SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


DE NICOLA Enrico

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/09/1877
Luogo di nascita:NAPOLI
Data del decesso:01/10/1959
Luogo di decesso:TORRE DEL GRECO (Napoli)
Padre:Angelo
Madre:CAPRANICA Concetta
Parenti:DE NICOLA Achille, professore avvocato
Luogo di residenza:NAPOLI
Indirizzo:Corso Umberto I, 35
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Conseguiti nel:1896
Fonte:<Dizionario giuristi italiani: 1895>
Presso:Università di Napoli
Professione:Avvocato
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Napoli (1907)
Cariche e titoli: Cronista giudiziario e redattore capo del "Don Marzio" di Napoli (1897)
Presidente del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Napoli

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Alto commissario per la città e provincia di Napoli26/02/1929
Nomina:03/02/1929
Categoria:02
03
Il Presidente della Camera dei deputati
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Niccolò Melodia
Convalida:06/05/1929
Giuramento:15/05/1929

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 17 marzo 1907
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 28 luglio 1911
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 10 settembre 1912
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 gennaio 1914
Gran Cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 aprile 1922

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XXIII
Afragola
07-03-1909
XXIV
Afragola
26-10-1913
XXV
Napoli
16-11-1919
Gruppo della Democrazia liberale
XXVI
Napoli
15-05-1921
Manca il gruppo di appartenenza
Note:XXVII Collegio unico nazionale (Campania): elezione il 06-04-1924, mancata prestazione del giuramento
Cariche:Presidente (26 giugno 1920-7 aprile 1921) (13 giugno 1921-10 dicembre 1923)


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per il giudizio dell'Alta Corte di Giustizia (27 dicembre 1929-19 gennaio 1934)
Membro della Commissione degli affari interni e della giustizia (17 aprile 1939-28 gennaio 1940)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Sottosegretario di Stato al Ministero delle colonie (27 novembre 1913-19 marzo 1914)
Sottosegretario di Stato al Ministero del tesoro (19 gennaio-23 giugno 1919)


    .:: Dopo il 1945 ::.

Consulta nazionale:SI
Senato della Repubblica:Senatore di diritto e a vita
Presidente (28 aprile 1951-24 giugno 1952)
Altre cariche:Capo provvisorio dello Stato (28 giugno 1946-31 dicembre 1947)
Presidente della Repubblica (I disp. trans. Cost.) (1° gennaio-11 maggio 1948)
Giudice della Corte costituzionale (15 dicembre 1955-26 marzo 1957)
Presidente della Corte costituzionale (23 gennaio 1956-26 marzo 1957)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Cesare Merzagora, Presidente
"PRESIDENTE. (Si leva in piedi e con lui tutta l'Assemblea).

Onorevoli senatori,

tristissima è la nostra ripresa parlamentare!
Abbiamo perduto due grandi colleghi, due personalità diversissime fra loro, ma entrambe insigni, che onoravano la nostra Assemblea.
Enrico De Nicola rappresenta cinquanta anni di vita politica e parlamentare italiana.
Laureato in giurisprudenza a soli diciannove anni, alla professione - meglio diremo, alla vocazione - di avvocato, nella quale eccelse, restò fedele per tutta la vita sì da farne suo più geloso vanto.
Ancora giovanissimo, fu deputato per quattro consecutive legislature e, a 36 anni, ebbe le prime brevi responsabilità di Governo come Sottosegretario alle Colonie nel Gabinetto Giolitti e, successivamente nel 1919, come Sottosegretario al Tesoro nel Gabinetto Orlando. Quattro volte fu sollecitato ad assumere l'incarico di Presidente del Consiglio, ma ogni volta lasciò cadere l'invito.
Presidente della Camera dei deputati dal 1920 al 1923, nel turbinoso periodo in cui maturarono gli eventi che dovevano condurre al dissolvimento delle istituzioni democratiche, quando la libertà del Parlamento fu soppressa, Egli si ritirò in silenzio. Eletto ancora una volta deputato nel 1924, per la XXVII legislatura, rifiutò il mandato: nominato senatore del Regno il 2 marzo 1929, non prese mai parte ai lavori dell'Assemblea. Tornò sulla scena politica, come protagonista di primissimo piano soltanto nel 1943, e si deve infatti al suo acume giuridico la soluzione della Luogotenenza che valse a risolvere la delicata crisi costituzionale apertasi dopo l'8 settembre.
Capo provvisorio dello Stato all'indomani del referendum istituzionale del 2 giugno 1946, nei drammatici giorni della ricostruzione materiale e morale del Paese e della riedificazione dello Stato democratico, fu consigliere prudente ed assiduo del Governo, maestro e sprone della Assemblea Costituente, vivente modello di operosità e di probità per tutti i cittadini, travagliati da una crisi senza precedenti. Enrico De Nicola seppe dare allora, agli italiani e all'estero, la massima fiducia nelle possibilità di ricostruzione del Paese e nel consolidamento del nuovo ordinamento democratico e repubblicano.
La sua presenza discreta e, appunto per questo, autorevole e operante, rappresentò in quell'ora grave, densa di problemi e di difficoltà, il punto fermo intorno al quale si svolse l'attività di tutti gli organi dello Stato. Egli creò uno stile ed una prassi e fu sempre al di sopra di ogni lotta politica e di ogni interesse economico. Nella sua austera ma così umana figura, permeata di bontà e di dirittura morale, gli italiani ritrovarono il volto della giovane Repubblica ed impararono ad amarla.
Confermato all'altissimo ufficio il 26 giugno 1947, assunse, il 1° gennaio 1948, in virtù della prima disposizione transitoria della Carta Costituzionale, le attribuzioni ed il titolo di Presidente della Repubblica.
Presidente del Senato della Repubblica dal 1951 al 1952, negli anni in cui il nuovo Istituto parlamentare andava compiendo i suoi primi passi, l'inestimabile contributo recato da Enrico De Nicola alla vita e allo sviluppo dell'assemblea senatoriale è scritto in lettere d'oro nelle pagine della recente storia del Parlamento italiano.
Le sue dimissioni dall'alta carica, nel giugno 1952, se colpirono dolorosamente l'Assemblea, non la privarono peraltro del contributo della sua autorevole collaborazione.
Presidente della Corte costituzionale dal 1956 al 1957: anche in quell'occasione, il contributo dato da Enrico De Nicola alla riedificazione dello Stato democratico è stato inestimabile.
La Corte costituzionale fu da Lui diretta con assidua cura e grande decisione nei primi passi della sua faticosa organizzazione, ed ebbe un'impronta ed un avvio che ne assicurarono il successo ed il generale rispetto.
Dopo le sue dimissioni, fu riassunto nelle funzioni di senatore e tornò a far parte attiva della nostra Assemblea, riprendendo la sua naturale funzione di consigliere e di guida in materia costituzionale e regolamentare, mentre continuava a rivolgere il suo principale interesse agli studi ed ai dibattiti relativi alla forma alla riforma del Senato, alla quale egli, come Presidente della Commissione speciale, teneva in modo particolare.
Maestro di diritto e, prima ancora, di stile e di costume, Enrico De Nicola ha prodigato fino all'ultimo giorno della vita, le sue eccezionali doti di mente e di cuore al servizio della Patria e degli ideali della democrazia.
Considerando le sue note biografiche, sembra quasi impossibile che un uomo, nel corso di una pur lunga ed operosa esistenza, abbia potuto rendere al proprio Paese così cospicui servigi in occasioni tanto diverse ed in periodi così separati nel tempo.
Certo il segreto di questa prodigiosa vitalità, che seppe superare di volta in volta la asprezza dei compiti e fu sempre pervasa da un religioso senso di dedizione, non può che essere riposto nell'amore che Enrico De Nicola ebbe, in ogni istante della sua vita per la Patria "sempre considerata" - sono le sue commosse parole - "in mancanza della altra sacramentale, come la sposa teneramente e fedelmente amata".
Se il giurista ed il parlamentare si impongono alla generale ammirazione, veramente eccezionale rimane per noi il ricordo dell'Uomo e, come uomo di altissimo rango, Egli ha diritto ad una rievocazione fedele, senza veli e paludamenti che ne sfumerebbero il nobilissimo profilo.
Indubbiamente, la vita politica e le sue lotte, alle volte senza esclusione di colpi, non si addicevano al suo carattere.
Egli non voleva - direi che non poteva - avere nemici o avversari, e siccome le responsabilità dirette, le decisioni politiche provocano sempre, con i consensi, anche i dissensi, Egli preferiva consigliare, suggerire soluzioni e decisioni piuttosto che assumerle. Nato per mediare compromessi geniali di forma e di sostanza, fu insuperabile come consigliere di tutti, come Presidente di Assemblea e come Capo dello Stato, ma non volle mai essere il capo dell'esecutivo. E, siccome quando un uomo politico scompare, è sempre accompagnato da interrogativi ai quali soltanto la Storia può dare una risposta, noi ci possiamo oggi chiedere, per esempio: "Se De Nicola avesse accettato di reggere il Governo prima di Facta, anziché indicare Facta al Sovrano, quale sarebbe stato il corso della politica interna italiana?" Ma l'interrogativo cade, perché questa realtà non avrebbe mai potuto verificarsi.
De Nicola non fu Ministro, non fu capo partito; nessuna lotta politica o sindacale porta il suo nome: visse e morì senza aver mai attaccato nessuno, e le sue critiche, anche acerbe, erano sempre improntate alla più umana comprensione della posizione altrui.
De Nicola fu in politica quello che il suo temperamento gli consentiva di essere: e in ciò fu veramente grande. Conosceva se stesso meglio di ogni altro e, perciò, non usciva mai dalla sfera d'azione che Egli riteneva gli fosse congeniale. Aveva il culto dello stile e arrivò sempre alle più alte vette, disdegnando ogni manovra, con la stessa signorile dignità con la quale alle volte, anche bruscamente, ne discendeva.
Egli ambiva all'unanimità del consensi, e questo fu il limite naturale, direi fisiologico, della sua azione politica, del suo intervento negli affari determinanti del Paese.
Amava essere amato dagli italiani e, soprattutto, dalla sua Napoli che dette a lui, a "Don Enrico", la popolarità schietta e calda che soltanto il Mezzogiorno sa donare ai suoi figli migliori.
Più che mai Egli era fra noi un uomo d'altri tempi, con quelle sue manifestazioni ricche di umanità, di arguzia e di delicato tatto che la vita moderna sempre più tende a far cadere in desuetudine.
De Nicola, purtroppo, non lascia una messe copiosa di scritti, ma ci lascia il ricordo della sua vita che Egli seppe rendere meravigliosa anche nella tristezza della solitudine.
Egli non possedeva tutte le qualità che solitamente servono agli uomini politici per arrivare e che non sempre sono positive, ma si imponeva per il suo ingegno, per la sua formidabile memoria, per il culto delle sottigliezze procedurali fra le quali si muoveva da maestro, per lo scrupoloso rispetto della forma, per la chiarezza incisiva e martellante del ragionamento.
S'imponeva anche per la sua stessa ipersensibilità che lo faceva soffrire e faceva soffrire anche i suoi amici più intimi; per la sua signorile povertà, che nascondeva come avrebbe nascosto la ricchezza se l'avesse posseduta; per il suo rigorismo morale che non conosceva compromessi e, soprattutto, per la fierezza del suo carattere, indipendente, che gli lampeggiava a tratti nello sguardo come il bagliore di un faro.
Tutto ciò faceva di De Nicola un personaggio unico, inimitabile, che attirava attorno a sé colleghi ed amici e che il popolo, con la meravigliosa sensibilità che hanno le nostre masse, intuiva ed amava.
Il suo successo fu sempre frutto soltanto di queste sue doti e, in ogni occasione, De Nicola rimase fedele a se stesso, al protagonista eccezionale e ricorrente che egli era in tante fasi della vita politica italiana.
Con gli anni, certe sue qualità si esasperarono, ma ciò non mutò le caratteristiche dell'Uomo: anzi, ne incise con maggior vigore i tratti salienti nella nostra memoria.
Noi lo ricorderemo, quindi, non solamente come grande giurista, come parlamentare e Presidente insigne, ma anche come amico, come uomo, e quest'ultimo ricordo sarà sempre per noi un esempio luminoso di grande dirittura morale.
Ai familiari di Enrico De Nicola, agli abitanti di Torre del Greco, così ricchi di cuore e di poesia, alle città di Napoli e di Roma, che lo ebbero illustre Cittadino, vada il profondo cordoglio del Senato in lutto.
SEGNI, Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro dell'Interno. Domando di parlare.
PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
SEGNI, Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro dell'interno. Onorevole Presidente, onorevoli senatori, è risonata nelle parole dell'onorevole Presidente del Senato e nel tono di esse, non solo la generale stima per Enrico De Nicola ma anche la dolorosa stupefazione che colpì il Paese all'annunzio della scomparsa di uno degli uomini più illustri della storia dell'Italia contemporanea. Come ha affermato un grande, la stima dei giusti e l'affetto dei buoni vanno annoverati tra quanto di meglio possa compensare un uomo sia nella lunga fatica sia nei colpi dell'avversa fortuna.
Ora non so le mie parole possano aggiungere alcunché a ciò che magnificamente è stato detto in questa Assemblea dal vostro Presidente e non so d'altronde se questa celebrazione, che indubbiamente onora noi, aggiunga altra gloria al nome grandissimo di Enrico De Nicola. Certi uomini sembrano fatti apposta per i momenti più difficili di un popolo e di una Nazione: i momenti cioè nei quali o un popolo è messo alla prova dalla sventura, o c'è da salvare un patrimonio di ideali. Sono i tempi in cui non basta più la intelligenza ove non sia sorretta dalla probità del carattere, non è sufficiente l'esperienza se non sia accompagnata da onestà di intenti, non ci si può affidare solo all'intelligenza e alla dottrina ma occorre che a tali doti si uniscano anche il consenso e la fiducia di un popolo cosciente. Vi sono, insomma, uomini che, utili sempre ai destini di un popolo, divengono indispensabili quando c'è tutto da perdere o tutto da salvare. Uno di tali uomini fu appunto Enrico De Nicola.
In questi giorni di mesto rimpianto per la sua dipartita la stampa, l'opinione pubblica ed i vari ceti della nostra società hanno rievocato gli aspetti della sua personalità più vicini ad ognuno, tra i suoi molti interessi sociali o professionali: il giurista e l'uomo politico, il borghese e l'avvocato, il giornalista di spirito, lo statista insigne. Sarebbe del tutto inutile ripetere qui quello che è stato già detto. Basterà considerare che anche della rinuncia egli fece, oltre che mezzo di democrazia, strumento di ridimensionamento del potere proprio e altrui per il rispetto della libertà di tutti ed in ossequio alla maestà della legge. Non credo che l'uomo politico possa lasciarsi alle spalle un più chiaro ammaestramento e un più nobile esempio di vita, poiché, se è vero che oltre il tempo vivono virtù e ideali, il nome di Enrico De Nicola resa a significare altezza di ingegno e onestà di carattere.
Perciò, mentre alla stima del popolo italiano e alla riconoscenza di questa Assemblea unisco la stima e la riconoscenza del Governo, chiedo che sia consentito di esprimere alla memoria di Enrico De Nicola il mesto rimpianto di chi come me ebbe l'onore di essergli amico".

Senato della Repubblica. Atti parlamentari Resoconti stenografici, 6 ottobre 1959.

Ringraziamenti:Inviata richiesta all'Ordine degli avvocati di Napoli il 10 luglio 2009