SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


TAMASSIA Nino

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/01/1860
Luogo di nascita:REVERE (Mantova)
Data del decesso:11/12/1931
Luogo di decesso:PADOVA
Padre:Serafino
Madre:MALAGOLA Elisa
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:CENTAZZO Carmelita
Figli: Mirella
Fratelli:Pia
Arrigo, senatore (vedi scheda)
Luogo di residenza:PADOVA
Indirizzo:Via Ospedale, 10
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia
Professione:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore ordinario di Storia del diritto italiano all'Università di Parma (28 novembre 1886)
Professore ordinario di Storia del diritto italiano all'Università di Pisa (13 maggio 1888)
Professore ordinario di Storia del diritto italiano all'Università di Padova (8 agosto 1895)
Preside della Facoltà di giurisprudenza dell'Università di Padova (1910-1919)
Cariche e titoli: Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1905-1910)
Membro corrispondente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (22 maggio 1897)
Membro effettivo dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (19 luglio 1906)
Membro effettivo pensionato dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (15 aprile 1920)
Vicepresidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (2 febbraio 1926-18 febbraio 1828)
Presidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (19 febbraio 1928-6 febbraio 1930)
Socio corrispondente della Deputazione di storia patria per le Venezie (5 novembre 1899)
Socio effettivo della Deputazione di storia patria per le Venezie (10 novembre 1918)
Presidente dell'Accademia di scienze, lettere e arti di Padova (1918-1920)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei (25 luglio 1921)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei (4 novembre 1926)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/06/1919
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Raffaele Perla
Convalida:10/12/1919
Giuramento:12/12/1919

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 25 marzo 1894
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 27 ottobre 1907
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 29 maggio 1913
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 12 gennaio 1919
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 19 gennaio 1905
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 15 settembre 1909


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione speciale per l'esame della proposta "Per modificazioni al Regolamento Giudiziario del Senato per stabilire incompatibilità per il patrocinio dinnanzi all'Alta Corte di giustizia" (9 giugno 1923)
Membro supplente della Commissione d'istruzione dell'Alta Corte di giustizia (3 giugno 1924-8 dicembre 1925. Dimissionario)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Luigi Federzoni, Presidente

      Ancora un grave lutto ha colpito dolorosamente, insieme con la scienza, il Senato. A Padova, ove la sua Cattedra di storia del diritto italiano onorava il secolare Ateneo, è morto il nostro amatissimo collega Nino Tamassia. Egli era un maestro nel più pieno e alto senso di questa grande parola: maestro per la profonda sapienza umanistica, per l'originalità del pensiero, per la capacità geniale di attrarre, interessare e educare i giovani, con un calore di vita e di spirito nazionale che accompagnava sempre, nelle importanti opere da lui dettate, come nell'insegnamento orale, il rigore del metodo scientifico. Mantovano di origine, padovano di elezione, Nino Tamassia impersonava nobilmente la generosa tradizione patriottica della sua terra natale e del glorioso studio di cui fu vanto. Egli era stato uno dei più ferventi propugnatori dell'intervento nella guerra mondiale, facendo dei propri discepoli altrettanti strenui soldati d'Italia; e durante il lungo conflitto uno di coloro che più alacremente ed efficacemente operarono, in Padova esposta alle crudeli offese del nemico, per la concordia e per la resistenza. Nominato senatore nel 1919, sostenne coraggiosamente in quest'Aula, contro tutte le rinunzie, le rivendicazioni sancite dalla storia e dai trattati, e auspicò la instaurazione di una azione di Governo che fosse degna dell'Italia e della vittoria. I massimi interessi della nostra cultura trovarono nella parola di lui concitata e sagace difesa. L'età non affievolì la gagliardia spesso irruente del suo temperamento naturalmente portato alla polemica, non mai per animosità contro le persone, ma solo per attaccamento appassionato alle idee. Anche avversario, fu rispettato per la fiera e adamantina rettitudine e l'esemplare lealtà.
      Stamane nella solenne sede dell'Ateneo, ripetendo un classico rito ch'è di esaltazione piuttosto che di compianto, gli studenti di Padova hanno alzato tre volte la salma del caro e illustre maestro, invocandone il nome e la memoria. Restino l'uno e l'altra, a conforto di quanto amarono Nino Tamassia, a luminoso esempio per le nuove generazioni.
      ROCCO, ministro della giustizia. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      ROCCO, ministro della giustizia e degli affari di culto. Onorevoli senatori, gran cuore d'italiano, grande intelletto di storico e di giurista fu Nino Tamassia; educatore di tante generazioni di giovani al culto della patria e della scienza. Nel campo della storia del diritto, egli segnò orme incancellabili.
      Avendo avuto la ventura di essere per 14 anni collega suo nell'Ateneo padovano, ho avuto la possibilità di apprezzarne le altissime doti della mente e del carattere.
      A nome del Governo, mi associo alla commossa commemorazione del nostro Presidente

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 14 dicembre 1931.

Note:Il nome risulta essere: "Giovanni".
Ringraziamenti:- Sindaco di Mantova sig.ra Fiorenza Brioni
- Dott.ssa Annamaria Mortari del Servizio archivistico del Comune di Mantova
-Sindaco del Comune di Revere (Mantova) Regina Gloria Bonini
- Prof. Leopoldo Mazzarolli, presidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere e arti
- Dott. Carlo Urbani - Istituto veneto di scienze, lettere e arti
- Dr.ssa Maria Stella - ufficiale dello stato civile Comune di Padova


Attività 2163_Tamassia_Nino_IndiciAP.pdf