SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno di Sardegna » Scheda Senatore  


SAGARRIGA Girolamo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/29/1810
Luogo di nascita:BARI
Data del decesso:29/01/1875
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Giorgio
Madre:CARICOLA Anna Maria
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese
Coniuge:De Vincentiis Lucia
Fratelli:Giuseppe
Giorgio
Parenti:Sagarriga Visconti Giorgio, bisavolo paterno
Volpi Caterina, bisavola paterna (diede origine al ramo Sagarriga Visconti Volpi)
Sagarriga Visconti Volpi Girolamo, avo paterno
Affaitati Eleonora, ava paterna
Giuseppe, zio paterno
Nicola, zio paterno
Caterina, zia paterna
Maria Giuseppa, zia paterna
Nicoletta, zia paterna
Francesca di Paola, zia paterna
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Napoli
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Deputato al Parlamento napoletano (1848-1849)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/20/1861
Categoria:20 Coloro che con servizi o meriti eminenti avranno illustrata la Patria
Relatore:Alessandro Pinelli
Convalida:21/01/1862
Giuramento:17/02/1862

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine costantiniano 1836


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

    Signori Senatori,
    ufficio ingratissimo è oggi per me quello di contristarvi coll’annunzio di altre perdite luttuose.
    Il giorno 23 [sic] dello scorso mese cessava di vivere in Napoli il Senatore cav. Gerolamo Sagarriga-Visconti. Appartenente ad antica e nobilissima famiglia spagnuola, trapiantatasi in Italia sino dai primi anni del secolo XVI ed ascritta al patriziato delle città di Giovenazzo e di Bari, il compianto nostro collega, voglioso di quella più ampia istruzione che soltanto nei grandi centri può acquistarsi, si recò giovanissimo a Napoli, ove consacrò il tempo e l’ingegno suo svegliatissimo allo studio del diritto e delle lingue antiche e moderne.
    Dotto in giuresprudenza e già ricco di svariata coltura, egli volle perfezionare le cognizioni acquistate in Italia, visitando le principali regioni dell’Europa, dappertutto studiando i costumi dei popoli ed i sistemi dei Governi e delle Amministrazioni.
    Ritornato in patria, apparve a tutti che ebbero ad avvicinarlo, uomo di vasta e soda istruzione; e tra per la fama di cui sotto quel rispetto godeva, tra per la riputazione giustamente attribuitagli di cittadino onoratissimo, amante di ogni civile progresso, appassionato per la libertà e l’indipendenza della Patria, i concittadini suoi gli affidarono nel 1848 il mandato di rappresentarli al primo Parlamento napolitano, del quale può disgraziatamente dirsi che morì quasi prima di nascere.
    Quel Parlamento infatti fu sciolto colla forza brutale; ma il Deputato Sagarriga-Visconti non disertò il suo stallo se non quando ne fu espulso dai pretoriani di un principe fedifrago.
    Le rovine dell’edifizio costituzionale colpirono lui impavido; ed appunto quando la reazione imperversava più terribile nelle vie di Napoli, Girolamo Sagarriga, unito ad altri animosi colleghi suoi, sottoscrisse la famosa protesta contro la patita violenza.
    Negli anni tristissimi che succedettero alla vittoria della forza sul diritto, il coraggioso firmatario della protesta, il cavaliere Sagarriga, non vacillò nella sua fede politica; ma fermo nei suoi liberali convincimenti, vide finalmente sorgere l’alba fortunata della libertà, dei plebisciti e dell’unità della patria; e fu allora che, mentre due collegi elettorali della provincia Barese si apprestavano a conferirgli di nuovo il mandato popolare, il Governo dell’Italia redente ed unificata lo chiamava al Senato, come uno di quei cittadini che con servizî e meriti eminenti illustrarono la patria.
    E molti ed importantissimi egli ne rese, molte benemerenze acquistò verso i suoi concittadini, e di queste mi basterà rammentare una sola.
    Il Senatore Sagarriga-Visconti possedeva una biblioteca ricca di opere pregevolissime per merito intrinseco e per rarità di edizioni. Di essa fece alla città di Bari spontaneo e generoso dono; e quel Municipio, accettandolo, decretò venisse aperta ad uso del pubblico, e dal nome del generoso donatore s’intitolasse"Biblioteca Sagarriga".
    Ben a ragione pertanto la città di Bari piange la perdita di questo benemerito suo cittadino, ed il Senato deplorerà la dipartita di un illustre suo membro.

    Senato del Regno, Atti parlamentari, Discussioni, 11 febbraio 1875.
Note:Il cognome completo risulta essere: "Sagarriga Visconti Volpi".
Il nome completo risulta essere: "Girolamo Maria Raffaele Simeone Nicola".
Fondatore della Biblioteca Sagarriga Visconti Volpi di Bari il 30 luglio 1863

Ringraziamenti:Dottoressa Eugenia Avvantaggiato dirigente dell'Archivio di Stato di Bari
Dottoressa C. Desantis funzionario dell'Archivio di Stato di Bari


Attività 1968_Sagarriga_IndiciAP.pdf