SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


TADDEI Paolino

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/22/1860
Luogo di nascita:POGGIO A CAIANO, frazione di Carmignano, (Firenze) - oggi POGGIO A CAIANO (Prato)
Data del decesso:15/10/1925
Luogo di decesso:FIRENZE
Padre:Ferdinando
Madre:BINDI Paolina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Parenti:TADDEI Leopoldo, zio paterno
BINDI Enrico, vescovo, parente della madre
TADDEI Luigi, avo paterno
TADDEI Leopoldo, zio, fratello del padre
Luogo di residenza:ROMA
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:UniversitÓ di Pisa
Professione:Prefetto
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Prefetto di Ferrara (16 marzo 1910)
Prefetto di Perugia (1░ febbraio 1913)
Prefetto di Ancona (incaricato, 9 giugno 1914) (titolare, 1░ agosto 1914)
Prefetto di Torino (30 agosto 1917-1░ agosto 1922)
Consigliere di Stato (29 ottobre 1922)
Cariche e titoli: Commissario reggente il comune di Torino (12 luglio 1909)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/03/1920
Categoria:17
Relatore:Giovanni Cassis
Convalida:10/12/1920
Giuramento:11/12/1920
Annotazioni:Gruppo Senato: Unione democratica

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1919
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 1920


    .:: Governo ::.

Governo:Ministro dell'interno (1░ agosto-31 ottobre 1922)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tommaso Tittoni, Presidente

      Onorevoli colleghi. Prima di iniziare i nostri lavori rammentiamo i cari colleghi scomparsi durante le vacanze parlamentari. [...]
      Il 15 ottobre improvvisamente cessava di vivere in Firenze il senatore Dott. Paolino Taddei che era nato in Poggio Caiano il 22 gennaio 1860.
      Laureatosi in giurisprudenza nel 1883 nella R. UniversitÓ di Pisa, pochi anni dopo entrava nella carriera amministrativa e, alunno nel 1886 all'interno, prima nell'amministrazione provinciale e poi in quella centrale saliva, quale funzionario di grande valore, ai pi¨ alti gradi. Ispettore generale dal 1907 esplet˛ con competenza e con plauso incarichi importantissimi fra cui quello di commissario del Comune di Torino. Prefetto dal 1910 resse varie provincie in periodi assai difficili esplicando opera che fu apprezzatissima e che lo fece considerare come uno dei migliori prefetti del Regno.
      Nel reggere la prefettura di Ferrara si distinse altamente per l'avvedutezza dimostrata nel tener fronte a preoccupanti competizioni economiche e sociali e riuscý in particolare a comporre un grave conflitto sorto in quella provincia fra le associazioni di proprietari di terreni e quelle proletarie con un lodo che Ŕ rimasto memorabile nella storia del sindacalismo e servý di base ad altri analoghi concordati in varie regioni.
      Fu successivamente prefetto a Perugia e, chiamato poi ad Ancona nel 1914 in un periodo infausto, spieg˛ opera energica ed equilibrata che giov˛ al pronto ristabilimento dell'ordine pubblico: destinato quindi a reggere la prefettura di Torino dopo il doloroso agosto del 1917 riuscý a padroneggiare una situazione difficilissima per oltre cinque anni, contribuendo con la sua tenacia e col suo tatto alla soluzione di numerosi dissidi fra maestranze e industriali. Era il Taddei un uomo di larghe vedute che aveva penetrato appieno le nuove necessitÓ della politica sociale e con la sua previggenza seppe rendere segnalati servigi al paese.
      Chiamato al Governo nel 1922 nel secondo Ministero Facta, vi rimase per breve tempo a dirigere l'amministrazione dell'interno in momenti ben delicati e fu poi nominato consigliere di Stato facendosi anche nell'alto consesso assai apprezzare.
      Era senatore dal 3 ottobre 1920 e il suo ingresso al Senato fu giusto riconoscimento delle benemerenze da lui acquistate e ci dette la collaborazione preziosa di un collega di larga competenza ed esperienza amministrativa, di un collega che assiduamente interveniva alle nostre sedute, partecipando anche ad importanti discussioni.
      Il senatore Taddei lascia di sÚ un caro ricordo per la sua vita operosa e per il tratto signorile che ognora lo distinse.
      Nell'inchinarci dinanzi alla tomba di lui che ci Ŕ stato immaturamente tolto, ci raccogliamo nel pi¨ vivo dolore e porgiamo alla famiglia crudelmente colpita le condoglianze pi¨ sentite. (Bene). [...]
      FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Mi associo in nome del Governo alle commemorazioni dei senatori. [...]
      Taddei.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 16 novembre 1925.

Ringraziamenti:Dott. Luigi Corsetti, responsabile dei Servizi culturali e turistici di Poggio a Caiano

AttivitÓ 2156_Taddei_IndiciAP.pdf