SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


DE FORESTA Adolfo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/26/1825
Luogo di nascita:NIZZA MARITTIMA - oggi NIZZA (Francia)
Data del decesso:29/11/1886
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Giovanni, senatore (vedi scheda)
Madre:PROVASO Antonietta
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte, titolo concesso con regio decreto del 23 novembre 1862 e riconosciuto con decreto ministeriale del 15 luglio 1873
Nobilitato
Coniuge:TIRANTY Vittoria, detta Vittorina
Coniuge:DUPRÉ Luisa
Figli: Ernesto, diplomatico, che sposò Luisa EUZEBY, padre di Vittorina, Beatrice, Giulietta, Adolfo Paolo;
Alberto, diplomatico
Parenti:DE FORESTA Pietro Francesco, avo paterno
DE FORESTA GIORGIOLI Elisabetta, ava paterna
TIRANTY Vittore, suocero
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Piazza Trevi, 86
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Magistrato
Altre professioni:Avvocato
Carriera:Sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Genova (22 luglio 1860)
Sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Torino (23 settembre 1860)
Sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Firenze (17 dicembre 1865)
Procuratore generale presso la Corte d'appello di Ancona (reggente, 25 novembre 1869) (titolare, 21 settembre 1872)
Procuratore generale presso la Corte d'appello di Roma (13 gennaio 1876)
Procuratore generale presso la Corte d'appello di Bologna (21 maggio 1876)
Procuratore generale presso la Corte d'appello di Lucca (4 novembre 1880)
Avvocato generale presso il Tribunale supremo di guerra e marina (8 febbraio 1884)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Nizza Marittima e Villafranca
Membro della Deputazione provinciale di Nizza Marittima
Cariche e titoli: Ufficiale della Guardia nazionale di Nizza

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/26/1884
Categoria:10 L'Avvocato generale presso il Magistrato di cassazione ed il Procuratore Generale dopo cinque anni di funzioni
Relatore:Bernardino Giannuzzi Savelli
Convalida:03/12/1884
Giuramento:03/12/1884

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° dicembre 1859
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 agosto 1865
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 dicembre 1874
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 9 maggio 1869
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 5 giugno 1871
Cavaliere dell'Ordine della Corona di Quercia (Olanda) 30 maggio 1856
Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) [post 1877]


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giacomo Durando, Presidente

      Onorevoli colleghi. Il conte Adolfo De Foresta, di cui ebbi ieri il dolore di annunziarvi la perdita, era nato in Nizza marittima il 26 novembre 1825. Il di lui genitore, giureconsulto illustre, deputato, ministro nel Regno Subalpino e che fu pur membro di quest'alta Assemblea avendo seguìto le sorti del Regno d'Italia dopo la cessione di Nizza alla Francia, egli, il compianto collega nostro, proseguì i suoi studi e progredì in Italia nella sua carriera della magistratura raggiungendo rapidamente pei suoi meriti i più alti gradi fino a quello di procuratore generale di Corte d'appello, che sostenne degnamente per parecchi anni. Attualmente copriva la carica di avvocato generale presso il Tribunale supremo di guerra e marina. Dal novembre del 1884 apparteneva a quest'alta Assemblea, alle di cui adunanze era assiduo, portando il contributo della sua intelligente operosità. In questi giorni, benché travagliato da crudele morbo esacerbato da grave sventura di famiglia, ebbe ancora a riferire sopra un disegno di legge che venne dal Senato recentemente approvato. Era decretato che quello dovesse essere l'ultimo suo lavoro. Lascia scritti pregevoli in materia penale e intorno agli stabilimenti penitenziari, allo studio dei quali si era particolarmente dedicato. La sua memoria si raccomanda meritamente alla vostra benevolenza.
      MANFREDI. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha la facoltà di parlare.
      MANFREDI. Udimmo un doloroso annunzio nella tornata di ieri, confermato oggi, dall'onorevole nostro Presidente; la perdita di uno dei nostri colleghi entrato di recente tra di noi, di età non tarda, ancora promettente di recar valido sussidio all'opera nostra; la perdita pure per lo Stato di uno dei più alti e rispettabili funzionari.
      Giustissimo fu il compianto dall'onorevole nostro Presidente espresso, e ben meritato l'encomio.
      La parola di cordoglio, che ho domandato di proferire, non farà che aggiungere il tributo doveroso all'estinto di chi gli fu collega lunghi anni nella magistratura giudiziaria, e poteva ancora considerarlo collega, sebbene passato a capo degli uffizi fiscali per la giustizia militare.
      Nella vita del conte Adolfo De Foresta, erede di un nome ognora riverito tra noi in questo stesso Senato, caro di ricordi congiunti ai ricordi di quei casi delle antiche provincie, onde vedemmo sorgere l'aurora del nazionale riscatto; ricco di censo; anche nella vita del conte Adolfo De Foresta, la sorte ha voluto dar segno del suo giuoco. Negli uffici giudiziari incontrò varie vicende; favorito da aure prospere, afflitto dalle avverse. E quando qui nel seggio senatorio godeva di aver ottenuto l'attesa riparazione, nella famiglia una sventura lo colpì; una di quelle sventure che lasciano per sempre trafitto, insanabilmente lacerato il cuore di un padre. Noi di questa sventura lo compiangevamo; ma ancora auguravamo a lui di trovare il conforto negli altri affetti, nelle altre dolcezze della vita. Quando la morte è venuta a troncare in lui gioie e dolori, speranza e vita.
      Ed ora in altra guisa e più amaramente lo compiangiamo; mandiamo a lui l'ultimo compianto, l'estremo vale. Questo salga il suo spirito, se può allietarsene; e, se l'onoranza degli estinti può alleviare il lutto dei superstiti, giunga alla vedova ed ai figli desolati la promessa che noi facciamo, che del conte Adolfo De Foresta, come del conte Giovanni suo genitore, non sarà mai perduta la memoria fra noi.
      Voci. Bene, benissimo, bravo.
      COPPINO, ministro dell'istruzione pubblica. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      COPPINO, ministro dell'istruzione pubblica. A nome del Governo sento il debito di associarmi alle nobili parole colle quali il Presidente del Senato espresse il compianto dei colleghi sulla tomba del conte De Foresta. Mi associo del pari alle altre generose parole colle quali il senatore Manfredi commemorò i pregi del collega nella vita pubblica e nella privata. Anche il Governo ha il desiderio di significare alla desolata famiglia la parte che prende all'irreparabile dolore.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 30 novembre 1886.

Note:Il nome completo risulta essere: "Carlo Ludovico Adolfo".
Secondo altra fonte risulta nato il 27 novembre 1825.

Ringraziamenti:Dott. Giuseppe Garbarino

Attività 0741_De_Foresta_Adolfo_IndiciAP.pdf