SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


PANIZZARDI Carlo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/10/1850
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:27/08/1921
Luogo di decesso:TURRO (Milano) - oggi MILANO
Padre:Antonio
Madre:ROSTAGNI DI BOSSOLO Cristina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:PIA Carolina
Fratelli:Pietro
Alessandro
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Prefetto
Carriera giovanile / cariche minori:Consigliere delegato a Parma (22 marzo 1893), Consigliere delegato a Verona (25 ottobre 1894), Consigliere delegato a Bari (18 ottobre 1898), Consigliere delegato incaricato di reggere la prefettura di Trapani (9 aprile 1899)
Carriera:Prefetto di Trapani (26 ottobre 1899)
Prefetto di Livorno (21 gennaio 1904)
Prefetto di Milano (5 luglio 1908-1° giugno 1915)
Cariche governative:
Cariche e titoli: Commissario straordinario per il Comune di Minervino Murge (15 maggio-13 dicembre 1898)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/04/1909
Categoria:17 Gli intendenti generali
dopo sette anni di esercizio
Relatore:Carlo Municchi
Convalida:25/05/1909
Giuramento:25/05/1909
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 giugno 1889
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 8 giugno 1902
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 aprile 1903
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 21 gennaio 1909
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 15 maggio 1919
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari - Commemorazione
        Tommaso Tittoni, Presidente

        Onorevoli senatori!
        Anche questa volta, pur troppo, nel riprendere i nostri lavori, mi incombe il doloroso dovere di annunciarvi la perdita di amati colleghi. [...]
        Due giorni dopo si spense in Turro Milanese il senatore Carlo Panizzardi, dopo lunga ed inesorabile malattia.
        Ei nacque a Torino il 10 settembre 1850 e di severi studi nutrì la sua giovinezza, laureandosi brillantemente in giurisprudenza nel 1872. Giovanissimo, scegliendo l'istessa carriera che aveva percorsa con successo il padre, entrò nelle prefetture dove non tardò ad affermare il suo valore, sicché ben presto gli furono affidati incarichi di fiducia, e nel 1879 fu chiamato al Ministero dell'interno che lasciò poi solo per occupare il posto di consigliere delegato nella Prefettura di Parma: dopo fu a Verona e poi a Bari.
        Nel 1899 veniva nominato prefetto e tale carica tenne per cinque anni a Trapani, venendo chiamato poi a dirigere la prefettura di Livorno, e nel 1908 quella di Milano dove chiuse dopo ben sette anni la sua carriera.
        Dell'alta carica cui era pervenuto Carlo Panizzardi aveva tutte le doti e il lungo tempo in cui rimase in tali sedi, superando momenti ben difficili, è la prova migliore della sua avvedutezza e del suo particolare senso pratico di equilibrio, che gli procurarono l'approvazione di ogni Governo e il favore completo e costante della pubblica opinione. Ed era circondato da così grande stima e considerazione che a Livorno, in numerosi conflitti economici fra industriali ed operai, e specialmente nel gravissimo sciopero del porto, riuscì come arbitro alla difficile conciliazione delle parti contendenti, evitando gravissimi disordini che avrebbero avuto una pericolosa ripercussione nel Paese.
        Le alte benemerenze acquistate valsero a Carlo Panizzardi il 4 aprile 1909 la nomina a senatore ed anche qui in Senato si acquistò vive simpatie, anche se prima l'ufficio pubblico che lo assorbiva completamente e negli ultimi tempi la malferma salute gli impedirono di partecipare assiduamente ai nostri lavori.
        Con Carlo Panizzardi scompare una intelligenza viva, un'anima nobilissima ed una simpatica figura di italiano.
        Salutiamo reverenti la sua memoria ed inviamo alla famiglia l'espressione del nostro profondo cordoglio. (Bene).
        [...]
        BERGAMASCO, ministro della Marina. Domando di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
        BERGAMASCO, ministro della Marina. A nome del Governo mi associo alle elevate commemorazioni, che testé il nostro illustre Presidente ha fatto dei compianti colleghi Carlo Panizzardi [...]
        Carlo Panizzardi, entrato giovanissimo nella carriera delle prefetture, col solo merito del suo ingegno e del suo lavoro seppe raggiungerne le vette più alte, distinguendosi sempre per l'equilibrio delle sue facoltà, per la grande coltura ed il non comune senso pratico. Egli raggiunse il culmine della sua carriera quando fu nominato prefetto e poscia colla nomina a prefetto di Milano. La sua lunga permanenza, durata ben sette anni, a reggere le sorti amministrative della provincia di Milano, è la migliore prova della sua sagacia amministrativa e delle sue doti di equilibrio e di avvedutezza. Giusto premio alla lunga sua carriera fu la nomina a senatore. Noi lo conoscemmo già avanti negli anni e forse già affievolito nelle sue energie per la malattia, che ne minava l'esistenza. Quindi poco abbiamo potuto vedere della sua attività e poco apprezzare delle sue doti; ma coloro che ebbero dimestichezza con lui ne apprezzarono altamente la bontà dell'animo e la finezza dello spirito.
        Vada anche a nome del Governo, l'espressione commossa del più vivo rimpianto alla sua memoria e alla sua famiglia. (Vive approvazioni).

        Senato del Regno, Atti Parlamentari. Discussioni, 24 novembre 1921.

Note:Il nome completo risulta essere: "Carlo Giovanni Lazzaro Pietro".
Ringraziamenti:Dott. Sergio Chiamparino Sindaco di Torino
Dott. Stefano Benedetto Vicedirezione generale Gabinetto del Sindaco e servizi culturali - Settore Archivi e protocollo del Comune di Torino


Attività 1653_Panizzardi_IndiciAP.pdf1653_Panizzardi_IndiciAP.pdf