienda agricola, alternando coi rudi svaghi della caccia fra i conforti di una eletta di amici ospitati con gentilezza signorile. Bello amirarsi [sic!] il forte vecchio, non temere le insidie delle macchie impenetrabili né della palude mortifera, e dare esempio di operosità virile; la quale, se fosse da più imitata, alle condizioni economiche e sociali arrecherebbe incalcolabile beneficio.
      Giunto ad un'età che, per averne compiuto l'ottantunesimo anno, pochi vedono, Giambattista Collacchioni ebbe sino all'ultimo i due maggiori beni della vita: la vigorosa sanità del corpo e della mente, la stima dei galantuomini.
      Ebbe, ha in morte la benedizioni dei poveri, il vivo desiderio dei concittadini, il rammarico del Senato (Benissimo, approvazioni).
      CRISPI, presidente del Consiglio. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CRISPI, presidente del Consiglio. Il Governo si associa alla commemorazione del defunto senatore Collacchioni, e fa sue le lodi giustamente tributate alla sua memoria.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 31 luglio 1895.

Note:Secondo altra fonte risulta nato a Pieve Santo Stefano nel 1815.
Ringraziamenti:Dott. Franco Polcri Sindaco di Sansepolcro
Ufficiale di stato civile del Comune di Sanselpolcro Onetia Tocci


Attività 0601_Collacchioni_IndiciAP.pdf