SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


TIEPOLO Lorenzo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/19/1845
Luogo di nascita:VENEZIA
Data del decesso:12/08/1913
Luogo di decesso:BELLUNO
Padre:Alvise
Madre:BAREA Maria
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Patrizio veneto
Coniuge:LANFRANCHINI Marianna
Figli: Maria
Angelina
Alvise
Teresa
Almoro
Laura
Fratelli:Girolamo
Giacomo
Maria Teresa
Elena
Marina
Lucrezia
Loredana
Giovannina
Luogo di residenza:Venezia
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Padova
Professione:Avvocato
Altre professioni:Possidente
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Venezia (14 novembre 1888-6 aprile 1890)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Venezia (11 febbraio 1883) (10 novembre 1889)
Assessore comunale di Venezia (3 settembre 1888)
Cariche e titoli: Membro della Consulta araldica

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1905
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:24/03/1905
Giuramento:07/04/1905

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 1885
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 1887
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 1889
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 17 gennaio 1889

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVII
Venezia I
23-11-1890
Destra
XVIII
Venezia III
6-11-1892*
Destra
Ballottaggio il 13 novembre 1892. Mancata proclamazione. Proclamazione della Camera il 10 dicembre 1892 e convalidazione
XIX
Venezia III
26-5-1895
Destra
XX
Venezia III
21-3-1897
Destra


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Unificazione degli Istituti di previdenza del personale delle Ferrovie dello Stato" (18 marzo 1907)
Commissario di vigilanza al debito pubblico (12 dicembre 1907-29 settembre 1913)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! [...]
      Il 13 giugno leggevasi nel giornale veneto l'Adriatico: "È scomparso uno dei migliori cittadini di Venezia". Era l'annunzio della morte del senatore conte Lorenzo Tiepolo. Si era spento il 12 nella villa dei suoi congiunto a Belluno, ove ospitava a ricuperar salute nel riposo, nella quiete e nel favore del clima; ed acerbo in Venezia, ed anche sentito oltre la laguna, fu il lutto che ognora dura, di quella scomparsa del discendente dell'antica famiglia patrizia, una delle elettrici del primo doge, che diede essa due dogi e molti magistrati e uomini di lettere alla Repubblica; imperocché aveva il conte Lorenzo osservato il debito di tener alto il nome, ponendo in luogo della potenza e della ricchezza avita gli ornamenti dell'ingegno, il frutto degli studi, le doti dell'animo, i pregi del carattere. In Padova laureato nelle leggi, si diede all'avvocatura in Venezia, patrocinante e consulente in diritto civile; e presto acquistò nel foro dignità e nel pubblico reputazione. Solerte ed operoso, sciente pure di politica ed economia, fu ricercato ai pubblici uffici ed elevato ai maggiori dell'amministrazione cittadina. Del comune fu assessore, poi assessore delegato, poi sindaco chiarissimo dal 1889 al 1890. Benché di parte moderata, nel 1889, al rinnovarsi del Consiglio per la nuova legge, tentò di riunire nella giunta del suo sindacato tutte le forze sinceramente liberali: ma, quantunque circondato dalla più viva deferenza, non gli corrispose la concordia e si dimise.
      Fu Lorenzo Tiepolo candidato dell'Associazione costituzionale nel 1890, quando il partito moderato largheggiò; ed a scrutinio di lista fu compreso nella rappresentanza del primo collegio di Venezia per la 17ª legislatura. Non gli tardò alla Camera la stima e propensione de' colleghi. Vi rientrò nel 1892, eletto a scrutinio uninominale dal terzo collegio per la 18ª; vi rimase per la 19ª e per la 20ª, rieletto senza competitori; ché il rispetto trattenne i contrari partiti dall'opporgli altro candidato; e nell'Assemblea crebbe in opinione ed autorità; assiduo ai lavori, chiamato alle commissioni più importanti, compreso nella Giunta generale del bilancio, uno del Comitato dei cinque nel 1897.
      Non cessò in Venezia di partecipare alla cosa pubblica, se non dopo un nuovo tentativo liberale in un gruppo di amici tra il 1903 ed il 1905, mediante la stampa del giornale La Gazzetta. Uscito dalle lotte, visse superiore ai partiti nella comune affettuosa riverenza. Anche gli avversari politici, anche i dissidenti, resero onore alla sua perfetta integrità, alla specchiata rettitudine, alla giusta austerità, alla severa coscienza, alla purità degli intenti, all'esemplarità del carattere. Gentile, mite, modesto, fu fermo ne' propositi, risoluto ed energico all'azione, vigoroso innanzi alle difficoltà. Tollerante e sereno, non ambizioso né di predominio né di popolarità, non si curò delle basse e violenti offese, sdegnò misurarsi con i volgari e con gli scorretti. Ebbe nella vita pubblica il sentimento del dovere, che adempì con abnegazione, con sincerità, con franchezza di convinzioni e di fede politica.
      Entrò in Senato per nomina del 4 marzo 1905; ed anche qui di lui si formò alto concetto, si nutrì fiducia ed affetto. Portò la sua opera utilmente ai nostri lavori; e la sua parola, sobria, ma limpida ed efficace, noi pure ascoltammo.
      Immerso in crudi lutti domestici, sostenne lo spirito, e si forzò ancora agli obblighi della professione, ai doveri di cittadino verso istituti ed opere pie, agli uffici del Senato; si pregiava l'Ordine degli avvocati d'averlo presidente del suo consiglio: finché affranto è soggiaciuto all'ultimo fato. Soffriamo amaramente della perdita di così pregiabile ed amabile collega. (Approvazioni). [...]
      MOLMENTI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà,
      MOLMENTI. Dopo la nobile commemorazione di Lorenzo Tiepolo, fatta dal nostro illustre Presidente, sia concesso ad un antico ed affezionato amico di aggiungere una parola di compianto.
      Con Lorenzo Tiepolo è scomparso dalla terra un uomo non dimenticabile a niuno che lo conobbe, lagrimato da tutti i buoni.
      Venezia, nei pubblici uffici di sindaco e di deputato lo provò savio ed utile; quelli che lo conobbero da vicino stringendo con lui infrangibili vincoli di amicizia, guardavano a lui come a modello di rettitudine.
      Discendente da una famiglia di antichissima nobiltà, feconda di tanti uomini insigni, nelle fatiche della guerra e nelle opere della pace, egli degnamente portava il suo nome glorioso.
      Nella sua stessa figura esile ed estenuata, nelle sue sembianze, non so se più austere o melanconiche, era l'impronta di una nobiltà di altri tempi, che facea ricordare qualche antico ritratto di Tiziano e di Tintoretto. (Be­nissimo).
      Pure sotto quell’indole mite, sotto i modi suoi, che riuscivano, per una cortese gravita, amabili, si celavano gagliardie non sospettate. Gagliardie per combattere implacabilmente il male, la corruzione, la disonestà, dovunque apparissero. Ben egli aveva il diritto di assumere la missione di custode fedele della moralità e dell'onestà ripudiate. Serbò la sua dignità sempre, dinanzi alle perfidie della fortuna, alla ingratitudine degli amici, alle offese degli avversari.
      Venezia, che non fu sempre giusta con lui, sentì dinanzi alla sua bara quale figlio avesse perduto, e fu universale il compianto per la morte di quest’uomo savio e dabbene. (Approvazioni vivissime).
      CANEVARO. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CANEVARO. In nome di alcuni colleghi e mio, propongo e prego il nostro caro Presidente di voler trasmettere alle rispettive famiglie i sensi di ammirazione del Senato per le opere compiute quali cittadini dal senatore Giacomo Doria e dal senatore Tiepolo, ed insieme il profondo nostro compianto per la loro dipartita. [...]
      COLOSIMO, ministro delle poste e dei telegrafi. Mi associo in nome del Governo, alle nobili ed eloquenti parole pronunziate dal Presidente dell'Assemblea e dagli onorevoli senatori Molmenti, Rolandi-Ricci, Canevaro, Cadolini, Gatti-Casazza, Tittoni, Colonna e Santini, commemorando i senatori Tiepolo, Doria, Boncompagni, Cucchi e Roux. [...]
      PRESIDENTE. La Presidenza, certa di aver consenzienti tutti i senatori, si farà un dovere di dare esecuzione alle varie proposte, che sono state fatte per l'invio di condoglianze alle famiglie e alle città natali dei colleghi, che abbiamo oggi commemorato. (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 1° dicembre 1913.

Ringraziamenti:Dott. Massimo Cacciari, sindaco del Comune di Venezia
Dott. Antonio Berlati, dirigente della Direzione interdipartimentale per il supporto degli organi istituzionali - Area servizi alla cittadinanza-Servizi demografici-Ufficio centralizzato di documentazione anagrafica
Roberto Nascari, istruttore amministrativo del Comune di Venezia - Direzione interdipartimentale per il supporto degli organi istituzionali - Servizi demografici anagrafe
Dott.ssa Paola Benussi, Archivio di Stato di Venezia


Attività 2196_Tiepolo_IndiciAP.pdf