SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


LA PORTA Luigi

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/30/1830
Luogo di nascita:PALERMO
Data del decesso:24/07/1894
Luogo di decesso:MONTEPORZIO CATONE (Roma)
Padre:Filippo
Madre:SANFILIPPO Maria
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:TABACCHI Penelope, principessa
Fratelli:Vincenzo
Professione:Possidente
Carriera giovanile / cariche minori:

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/10/1892
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:29/11/1892
Giuramento:30/11/1892

    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia 6 dicembre 1866

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:moti del 1848
1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
1862 spedizione in Aspromonte
1866 terza guerra d'indipendenza
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VIII
Girgenti
6-4-1862*
Sinistra
Elezioni in corso di legislatura. Ballottaggio il 13 aprile 1862. Dimissioni il 7 gennaio 1864. Rieletto il 22 gennaio 1864
IX
Girgenti
22-10-1865
Sinistra
X
Girgenti
10-3-1867
Sinistra
XI
Girgenti
20-11-1870
Sinistra
XII
Girgenti
8-11-1874
Sinistra
XIII
Girgenti
5-11-1876
Sinistra
XIV
Girgenti
16-5-1880
Sinistra
XV
Girgenti I
29-10-1882
Sinistra
XVI
Girgenti I
23-5-1886
Sinistra
XVII
Girgenti I
23-11-1890
Sinistra


    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Segretario di Stato alla sicurezza pubblica [Ministro della guerra] (27 giugno 1860) (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari Commemorazioni.
      Domenico Farini, Presidente

      Dal giorno ventitre del mese di luglio ad oggi noi avemmo a lamentare la morte dei senatori La Porta, Pernati di Momo, Durando, Fabretti, Lauri, Amore, Pavese, D’Ancona, De Crecchio.
      A ore 19 del 24 di luglio cessava di vivere a Monteporzio Catone Luigi La Porta.
      Nativo di Palermo fu della Camera dei deputati subito dopo il plebiscito e in essa partecipò alle discussioni maggiori, ai più notevoli incidenti delle dieci legislature consecutive per le quali il collegio di Girgenti costantemente rappresentò.
      Assiduità e studio, il naturale acume aiutando, acquistò a poco a poco delle forme dei dibattimenti e dei moventi parlamentari tale pratica da doversi tenere in molto conto da chiunque volesse preparare, ovvero signoreggiare una certa condizione di cose.
      Era giunto alla Camera tutto impeto e sentimento; però si era presto accorto che la passione e l'audacia non bastano per avere voce nelle assemblee. Ferma volontà gli diede atteggiamento e linguaggio sempre più temperati, morbidezza sagace; indagine diuturna, applicazione indefessa gli conferirono autorevolezza e competenza che i colleghi per parecchie sessioni alla Commissione del bilancio ascrivendolo, eleggendolo volta a volta segretario, vicepresidente, e presidente della medesima, o di altri importantissimi incarichi onorandolo, per molti anni gli riconobbero e mantennero.
      Combattente per le vie di Palermo e poi col Ribotti in Calabria non ancor diciottenne, aveva nel 1848 dato l'animo ardimentoso e il braccio gagliardo alla causa nazionale, né più li tolse. A Spezzano e Castrovillari invano si scaramuccia; ché la scarsezza e la discordia dei millantati insorti dissipano le illusioni degli sbarcati, i quali, non decorso un mese di vani tentativi e di più vane promesse e speranze, sferrano da Capo Spartivento. Corfù loro meta e salvezza i profughi vedono già, già quasi afferrano: un'insidia borbonica la preclude e li ghermisce.
      Alla prova del fuoco succede quella del carcere.
      Mandato libero dal castello di Capua, riprende le armi; e quando la rivoluzione è schiacciata, Luigi La Porta non muta, non è domo.
      Prigione nella primavera del 1851, nel 1856 indettato col Bentivegna, la fermezza e la baldanza di lui primeggiano nell'ordire i moti del 1860.
      Capo di una squadra, sino dai primi di aprile rumoreggia e scorrazza intorno a Palermo, da Gibilrossa vi piomba con Garibaldi dopo occupata per breve Termini. Segretario di Stato per la pubblica sicurezza, tanto in quei torbidi il dittatore faceva assegnamento sull'ascendente di lui, dopo pochi giorni ritorna alle bandiere e guadagna via via nuovi gradi. Il più alto, quello di tenente colonnello e la croce militare di Savoia premiarono l'intrepidezza e l'intelligenza provate a Santa Maria di Capua; le insegne d'ufficiale dell'ordine stesso lo ricompensarono di quello che operò nello Stato maggiore ed al comando del settimo reggimento dei volontarii, quando nel 1866 riprese l'armi per l'ultima guerra d'indipendenza.
      L'infermità spietata che lo aveva già annichilito allorché nell'ottobre 1892 venne ascritto al Senato, tanto che fu una pena il vederlo trascinarsi ad occuparne il seggio, lo ripercorse ed uccise. E noi fummo privati d'un collega che dagli albori del risorgimento e finché visse non fu degli ultimi a servir la patria. (Bene). [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il signor senatore Sprovieri Francesco.
      SENATORE SPROVIERI F. Dopo quello che ha detto l’onorevole ed illustre nostro Presidente a riguardo di Luigi La Porta, mi si permetta di mandare da questo banco un saluto affettuoso e di stima all’amico estinto. Voglio ricordare un suo fatto: nell’ottobre del 1860, alla testa del suo reggimento, caricò i nostri nemici nella sinistra, e li sbaragliò.
      Quella giornata fu splendida per l’Italia; in essa si compì un gran fatto; le provincie meridionali si poterono unire alle provincie d’Italia.
      Addio, caro Luigi (Bene). [...]
      PRESIDENTE. Il senatore Sprovieri Francesco propone di far pervenire le condoglianze del Senato alle famiglie degli estinti testé commemorati.
      Chi approva questa proposta è pregato di alzarsi.
      (Approvato).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 5 dicembre 1894.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 10 ottobre 1830.
Partecipò ai moti del 1848.

Ringraziamenti:- Direttore della Biblioteca comunale di Palermo Dott. Filippo Guttuso, Dott. P. La Mattina, Dott. Di Benedetto, dott. Vincenzo Ganci
- Dott.ssa Massa - Archivio storico comunale di Palermo


Attività 1254_La_Porta_IndiciAP.pdf