SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


FALCONI Gaetano

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/01/1851
Luogo di nascita:FERMO (Ascoli Piceno) - oggi FERMO
Data del decesso:16/01/1925
Luogo di decesso:LORETO (Ancona)
Padre:Francesco
Madre:ERIANI Anna
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Patrizio Fermano
Coniuge:PALLOTTA Maddalena
Figli: Sara
Ferruccio
Parenti:CAPRI CRUCIANI Luigi, genero, senatore
Luogo di residenza:FERMO (Ascoli Piceno)
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Conseguiti nel:1876
Fonte:<ACS>
Presso:Università di Macerata
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Fermo (1888-1895)
Commissario regio dei comuni di S. Remo, Caltagirone, Massa di Lunigiana, Rimini e degli ospedali di Lucca (1896-1899)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Fermo
Assessore comunale di Fermo
Membro della Deputazione provinciale di Ascoli Piceno (1881-1888)
Cariche e titoli: Membro del consiglio di amministrazione della Cassa di risparmio di Fermo (1875)
Direttore amministrativo degli Ospedali riuniti di S. Chiara (Pisa) (1899-1901)
Membro del Consiglio superiore di assistenza e di beneficenza (1906)
Membro della Commissione censuaria presso il Ministero delle finanze (1917)
Regio amministratore della casa di Loreto (1917)
Fondatore dell'Istituto dei sordomuti di Ascoli e di Macerata (novembre 1918)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Deputato10/12/1922
Deputato
    Maury di Monrancez Eugenio
10/03/1923
Deputato
    Volpini Volpino
17/04/1923
Sindaco di Fermo
ante 15/04/1924
Deputato
    Mariotti [Alessandro]
16/05/1924
Deputato
    Tofani Giovanni
23/05/1924
Deputato
    Gallo Marcello
23/05/1924
Presidente del Senato
    Tittoni Tommaso
05/1924
Ministro dell'interno
    Federzoni Luigi
11/09/1924






Nomina:09/18/1924
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Calcedonio Inghilleri
Convalida:20/11/1924
Giuramento:02/12/1924

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1915-1918 I guerra mondiale
Mansioni:capitano
Volontario:SI
Decorazioni:Croce di guerra; Medaglia d'argento al valore militare

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XXI
Fermo
03-06-1900
XXII
Fermo
06-11-1904
XXIV
Montegiorgio
02-11-1913
Ballottaggio



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Tommaso Tittoni, Presidente
      "PRESIDENTE. (Si alza e con lui si alzano i senatori ed i ministri).

      Onorevoli Colleghi,

      Altri lutti dolorosi ci hanno purtroppo colpito nel non lungo intervallo dei nostri lavori.
      [...]
      Dopo breve malattia, il 16 gennaio, chiudeva la sua vita in Loreto il conte Gaetano Falconi, dottore in giurisprudenza, ch'era nato a Fermo il 1° giugno 1851.
      Figura mirabile di cittadino, come con fede operosa si prodigò nelle importanti cariche pubbliche che gli furono affidate nella sua provincia nativa, da consigliere comunale, assessore e sindaco di Fermo a consigliere e deputato provinciale, così alla Camera dei deputati, dove sedette sui banchi della destra per tre legislature, rappresentante del collegio di Fermo per la XXI e la XXII e del collegio di Montegiorgio per la XXIII [sic], fu strenuo agitatore e difensore dei più importanti problemi e interessi del Paese. Assiduo alle sedute parlamentari, nelle discussioni di maggior rilievo sui più svariati argomenti intervenne spesso con la sua parola sobria, equilibrata, pervasa sempre dal più grande amore per la Patria.
      E di questo amore dette fulgida prova quando allo scoppio della conflagrazione europea, dolente che l'unico suo figliuolo, gravemente infermo, non potesse compiere il suo dovere di italiano, corse egli, all'età di 64 anni, volontario, nelle prime file dell'esercito e si battè eroicamente venendo ferito e meritandosi col grado di capitano la medaglia d'argento al valore.
      Nell'istesso tempo, nei periodi di attività parlamentare era alla Camera a levare la sua parola, con patriottismo non meno fervido, contro ogni forma di disfattismo, a sostenere con ardore giovanile, nei momenti di maggiore perplessità, la necessità suprema di resistere e di vincere.
      Gaetano Falconi aveva un animo nobilissimo e, squisitamente sensibile alle sventure umane, si dedicò con amore ad opere di pietà e di beneficenza: fondò fra l'altro, impiegandovi con generosa donazione le sue sostanze, l'Istituto per i sordomuti di Ascoli e di Macerata ed era da molto tempo sagace amministratore della Santa Casa di Loreto. Fece parte altresì per lunghi anni del Consiglio superiore della pubblica beneficenza ed attualmente era pure presidente dell'Opera Pia Carducci.
      L'inesorabile destino ha voluto che Gaetano Falconi, pochi mesi dopo la sua meritata nomina a senatore - era nostro collega dal 18 settembre scorso - venisse a mancare, quando avrebbe potuto ancora compiere utile opera per il Paese e per la sua terra nativa.
      Salutiamo reverenti la memoria di questo esemplare cittadino e mandiamo alla famiglia desolata ed alla città nativa l'espressione del nostro sincero cordoglio. (Bene).
      FEDERZONI, ministro dell'interno. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FEDERZONI, ministro dell'interno. Alle parole nobilmente dette dall'illustre Presidente di questa Assemblea, il Governo desidera aggiungere l'espressione del suo fervido compianto per la perdita dei senatori [...], Falconi, [...] i quali tutti, nell'esercizio dei più alti uffici pubblici, nell'attività svolta in Parlamento, nell'acquisto delle maggiori benemerenze civili, lasciarono traccia luminosa e ricordo meritorio dell'opera data per la patria". (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 20 gennaio 1925.