SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno di Sardegna » Scheda Senatore  


DI PANDOLFINA Ferdinando

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/07/1814
Luogo di nascita:Palermo
Data del decesso:15/03/1897
Luogo di decesso:Palermo
Padre:Monroy Alonso Ambrogio
Madre:BARLOTTA Felicita, principessa di San Giuseppe
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariPrincipe di Pandolfina, di San Giuseppe
Barone di S. Anna, di Arcodaci
Marchese di Carsigliano
Coniuge:Ventimiglia Marianna
Coniuge:Temple Bodwin Laura
Figli: Gaetano, principe di Belmonte
Giovanna
Fratelli:Giuseppe
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Pari del Parlamento (Sicilia) (gennaio 1848-15 maggio 1849)
Cariche e titoli: Capo di Stato maggiore della Guardia nazionale di Palermo (gennaio 1848-15 maggio 1849)
Commissario della deputazione inviata dal Parlamento siciliano a Ferdinando duca di Genova (1848)
Membro della Società siciliana di storia patria

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/20/1861
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Carlo Corsi di Bosnasco
Convalida:21/02/1861
Giuramento:18/02/1861
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d'inaugurazione di sessione parlamentare



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

    Signori Senatori![...]
    Ferdinando Monroy principe di Pandolfina appartenne alla nobiltà siciliana che, dopo aver partecipato con ardore, per tenerezza delle storiche franchigie dell’isola, alla rivoluzione del 1848, caldeggiando il regno costituzionale d’un principe di Savoia, maturi i tempi volle l’annessione a quello di Vittorio Emanuele. Così la rivendicazione di privilegi e d’un ordinamento autonomo dava la mano, dieci anni dopo, al sentimento ed al rivolgimento unitario; e le aspirazioni popolari s’intessevano col rimpianto d'antichi istituti per congiungere, sotto l’egida dell’aquila sabauda, provincie che antiche contese e nuovi maleficî borbonici avevano irreparabilmente separato!
    Dico adunque che, instauratosi nell’isola il governo di Ruggiero Settimo, il nostro, per un altro dei molti feudi dell’antica e ricca famiglia, allora principe di San Giuseppe, ebbe grado di capo di stato maggiore della guarda nazionale palermitana e sedette fra i pari elettivi del generale Parlamento. E, poiché questo ebbe eletto a Re Ferdinando duca di Genova, ne fu onorato con l’incarico di commissario della deputazione che, recando il voto al nuovo sovrano doveva fare ogni istanza perché la offerta corona venisse sollecitamente accettata. Più tardi, vinta la rivoluzione, il principe di San Giuseppe, escluso dall’amnistia, assieme ad altri quarantadue, andò e rimase in esilio.
    In Inghilterra a preferenza dimorò: dovunque visse, alla causa abbracciata fu largo di aiuti, tenne fede di gentiluomo; con la vita specchiata acquistò ai concittadini fama di patriottismo eletto, alle aspirazioni loro l’aureola di legittimo diritto.
    Nel 1860 rappresentò in Inghilterra il Governo liberatore; dopo il plebiscito fu dei primi ascritti nel gennaio 1861 al Senato.
    Per raro beneficio di natura la sua persona aitante, quale robusta quercia salda contro le traversie, faceva fino agli ultimi giorni invidia a vederla; quantunque, per essere nato a Palermo il 7 marzo 1814, avesse superata la grave età di anni ottantatré, quando vi morì la sera dello scorso 15 di marzo.
    Fu, è nostro il lutto della famiglia e della città sua. (Approvazioni).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 6 aprile 1897.
Note:Il cognome è: "Monroy", risulta anche nella variante "De Monroy".

Attività 0862_Di_Pandolfina_Ferdinando_IndiciAP.pdf