SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


RIOLO Vincenzo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/18/1847
Luogo di nascita:NARO (Agrigento)
Data del decesso:17/01/1927
Luogo di decesso:NARO (Agrigento)
Padre:Salvatore
Madre:TORRICELLI Marta
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte del Piano, barone di San Gioacchino, titoli riconosciuti con decreto ministeriale del 28 dicembre 1901
Coniuge:RICCIO Maria Raffaella
Figli: Salvatore, che sposò Nicolina RINALDI
Marta, che sposò Gaetano FARACI
Bartolomeo, che sposò Angela SEDITA
Parenti:RICCIO Bartolomeo, suocero
Luogo di residenza:NARO (Agrigento)
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Avvocato

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/21/1901
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:16/12/1901
Giuramento:17/12/1901
Annotazioni:Gruppo Senato: liberale democratico, poi Unione democratica

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIV
Serradifalco
16-5-1880
Sinistra
XV
Caltanissetta
29-10-1882
Sinistra
XVI
Caltanissetta
16-3-1890
Sinistra
Elezione in corso di legislatura
XVII
Caltanissetta
23-11-1890
Sinistra
XVIII
Serradifalco
6-11-1892*
Sinistra
Mancata proclamazione dell'elezione e deliberazione del ballottaggio il 7 febbraio 1893. Rieletto il 5 marzo 1893


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (29 marzo 1909-29 settembre 1913)
Commissario alla Cassa dei depositi e prestiti (11 dicembre 1907-8 febbraio 1909) (30 marzo-23 dicembre 1909)
Commissario di vigilanza all'Amministrazione delle ferrovie dello Stato (26 maggio 1909-29 settembre 1913)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
          Tommaso Tittoni, Presidente

          Onorevoli colleghi. Molti e gravi lutti ci hanno colpito nel lungo intervallo dei nostri lavori. [...]
          Il 17 gennaio spegnevasi in Naro il collega Vincenzo Riolo, conte del Piano, colà nato il 18 gennaio 1847. Fautore dell'unità nazionale fin da giovinetto, fu in corrispondenza col Mazzini e divenne intimo amico di Francesco Crispi. Amantissimo della sua regione, sempre ne curò con vigile amore gli interessi agricoli ed industriali, ai cui problemi, specialmente a quello zolfifero, dedicò studi incessanti. Procacciatasi la stima dei suoi conterranei, fu da essi inviato alla Camera dei deputati, ove sedette per 14 anni, dal 1889 al 1894, rappresentando per la 14ª legislatura il collegio di Serradifalco. Fu attivissimo deputato e partecipò ad importanti discussioni.
          Il 21 novembre 1901 fu nominato senatore e fu per molti anni assiduo ed operoso quanto mai, acquistandosi la stima dei colleghi per la sua bontà e la sua capacità, sì da venir chiamato a far parte delle più importanti commissioni. Fu membro della Commissione di finanze e relatore per diversi anni del bilancio di agricoltura e di quello dei lavori pubblici: fu altresì membro della Commissione di vigilanza sulle ferrovie e di quella di vigilanza sulla Cassa depositi e prestiti, ch'ebbe anche a presiedere. Fu relatore di numerosi importanti disegni di legge, su molti altri ancora portò il contributo della sua parola assennata e convincente.
          Con quanto scrupoloso senso del dovere ei riguardasse al mandato parlamentare, lo dimostra il fatto che mai volle accettare cariche locali appunto per poter dedicare tutto se stesso al lavoro legislativo. Ei fu sempre convinto che la felicità della nazione richiedesse l'elevamento del prestigio dello Stato e dell'autorità da un lato e dall'altro una feconda collaborazione delle classi per l'elevamento dei lavoratori e per la soluzione dei problemi del lavoro e della produzione.
          Un male atroce che da molto tempo lo aveva colpito, lo costrinse a ritirarsi dalla vita politica attiva e da più che cinque anni giaceva ora infermo in letto, seguendo però sempre con appassionato amore le vicende della patria amata, delle cui rinnovate fortune profondamente gioiva.
          Vada a Vincenzo Riolo il nostro commosso pensiero, alla sua desolata famiglia la manifestazione del nostro sincero dolore. (Bene).

          Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 28 marzo 1927.

Ringraziamenti:-Sindaco di Naro (Agrigento) Maria Grazia Brandara
- Parrocchia Maria Santissima Annunziata di Naro


Attività 1909_Riolo_Vincenzo_IndiciAP.pdf