SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


BISTOLFI Leonardo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

    Data di nascita:
03/15/1859
    Luogo di nascita:
CASALE MONFERRATO (Alessandria)
    Data del decesso:
03/09/1933
    Luogo di decesso:
LA LOGGIA (Torino)
    Padre:
Giovanni, scultore
    Madre:
MEZZANA o AMISANO Angela
    Coniuge:
GUSBERTI Maria
    Figli:
Gian Lorenzo
    Luogo di residenza:
TORINO
    Altra residenza:
LA LOGGIA (Torino)
    Titoli di studio:
Diploma di Accademia di belle arti
    Conseguiti nel:
1880
    Fonte:
<DBI><Comune di La Loggia - sito ufficiale>
    Presso:
Accademia albertina di Torino
    Professione:
Scultore
    Cariche amministrative:
Consigliere provinciale di Torino (1914-1920)
    Cariche e titoli:
Socio onorario dell'Accademia albertina di Torino
Segretario del Circolo degli artisti di Torino

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/01/1923
Categoria:20
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:30/05/1923
Giuramento:30/05/1923

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia (1915)



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, Presidente
          "PRESIDENTE. Numerose e gravi perdite hanno dolorosamente colpito il Senato durante l'interruzione delle nostre sedute. Uomini di alto prestigio intellettuale, fra i più eminenti nella vita culturale della Nazione, antichi e insigni parlamentari, nei quali l'autorità era eguale alla esperienza, benemeriti servitori dello Stato, patrioti di incorrotta esemplare fedeltà agli ideali, donde l'Italia nuova ha tratto le energie per la propria rigenerazione, hanno lasciato in quest'aula ricordi e rimpianti che oggi incombono su noi con tanto più accorata mestizia per l'impossibilità di una degna rievocazione.
          [...]
          Leonardi Bistolfi fu uno scultore poeta; né mancò chi, pur innanzi alla spoglia lacrimata di lui, gli fece addebito di quella virtù di trasfigurazione lirica che il maestro monferrino sapeva infondere alle forme modellate. Ma io non mi cimenterò a rivendicare contro le negazioni suggerite dalle labili mode la luminosa individualità creatrice del Bistolfi, e meno che mai in questa sede, quando a difendere l'artista bastano, e più basteranno in avvenire, le opere alle quali egli conferì un palpito di vita che sembra scioglierle dall'immobilità della materia. Dal 1903 Leonardo Bistolfi onorava la nostra assemblea, della quale fu assiduo e dove tutti nutrivano per lui un sentimento profondo di affettuosa e reverente ammirazione.
          MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Domando di parlare.
          PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
          MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Il Governo si associa alle nobili parole del Presidente ed al cordoglio dell'Assemblea".

          Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1933.